Leggere questo articolo in:

La sala parto ideale (2/2): sistema di alimentazione e controllo ambientale

Nella prima parte (1/2) abbiamo trattato le dimensioni della sala parto, i posti e le gabbie parto. In questa seconda parte (2/2) conversiamo con i nostri esperti, Heraclio Corchón e Javier Lorente, sui temi tanto decisivi nel corretto funzionamento delle sale parto come sono l'ambiente e l'alimentazione delle scofe...

Nella prima parte abbiamo trattato le dimensioni della sala parto, i posti e le gabbie parto. In questa seconda parte conversiamo con i nostri esperti, Heraclio Corchón e Javier Lorente, sui temi tanto decisivi nel corretto funzionamento delle sale parto come sono l'ambiente e l'alimentazione delle scofe.

Il sistema di alimentazione

Alimentare le scrofe in sala parto è stato definito come una "arte". Negli allevamenti di grandi dimensioni poter rendere individuale l'alimentazione delle scrofe in sala parto e raggiungere per ogni scrofa il massimo sull'alimentazione è una vera sfida. Per questo le aziende che sviluppano impianti zootecnici hanno introdotto sul mercato negli ultimi anni diversi sistemi che cercano di raggiungere questo obiettivo.

Oggi possiamo scegliere tra sistemi automatici "convenzionali" con dosatori, sistemi elettronici di alimentazione individuale sia con alimentazione a secco che con l'alimentazione liquida, dosatori graduali con la sfera che permettono una alimentazione "ad libitum", ecc...

Corchón dice che è difficile compararli senza tener in considerazione i costi, dato che vi è una grande differenza tra di loro. "Una delle chiavi nella produzione suinicola è raggiungere un elevato consumo in sala parto, e per questo l'alimentazione liquida è la migliore. L'alimentazione elettronica a secco anch'essa funziona bene, però è cara e molte volte si commette l'errore di montarle senza la sonda. Tanto quella liquida come l'elettronica, hanno il vantaggio di seguire una curva alimentare e con la sonda nella mangiatoia, lo stesso sistema decide se la scrofa può seguire la curva o meno. La decisione se una scrofa può mangiare di più o no è una delle grandi difficoltà e con questi sistemi è ben risolto".

I sistemi automatici di alimentazione in sala parto (che sia liquido o a secco) permettono di stabilire curve alimentari risparmiando il lavoro di modificare giornalmente i dosatori. In entrambi i casi è importante utilizzare sonde che misurino se la scrofa ha ingerito l'alimento fornito o meno.
I sistemi automatici di alimentazione in sala parto (che sia liquido o a secco) permettono di stabilire curve alimentari risparmiando il lavoro di modificare giornalmente i dosatori. In entrambi i casi è importante utilizzare sonde che misurino se la scrofa ha ingerito l'alimento fornito o meno.

"I sistemi convenzionali di distribuzione e mangiatoia, possono anch'essi funzionare bene, però necessitano di operai molto professionali che giornalmente controllano le mangiatoie e decidono se aumentare o meno", "I sistemi ad libitum con dosatore, hanno alcuni vantaggi, ma non mi piacciono nel senso che perdi il controllo dell'alimentazione, non sai se la scrofa mangia bene o no, non la vedi alzarsi, ecc.."

I sistemi convenzionali con dosatori sono una buona opzione, però richiedono un buon livello di management, con un controllo giornaliero se la scrofa accetta più mangime e modificando i dosatori. I sistemi ad libitum pretendono di non "limitare" il consumo della scrofa. A parte in zone o climi caldi facilitano l'ingestione di alimento alla notte quando le temperature si abbassano.
I sistemi convenzionali con dosatori sono una buona opzione, però richiedono un buon livello di management, con un controllo giornaliero se la scrofa accetta più mangime e modificando i dosatori. I sistemi ad libitum pretendono di non "limitare" il consumo della scrofa. A parte in zone o climi caldi facilitano l'ingestione di alimento alla notte quando le temperature si abbassano.

Lorente si definisce come un gran sostenitore dell'alimentazione liquida. "Alle scofe d'oggi chiediamo il consumo di grandi quantità di mangime in sala parto ed ho visto grandi differenze tra questo sistema e gli altri. E' chiaro che richiede una buona gestione, adattare bene le curva, però per me è il sistema preferito attualmente. I sistemi elettronici di alimentazione automatizzata sono anch'essi una opzione dato che qualsiasi sistema che facilita il raggiungimento di grandi consumi deve essere tenuto in considerazione, però ad un costo similare mi inchino per l'alimentazione liquida". Chiarisce, "anche con il cibo liquido metterei un ciucciotto addizionale alle scrofe in modo che possano bere a loro piacimento".

"Quello che non metterei sono sistemi automatici con dosatore esclusivo, in ogni caso associati a una tramoggia che consente sistemi di alimentazione ad libitum in cui la decisione finale di ciò che finirà per mangiare una scrofa è nelle mani dei lavoratori che falliscono in una grande percentuale, dal momento che il consumo desiderato non è raggiunto ".

Il controllo ambientale

Una sala parto senza un buon controllo ambientale è destinata al fallimento. I diversi requisiti di temperatura del suinetto (28-33 ° C) e della scrofa (18-22 ° C) rendono necessario progettare sistemi che consentano quei 2 "ambienti" nella stessa stanza. Già nella prima parte è stata commentata l'importanza dei nidi per riscaldare i suinetti senza aumentare la temperatura della sala parto.

Ventilazione

La progettazione della ventilazione di una sala parto dipende da più variabili (lunghezza e ampiezza del reparto, ecc...). Sebbene per ragioni di spazio non sia possibile trattare al 100% tutti gli aspetti della corretta ventilazione in questo articolo, i nostri esperti optano per alcune idee chiave:

La ventilazione deve essere forzata e il controllo ambientale automatico tramite sonde, regolatori e curve.

Corchón dice "nella maggior parte dei casi la cosa migliore è che l'aria penetri attraverso un controsoffitto." Il controsoffitto facilita la distribuzione dell'aria in tutta la stanza, limita le correnti d'aria e la preriscalda in modo che cada più lentamente. Dobbiamo tenere presente che se il reparto è più di 24 metri l'ingresso dovrebbe essere motorizzato ".

I soffitti lisci senza interferenze alla circolazione dell'aria, le prese d'aria dal controsoffitto, preferibilmente motorizzate se i reparti di sala parto sono molto lunghi, sono elementi che determinano un buona ventilazione
I soffitti lisci senza interferenze alla circolazione dell'aria, le prese d'aria dal controsoffitto, preferibilmente motorizzate se i reparti di sala parto sono molto lunghi, sono elementi che determinano un buona ventilazione

Lorente dice "non dovremmo dimenticare anche il raffreddamento: nei climi caldi, il raffreddamento tramite il cooling è essenziale".

Riscaldamento

Lorente ha scommesso senza esitazione per un nido, con piastra elettrica e lampada regolata automaticamente "Se posso scegliere e non c'è alcuna limitazione economica questo è il mio sistema, se devi limitare i costi, un nido con la lampada autoregolante e una placa di plastica come pavimento è senza dubbio una buona opzione. Oggigiorno abbiamo a disposizione molti sistemi di produzione di energia elettrica alternativa che possono ridurre i nostri costi in questo senso con un sistema più efficiente: approfittiamo di queste opzioni ".

Le lampade autoregolabili e l'uso di nidi sono una buona opzione per avere l'ambiente necessario per il suinetto (28-33 ºC in funzione dell'età)
Le lampade autoregolabili e l'uso di nidi sono una buona opzione per avere l'ambiente necessario per il suinetto (28-33 ºC in funzione dell'età)

Corchón è d'accordo con questo sistema e aggiunge: "la placca deve essere in plastica o polimero. Le piastre devono essere elettriche. Facendole con acqua calda è molto più inefficiente. "

Tipi di pavimentazioni

Corchón commenta che "per i suinetti, la plastica, non c'è dubbio, per la scrofa preferisco anche per loro la plastica, è meno aggressiva: meno ulcere cutanee. Considero importante che la parte anteriore abbia almeno 60 cm di parte cieca, solo con alcuni piccoli fori in modo che l'acqua possa cadere, e non c'è umidità: con la parte cieca evitiamo che la scrofa respiri i gas della fossa che ha sotto tutto il giorno ".

Gabbia parto con pavimento in plastica per suinetto e scrofa. Nella parte più frontale, il pavimento della scrofa è più cieco.
Gabbia parto con pavimento in plastica per suinetto e scrofa. Nella parte più frontale, il pavimento della scrofa è più cieco.

Lorente concorda con questo approccio però aggiunge "in pratica si continua a mettere dei materiali di fusione metallica sotto le scrofe dato che la plastica genera dubbi nei suinicoltori".

La combinazione più utilizzata è il pavimento in plastica per il suinetto e di materiale metallico fondente per la scrofa.
La combinazione più utilizzata è il pavimento in plastica per il suinetto e di materiale metallico fondente per la scrofa.

Sistemi di somministrazione di latte ai suinetti

Infine, ci occupiamo di uno dei problemi attuali, della necessità o meno di mettere i sistemi di somministrazione del latte e / o dell'alimentazione liquida ai suinetti in sala parto.

Che uso daremo al latte artificiale? E' uno dei dibattiti attuali. I nostri esperti non si schierano per il latte  come sistema dal quale "dipendere", anche se concordano che avrà un ruolo in futuro.
Che uso daremo al latte artificiale? E' uno dei dibattiti attuali. I nostri esperti non si schierano per il latte  come sistema dal quale "dipendere", anche se concordano che avrà un ruolo in futuro.

Sia Corchón che Lorente sono prudenti su questo tema. Lorente spiega "è ovvio che in produzioni molto elevate il latte artificiale è un aiuto, ma non mi piace pensare di usarlo come modello permanente di lavoro, preferisco cercare sistemi di gestione che non debbano usare il latte artificiale in modo permanente".

Progettare, costruire o riformare una sala parto ci costringe a scegliere tra una moltitudine di opzioni. Ci sono molti punti da discutere e dove scegliere una opzione o un'altra determinerà il modo di lavorare e i limiti produttivi della nostra installazione. È altamente consigliato essere supportati da specialisti, visitare allevamenti e le fiere delle strutture, capire le esigenze degli animali con cui lavoriamo e quale management vorremmo applicare prima di prendere decisioni.

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags