Leggere questo articolo in:

Sovradosaggio di fitasi sulle performance di suinetti svezzati alimentati con diete povere di ferro

Un sovra-dosaggio di fitasi nella dieta può essere una strategia utile per migliorare lo stato di carenza di ferro, come accade dopo lo svezzamento...

Mercoledì 5 Settembre 2018 (2 mesi 7 giorni fa)
mi piace

L'iniezione intramuscolare profilattica di ferro (Fe) nei suinetti, può essere insufficiente per prevenire la carenza di Fe. Il presente esperimento è stato condotto per testare l'ipotesi che una super dose di fitasi migliorasse le prestazioni dei suinetti svezzati alimentati con una dieta carente di Fe, attraverso un aumento della biodisponibilità del fitato legato a Fe. Un totale di 234 suini (7,6 + 0,16 kg di PC) sono stati svezzati a circa 28gg di età e alloggiati in box di 4 o 5 capi eguagliati per peso, sesso e figliata di origine. I trattamenti dietetici sono stati somministrati per 20gg con un disegno fattoriale 3 × 2 con 3 livelli di fitasi (0, 500 o 2500 FTU / kg di mangime) e 2 livelli di Fe (50 [basso, L-Fe] o 300 [alto ; H-Fe] mg / kg di mangime come FeSO4) in una dieta a base di frumento e soia. Alla fine dell'esperimento, un soggetto per box è stato sacrificato per prelevare campioni di sangue, plasma, fegato e digestione ileale.

Il trattamento dietetico L-Fe ha comportato un apporto medio giornaliero inferiore rispetto alla dieta H-Fe. L'interazione Fe x fitasi ha dimostrato che la fitasi a 2500 FTU / kg ha migliorato l'icremento medio giornaliero nei suini alimentati con la dieta L-Fe a un livello paragonabile ai suini alimentati con H-Fe. Tuttavia, questo effetto è diminuito quando H-Fe è stato aggiunto alla dieta. La riduzione del livello di Fe nella dieta ha portato a riduzioni della concentrazione di emoglobina, ematocrito, Fe e ferritina nel plasma e Fe epatico. Inoltre, la transferrina plasmatica era più alta nei suini alimentati con la dieta L-Fe. L'aggiunta di fitasi a 2500 FTU / kg tendeva ad aumentare la concentrazione dell'ematocrito, ma non ha avuto influenza sugli altri indici misurati. C'è stata un'interazione tra Fe x Fitasi per la degradazione dell'InsP6 ileale, che ha riflesso quello osservato per l'IMG: la fitasi ha aumentato l'idrolisi di InsP6 in misura maggiore quando è stata aggiunta alla dieta L-Fe rispetto alla dieta H-Fe (68 , 2 vs 30,8%).

Presi nel loro insieme, i dati indicano che alte dosi di fitasi possono effettivamente migliorare le prestazioni dei suinetti svezzati con diete carenti di Fe. Tuttavia, questo beneficio di alte dosi di fitasi è ridotto nelle diete ricche di Fe. Ulteriori ricerche sono necessarie per chiarire gli effetti di alte dosi di fitasi sulla biodisponibilità del Fe.

Laird, S., Kühn, I., and Miller, H. M. (2018). Super-dosing phytase improves the growth performance of weaner pigs fed a low iron diet. Animal Feed Science and Technology. 242:150-160. https://doi.org/10.1016/j.anifeedsci.2018.06.004

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags