Leggere questo articolo in:

L'importanza del virus dell'Epatite E nei suini

La maggior parte dei suinetti appena nati hanno anticorpi acquisiti in forma passiva che durano fino a 2- 3 mesi di età e sono considerati protettivi. Una volta che questi anticorpi diminuiscono, i suini si infettano con l'HEV e sviluppano una risposta immunitaria efficace...

Venerdì 9 Giugno 2017 (6 mesi 2 giorni fa)

Esistono 5 tipi principali di epatite virale nell'uomo: epatite A, B, C, D ed E. L'epatite E è causata dal virus (nome tassonomico HEV, Orthohepevirus A), un virus RNA senza envelope, appartenente alla famiglia degli hepeviridae. Secondo le stime della OMS, ci sono circa 20 milioni di infezioni da HEV ogni anno in persone di tutto il mondo. La trasmissione di questo virus avviene con frequenza tramite via oro-fecale, spesso associata a scarse condizioni di igiene ed acqua potabile contaminata. Nell'uomo, l'HEV, normalmente, è associato ad un'infezione subclinica lieve di breve durata. I sintomi dell'epatite E acuta possono includere: ittero, fatica e nausea, con manifestazioni di ittero che scompare spontaneamente. L'evoluzione porta ad una insufficienza epatica grave fulminante in alcuni gruppi ad alto rischio. Oltre nelle persone, l'HEV è stato identificato in una vasta gamma di animali domestici e selvatici; tuttavia, l'informazione sull'importanza clinica dell'HEV nelle varie specie animali continua ad essere molto limitata. I ceppi di HEV possono essere suddivisi in 8 genotipi differenti (tabella 1). I genotipi 1 e 2 si limitano agli essere umani e sono associati a epidemie. Tutti gli altri genotipi sono stati identificati come ospiti di un numero crescente di mammiferi. Dal punto di vista della salute pubblica, si sa che i genotipi 3, 4 e 7 possono crociare barriere tra specie, per cui sono quelli di maggior potenziale zoonotico. I casi sporadici e raggruppati di epatite E nell'uomo sono stati correlati con il consumo di carne contaminata, sia cruda o insufficientemente cotta di suini, cinghiali, cervo e anche più recentemente di cammello.


Tabella 1: Classificazione genotipica del virus dell'epatite E (HEV) o Orthohepevirus A, inclusa la gamma degli ospiti, distribuzione geografica e potenziale zoonotico.

Genotipo Range di ospiti Distribuzione geografica Potenziale zoonotico
1 Uomo Asia  
2 Uomo Messico, Africa  
3 Uomo
Suini, Cinghiali
Conigli
Cervo
Mangusta
Alce
Capre
Bovini
Globale
4 Uomo
Suini, cinghiali
Cervi
Capre
Vacche
Asia, Europa Si
5 Cinghiali Giappone Probabile
6 Cinghiali Giappone Probabile
7 Cammello, Uomo Medio Oriente  Si
8 Cammello Bactriano Medio Oriente No
Non classificati al momento Alce Svezia No
Garzetta(Little egret) Ungheria No
Gheppio(Kestrel) Ungheria No

L'HEV fu identificato per la prima volta nei suini nel 1997 e ad oggi si accettano che i 3 genotipi (più frequenti), 4, 5 e 6 circolino nei suini e nei cinghiali (tabella 1). L'infezione da HEV nei suini sembra essere di tipo ubiquitaria. La maggior parte degli allevamenti nelle principali zone produttive del globo sono sieropositivi agli anticorpi anti-HEV. Normalmente, i suini presentano un'infezione subclinica e non hanno lesioni macroscopiche a livello di fegato, ma possono avere lesioni microscopiche caratterizzate da un'epatite multifocale linfoplasmocitica. I suini si infettano per contatto diretto con feci di suini infetti o per esposizione ad acqua/mangimi contaminati con HEV. I suini infetti, generalmente, hanno una viremia di breve durata, 1-2 settimane (fig. 1). Il tempo che trascorre tra l'infezione e l'eliminazione dei virus nelle feci varia da 1 a 4 settimane. La risposta mediante anticorpi anti-IgM può essere rilevata per la prima volta 1-3 settimane post-infezione e possono durare fino a 10 settimane. La risposta anti-IgG, normalmente, è rilevabile da 1 a 3 settimane post-infezione e può perdurare per molti mesi, anche anni (fig. 1). La maggior parte dei suinetti appena nati hanno anticorpi acquisiti in forma passiva che durano fino a 2- 3 mesi di età e sono considerati protettivi. Una volta che questi anticorpi diminuiscono, i suini si infettano con l'HEV e sviluppano una risposta immunitaria efficace.

Risposta all'infezione del virus dell'Epatite E 
Risposta all'infezione del virus dell'Epatite E 

I suini ed i cinghiali sono considerati serbatoi importanti per le infezioni per l'uomo. La trasmissione agli esseri umani avviene per contatto diretto, consumo di carne suina o di cinchiale cruda o insufficientemente cotta, come le salsicce. Diverse ricerche di campo hanno scoperto che tra il  2% e l'11% dei fegati di suini commercializzati nei supermercati del Giappone, Europa e Stati Uniti erano positivi al RNA virale dell'Epatite HE, la cui infettività fu confermata nei modelli sperimentali animali. La trasmissione diretta è ugualmente possibile attraverso l'esposizione al liquame di suini infetti con HEV. Si è identificato anche l'HEV  nelle fragole  coltivate in Canada, congelate e nei vegetali prodotti in Europa, probabilmente dovuto alla  contaminazione dell'acqua. Inoltre, i genotipi 3 e 4 dell'HEV possono essere identificati con frequenza nelle cozze, ostriche, molluschi; si sospetta che la contaminazione avvenga attraverso il bioaccumulo a partire dall'acqua e la concentrazione del virus nei tessuti digerenti.

Negli ultimi anni la Cina sta commercializzando un vaccino per la popolazione umana nei confronti dell'HEV  e che sembra essere efficace. Nonostante un vaccino per i suini sia stato sviluppato e provato per la protezione nei confronti dell'HEV , non è disponibile in commercio, dato che non esiste, ad oggi, interesse da parte del settore suinicolo. Gli uomini hanno più probabilità di essere esposti all'HEV a cauda del crescente consumo di carne cruda o poco cotta di cinghiali in determinate zone del mondo: le viscere dei suini sono considerate spesso utili per i trapianti in medicina umana e i prodotti farmaceutici derivati dai suini sono sempre più utilizzati in medicina. Dato che il rischio all'esposizione al virus dell'Epatite E sembra aumentare nella popolazione, sorge l'opportunità e l'esigenza per la produzione della certificazione dei prodotti indenni dal virus dell'Epatite E, sopratutto per quanto riguarda la carne suina.

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags