Leggere questo articolo in:

Equilibrio instabile o brividi da freddo ricorrente...

Ogni settimana viene fissato un nuovo prezzo che riflette un equilibrio momentaneo ed instabile, ma necessario ed imprescindibile...

Giovedì 7 Giugno 2018 (3 mesi 15 giorni fa)
mi piace

Un brivido attraversa la spina dorsale dei produttori di suini spagnoli, quando si rendono conto che il mese di maggio è finito ed il prezzo non riesce a decollare. € 1.194 / kg all'inizio di giugno non è un prezzo che punta ad una medaglia.

Tutti sanno che esistono tre tipi di equilibrio: stabile (ogni corpo separato dalla sua posizione di equilibrio tende a recuperarlo), indifferente (ogni corpo rimosso dalla sua posizione di equilibrio rimane stabile nella nuova posizione) e instabile (ogni corpo separato dalla sua posizione di equilibrio, va fuori controllo). Bene, il mercato dei suini spagnoli ci offre un campione di equilibrio instabile. Ogni settimana viene fissato un nuovo prezzo che è il risultato di molteplici fattori (offerta di capi, fabbisogno dei macelli, peso medio delle carcasse e loro tendenza, evoluzione dei mercati vicini, ecc...), e questo prezzo settimanale riflette l'equilibrio momentaneo ed instabile, però necessario ed imprescindibile (dopo tutto bisogna comunque pagare i suini!).

La verità è che nei tre mercati di maggio ci sono state 2 conferme e 3 aumenti modesti (+0.008; +0.016; +0.014). Il prezzo non finisce di arrancare e temiamo che questo continui. Abbiamo commentato un mese fa che la curva del prezzo di quest'anno sembrava una riproduzione di quella del 2015. In questo momento è più che evidente: è completamente tracciata !!. Pertanto, raggiungiamo € 1,26 / kg di peso vivo, come prezzo massimo dell'anno. Temiamo che in questo esercizio non raggiungeremo nemmeno quel livello...

I suini che vengono offerti vengono macellati. Tutti i macelli hanno più scorte di quanto vorrebbero. Il buon tempo primaverile (barbecue in Europa) ha brillato per la sua assenza. Nessuno dei nostri mercati clienti internazionali si trova in una posizione di domanda chiara. Non rileviamo alcun fattore di ottimismo...

Che ci piaccia o no, esportiamo quasi il 60% delle carni suine che produciamo... Questo fatto non è affatto banale e ci rende molto dipendenti da ciò che accade nei mercati internazionali. Il panorama globale è di crescita globale dell'offerta e di una certa stagnazione della domanda. Tutte le previsioni indicano un aumento sostenuto della domanda mondiale, ma, per ora, la produzione è cresciuta al di sopra della domanda.

Inevitabilmente, ci sarà un riadattamento (almeno a livello europeo) e un nuovo inizio.

L'autunno è annunciato crudo... Toccherà resistere... È una gara di fondo e non vale la pena arrendersi...

Dal proverbio spagnolo: "Nessuno può evitare quello che verrà" o l'equivalente "Soffrirai rimpianti senza cercarli".

Guillem Burset

Guillem Burset

Articoli

Le decisioni politiche governano il mercato...12-Giu-2018 3 mesi 10 giorni fa

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags