Rassegna Suinicola di Cremona: benessere, niente black list per l'italia

Gli allevatori si preparano ad affrontare questi temi di grande attualità in occasione della Rassegna Suinicola di Cremona-Itapig, in programma dal 24 al 27 ottobre (www.italpig.it).

Otto mesi di duro lavoro per i suinicoltori italiani per rispettare la nuova normativa UE sul benessere animale. Risultati superiori alle aspettative, e Italia non presente in alcuna black list internazionale.

Eliminate le gabbie per l'allevamento delle scrofe, e la maggior parte degli allevamenti italiani è ormai a norma e aumenta il numero di quelli accreditati come indenni dalla malattia di Aujeszky.

Gli allevatori si preparano ad affrontare questi temi di grande attualità in occasione della Rassegna Suinicola di Cremona-Itapig, in programma dal 24 al 27 ottobre (www.italpig.it).

Cremona, 4 settembre 2013 - La stima iniziale parlava di una riduzione del 30%. Oggi, a otto mesi dall’entrata in vigore della Direttiva comunitaria sul benessere animale, la percentuale è stata ridimensionata. “In effetti pensavamo che l’eliminazione delle gabbie per l’allevamento delle scrofe – spiega Guerino Lombardi, responsabile del Centro di referenza nazionale per il Benessere animale presso l’Istituto zooprofilattico sperimentale di Brescia – a vantaggio di spazi maggiori dove gli animali devono essere allevati in gruppo, avrebbe causato un considerevole calo delle scrofe presenti in porcilaia.

Dal 1° gennaio scorso le scrofe non possono più essere allevate in gabbia, ma in spazi più ampi e soprattutto in gruppo. In realtà, il dato iniziale va ridotto a un più contenuto 10-15% perché in molti casi gli allevatori, durante i lavori di adeguamento, sono spesso riusciti a recuperare spazi che erano rimasti inutilizzati per molto tempo, evitando in questo modo di eliminare un numero eccessivo di scrofe”.

Ma il dato che Lombardi tiene a sottolineare è che la maggioranza delle scrofaie italiane è oggi a norma rispetto a quanto prescrive la normativa sul benessere animale. “Solo un anno fa – precisa – non più della metà delle strutture poteva vantare questo status. In pochi mesi gli allevatori hanno avviato i lavori necessari e gli organi di controllo hanno operato per arrivare a un risultato che, fortunatamente, ci esclude dai richiami europei. Non saremo i primi della classe perché, ad esempio, ci sono ancora alcune criticità relativamente ai pavimenti degli allevamenti per i suini da ingrasso, ma l’impegno profuso ha dato i suoi frutti. Contrariamente alla Germania, il settore suinicolo, da questo punto di vista, italiano non è inserito in nessuna black list”.

Aumentano gli allevamenti accreditati come indenni dalla malattia di Aujeszky. Suinicoltori più attenti e sensibili a un problema di primo piano. Gli aspetti positivi non si fermano qui. Come per la Direttiva sul benessere animale, con il 1 gennaio 2013 è entrata in vigore anche la normativa europea che stabilisce il divieto di circolazione di tutti i riproduttori non indenni dalla malattia di Aujeszky. Non più tardi di tre anni fa la sieroprevalenza negli allevamenti italiani sfiorava il 47%.

“Oggi possiamo affermare che il rispetto del Piano di controllo vaccinale – dichiara Loris Alborali, Responsabile della sezione diagnostica dell’Istituto zooprofilattico sperimentale di Brescia – è nettamente migliorato dimostrando una maggiore sensibilizzazione in primis degli allevatori, ma anche dei veterinari aziendali. L’intenso lavoro che abbiamo fatto nel 2011 e l’anno successivo ci permetterà di vedere quest’anno i risultati grazie all’accreditamento che molti allevamenti stanno ottenendo."

Il mancato accreditamento determina il divieto di circolazione dei riproduttori. Di fatto, il rischio chiusura per le aziende. In gioco, per i suinicoltori, c’è la sopravvivenza delle loro aziende. Infatti – conclude Alborali – la normativa entrata in vigore il 1 gennaio scorso non prevede solo l’accreditamento di allevamento indenne dalla malattia di Aujeszky. Le numerose restrizioni previste qualora non lo si ottenga determinerebbero, di fatto, la chiusura dell’azienda”.Anche quest’anno a Italpig – Rassegna suinicola di Cremona (CremonaFiere 24-27 ottobre 2013) i temi legati al rispetto delle normativa comunitarie terrà banco all’interno dell’intenso programma di appuntamenti previsti grazie alla presenza dei più qualificati esperti del settore.

Rassegna Suinicola di Cremona - Comunicato Stampa.

Notizie delle aziende

Associazione Norcini Bergamaschi: corso macellazione suini11-Set-2013 3 anni 11 mesi 10 giorni fa

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags