Leggere questo articolo in:

Uso di una nuova fitasi : effetti sulla digeribilità del P nelle scrofe in lattazione

La somministrazione di un basso livello di P con fitasi non influenza le performace produttive delle scrofe.

Mercoledì 13 Maggio 2015 (4 anni 4 mesi 10 giorni fa)
mi piace

I suini sono carenti di fitasi salivare e gastrica e l'attività delle fitasi endogene generate dalla mucosa del piccolo intestino è insufficiente per idrolizzare il P fitinico. Pertanto, il P non utilizzato viene escreto e può dar luogo a contaminazione ambientale se non viene gestito adeguatamente. 

L'obiettivo di questo lavoro fu studiare l'efficacia di 500 FTU/kg di fitasi microbica da C. braakii in scofe lattanti alimentate con una dieta a base di frumento con bassa disponibilità di P sulla digeribilità totale apparente (DTA) del P, calcio (Ca), proteina grezza (PB) ed energia grezza così come le concentrazioni dei parametri plasmatici associati all'assorbimento dei nutrienti in comparazione con una dieta normale formulata con P disponibile.

Il consumo delle scrofe ed il peso vivo (PV) furono controllati per assicurare il mantenimento delle performance delle scrofe. In totale, 45 scrofe gestanti (Large W × Landrace) furono alloggiate individualmente e furono alimentate con una delle 3 diete sperimentali : (1) controllo positivo (CP; 5,2 g P disponibile/kg), dieta regolare con P inorganico; (2) controllo negativo (CN; 2,0 g P disponibile/kg) senza P inorganico; e (3) CN + 500 FTU/kg (NC + PHY). Le scrofe furono alimentate a partire dal 108° giorno di gestazione fino al 15° giorno di lattazione. I campioni di sangue furono prelevati il giorno 1 e 15 di lattazione per determinare i minerali plasmatici (P, Ca, magnesio, rame, ferro e zinco) ed i livelli plasmatici di urea, glucosio, proteine totali, albumina e globuline.

Il giorno 15 di lattazione, la dieta supplementata con fitasi aumentó (P <0,05) la DTA del P da 0,34 a 0,46 rispetto al CN, pero no influenzò la DTA della PB, energia grezza e Ca. Il giorno 1 di lattazione, il P plasmatico fu di 0,66 mmol/L minore (P <0,05) nelle scrofe alimentate con CN che con CP. La supplementazione con fitasi nel CN aumentó (P <0.05) la concentrazione plasmatica di P 0,40 mmol/L al giorno 1, però non il giorno 15. Il consumo ed il peso vivo non erano differenti tra i tre trattamenti.

In conclusione, la supplementazione di una dieta a base di frumento basso in P per diete di scrofe in lattazione con 500 FTU/kg di fitasi microbica da C. braakii aumentó la digeribilità del P. Pertanto, offre una misura per ridurre l'escrezione fecale di P nelle scrofe. Per questo, può ridurre il costo alimentare mediante la riduzione delle quantità di P inorganico aggiunto alle diete e può ridurre la contaminazione ambientale. 

Nasira, Z., Brozb, J. and Zijlstra, R.T. 2014. Supplementation of a wheat-based diet low in phosphorus with microbial 6-phytase expressed in Aspergillus oryzae increases digestibility and plasma phosphorus but not performance in lactating sows. Animal Feed Science and Technology, 198; 263-270. doi.org/10.1016/j.anifeedsci.2014.10.008

Articoli correlati

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags