Leggere questo articolo in:

Diete a basso contenuto proteico per i suini pesanti ed i loro effetti sulla qualità del prosciutto stagionato

L'impatto ambientale dei suini pesanti può essere ridotto mediante la riduzione del contenuto della Proteina Grezza della dieta con un profilo aminoacidico bilanciato senza avere influenze negative sulla qualità dei prosciutti stagionati...

Mercoledì 15 Novembre 2017 (28 giorni fa)

I vantaggi nell'utilizzo degli aminoacidi sintetici (AA) nel minimizzare il contenuto proteico nelle diete al fine di ridurre il carico ambientale nella produzione suina, sono evidenti. Tuttavia, questa strategia potrebbe avere delle influenze sull'attività proteolitica dei muscoli e sebbene sia necessario un certo livello di attività proteolitica per sviluppare i tratti sensoriali caratteristici di un prosciutto stagionato, potrebbero apparire problemi associati ad una eccessiva proteolisi.

L'influenza di queste strategie dietetiche sugli enzimi proteolitici muscolari è stata scarsamente studiata. Lo scopo del presente lavoro è stato quello di valutare se le diete a basso contenuto proteico, equilibrate per ottenere il profilo AA ideale e formulate per i suini pesanti hanno un certo effetto sulla qualità del prosciutto stagionato.

Per questo, sono stati utilizzati 40 prosciutti ottenuti da suini italiani Duroc × Large White Italiano, alimentati con tre livelli di proteine e livelli di AA essenziali. Sono stati confrontati con quelli ottenuti con una dieta convenzionale di Denominazione di Origine Protetta di Parma (C).

Non vennero osservati effetti fisici (aw, pH), chimici (composizione grezza, NaCl, perossidazione lipidica, azoto non proteico, basi volatili totali) o caratteristiche sensoriali dei prosciutti che fossero sistematicamente influenzati dalle diete somministrate, il sesso o la sua interazione, con l'eccezione del grasso totale e sottocutaneo ( quest'ultimo misurato mediante un procedimento di analisi dell'immagine). Considerando le femmine, le diete a basso contenuto proteico hanno presentato campioni con maggior contenuto di grasso e spessore di grasso sottocutaneo comparandoli con i prosciutti ottenuti con la dieta C.

In conclusione, le diete a basso contenuto proteico in fase di finissaggio dei suini pesanti potrebbero ridurre l'impatto ambientale senza avere influenze negative significative sulla qualità dei prosciutti stagionati.

Grassi, S., Casiraghi, E., Benedetti, S., and Alamprese, C. (2017). Effect of low-protein diets in heavy pigs on dry-cured ham quality characteristics. Meat Science, 131, 152-157. https://doi.org/10.1016/j.meatsci.2017.05.015

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags

Nutrimail

Un bollettino mensile di notizie sulla nutrizione suina

Non sei iscritto nella lista

30-Nov-201726-Ott-201728-Set-201731-Ago-2017

Fai il log in e spunta la lista

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui