Leggere questo articolo in:

Il prezzo dei suini spagnoli è leader dei prezzi europei

È chiaro che la situazione attuale non può durare e che presto verrà imposta una correzione: o che i competitor europei aumenteranno i prezzi dei suini o diminuiranno quelli spagnoli...

Lunedì 12 Agosto 2019 (12 giorni fa)
mi piace

Luglio termina con il prezzo spagnolo che è leader, senza complessi, sui prezzi dell'Unione europea. È persino in linea con il prezzo italiano, che è, di per sé, degno di essere rimarcato...

In questa estate si stanno battendo tutti i record storici di calore, specialmente nel nord Europa. Il calore esagerato in combinazione con persistenti problemi sanitari provoca un'importante limitazione della fornitura di suini vivi per la macellazione. Questa è la realtà, sia in Spagna che in Germania.

Nel corso del mese di luglio abbiamo visto la Germania che ha abbassato il suo prezzo dei suini due volte (-6 centesimi il 10 luglio, -3 centesimi il 17) ed è aumentato una volta (+ 4 centesimi nell'ultimo mercato di luglio) mentre il mercato di riferimento del prezzo spagnolo confermava i prezzi imperterrito. I macelli tedeschi vorrebbero far scendere i prezzi a causa della difficoltà della valorizzazione delle carni, ma l'offerta stentata non lo consente. Comunque e tante altre volte in estate, alla fine eravamo (Spagna) soli sul gradino più alto del podio.

Come è ben noto, la Spagna esporta oltre il 50%, da alcuni anni, delle carni suine che produce. È molto difficile (se non impossibile) combinare questo comportamento puramente esportatore con un prezzo leader rispetto ai nostri competitor. Non importa quanto i nostri macelli siano molto efficienti, i miracoli non sono a portata di mano. È evidente che la situazione attuale non può durare e che una correzione si imporrà a breve. O i nostri competitor europei salgono o scendiamo noi (Spagna). Poiché l'Unione europea è uno spazio di mercato unico, i prezzi dei suini sono molto correlati e nella maggior parte dei casi sono, in pratica, molto vicini tra di loro, in un fazzoletto.

I macelli limitano la loro attività: non c'è altra soluzione che adattare il ritmo delle macellazioni alla disponibilità dell'offerta. In generale, si sta macellando il 16-18% in meno rispetto al mese di gennaio (in Spagna).
Questo autunno presenta qualcosa di diverso dai precedenti: il nuovo grande macello di Binéfar funzionerà già a un ritmo rispettabile e la Cina potrebbe apparire di nuovo come il grande e aggressivo acquirente della scorsa primavera (da settimane il suo prezzo delle carcasse sale e sale...).

In condizioni normali il prezzo spagnolo dovrebbe scendere alla fine di agosto o a settembre. Questo sarebbe il comportamento normale, in un anno normale, con normali fattori esterni, ma risulta che quest'anno è tutt'altro che normale (il fattore più destabilizzante è la PSA, peste suina africana, che è completamente senza controllo, specialmente nel sud-est asiatico). Come ipotesi, non è escluso che la Cina rinnoverà i suoi enormi acquisti in poche settimane e se così fosse, i prezzi europei potrebbero persino aumentare...

La palla è in aria e non sappiamo da quale parte della rete cadrà...

Il grande pensatore americano Benjamin Franklin ha dichiarato: "La pigrizia viaggia così lentamente che la povertà non ci mette molto a raggiungerla"...

Guillem Burset

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags