Leggere questo articolo in:

Prestazioni riproduttive dopo il trasferimento non chirurgico di embrioni (embryo transfer)

L'obiettivo di questo studio era di valutare gli effetti del N° di parti delle scrofe riceventi svezzate sulla fertilità e sulla prolificità dopo il trasferimento non chirurgico di embrioni nella profondità dell'utero.

Martedì 26 Dicembre 2017 (3 mesi 27 giorni fa)

Con lo sviluppo della tecnologia di trasferimento dell'embrione non chirurgico (ET-embryo transfer) nella profondità dell'utero (NsDU-non-surgical deep uterine), l'applicazione commerciale di ET nei suini è ora possibile. Tuttavia, ci sono molti fattori che influenzano l'efficacia del NsDU-ET che devono essere affrontati. L'obiettivo di questo studio era di valutare gli effetti del N° di parti delle scrofe riceventi svezzate sulla fertilità e sulla prolificità dopo la NsDU-ET. Le scrofe riceventi (n = 120) sono state selezionate in base alla loro storia riproduttiva e condizione corporale e raggruppate in 3 categorie in base al loro N° di parti: scrofe primipare, scrofe di 2° parto e scrofe di N° di parti da 3 a 5. Trenta embrioni freschi (morule e blastocisti senza schiusa-morulae and unhatched blastocysts) sono stati trasferiti senza intervento chirurgico a una delle corna uterine di ciascuna scrofa ricevente.

Nel 98,3% delle scrofe riceventi è stato possibile inserire il catetere NsDU-ET attraverso la cervice lungo un corno uterino. Il N° dei parti nelle scrofe non ha influenzato il grado di difficoltà degli inserimenti o la percentuale di inserimenti corretti. La cervice e la parete uterina non sono state perforate durante le inserzioni e non è stata osservata alcuna perdita vaginale dopo il trasferimento in nessuna delle scrofe riceventi. Non ci sono state differenze nella fertilità (74,8%), e portata al parto (71,2%) o dimensione della figliata (9,6 ± 3,3) tra i gruppi. Inoltre, non vi sono state differenze tra i gruppi riguardo al peso alla nascita dei suinetti o all'efficenza della produzione di suinetti.

In conclusione, questi risultati mostrano che le scrofe svezzate con N° di parti da 1 a 5 sono adatte per essere utilizzate come destinatarie nei programmi NsDU-ET, il che aumenta le possibilità di utilizzare il trasferimento di embrioni nelle aziende suinicole destinatarie.

Martinez, E., Nohalez, A., Martinez, C., Parrilla, I., Vila, J., Colina, I., Diaz, M., Reixach, J., Vazquez, J., Roca, J., Cuello, C. and Gil, M. (2016), The Recipients' Parity Does Not Influence Their Reproductive Performance Following Non-Surgical Deep Uterine Porcine Embryo Transfer. Reprod Dom Anim, 51: 123–129. doi:10.1111/rda.12654

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags