Leggere questo articolo in:

Effetti della cisteamina cloridrato incapsulato nella dieta sulla qualità delle carni suine

Le integrazioni alimentari con cisteamina cloridrato nei suini in fase di finissaggio possono promuovere la stabilità del colore della carne riducendo l'ossidazione...

Martedì 23 Luglio 2019 (3 mesi 30 giorni fa)
mi piace

La qualità della carne è un fattore economico importante nella produzione zootecnica, essendo il suo colore il principale fattore che governa le decisioni di acquisto da parte dei consumatori. Il colore della carne è suscettibile allo stress ossidativo ed alla perossidazione lipidica. Pertanto, gli antiossidanti come additivi funzionali per mangimi, sono stati applicati in zootecnia, per aumentare il valore commerciale della carne.

La cisteamina, un metabolita degli animali, viene utilizzata come nuovo additivo per mangimi nella produzione animale sotto forma di cisteamina cloridrato incapsulato (CC) grazie alla sua attività antiossidante e come promotore della crescita. È stato ipotizzato che il miglioramento della qualità della carne sia dovuto all'effetto della cisteamina, aumentando sia i livelli di GSH che l'attività antiossidasica: potrebbe proteggere i muscoli dallo stress ossidativo e dalla perossidazione lipidica.

Pertanto, l'obiettivo del presente studio era di esaminare se la cisteamina incapsulata migliorasse le prestazioni di crescita e la qualità della carne, ritardando l'ossidazione del pigmento eme e degli acidi grassi nei muscoli dei suini in fase di finissaggio. A tale scopo, un totale di 288 suini incrociati (Duroc × Landrace × Yorkshire) con un peso corporeo iniziale di 88,3 ± 0,3 kg sono stati randomizzati in quattro gruppi dietetici, con otto box per gruppo e nove suini per box. I suini sono stati alimentati con una dieta a base di mais e soia contenente 0 (controllo), 0,035, 0,070 o 0,140 g / kg di CC per 29 giorni. Alla fine dell'esperimento, un suino è stato selezionato a caso da ciascun box per raccogliere campioni muscolari di longissimus dorsi che sono stati conservati a 4° C per valutare la qualità della carne.

Di conseguenza, l'integrazione con CC nella dieta ha aumentato i valori a * e H * e ridotto il valore L * nei muscoli longissimus dorsi a 48 ore postmortem. Nei suini alimentati con la dieta CC si è avuto un miglioramento nel contenuto di desossiemoglobina ed è stato ridotto il contenuto di metamioglobina e malondialdeide. I suini alimentati con una dieta CC di 0,035 g / kg avevano una perdita alla cottura inferiore e un valore a * più alto (24 ore) nei muscoli longissimus dorsi rispetto ai suini di trattamento di controllo.

L'integrazione alimentare con CC ha avuto un effetto significativo sul colore della carne che è stato osservato 48 ore dopo la macellazione. Una dose di 0,035 g / kg si è dimostrata la dose ottimale di CC per migliorare la qualità della carne, in particolare conservando il suo colore dopo una lunga conservazione a freddo, migliorando la capacità antiossidante e riducendo l'ossidazione dei lipidi.

Bai, M., Liu, H., Xu, K., Zou, B., Yu, R., Liu, Y., Xing, W., Du, H., Li, Y., & Yin, Y. (2018). Effects of dietary coated cysteamine hydrochloride on pork color in finishing pigs. Journal of the Science of Food and Agriculture, 98(5), 1743-1750. https://doi.org/10.1002/jsfa.8647

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags