Leggere questo articolo in:

Accordo su una proposta della Commissione Europea per promuovere l'uso di fertilizzanti organici e a base di rifiuti, vedi Linee Guida

Le nuove regole faciliteranno l'accesso di fertilizzanti organici e basati sui rifiuti al mercato unico dell'UE. Introducono anche limiti per cadmio e altri contaminanti nei fertilizzanti fosfatici.

Giovedì 3 Gennaio 2019 (15 giorni fa)
mi piace

I negoziatori del Parlamento europeo, del Consiglio e della Commissione hanno raggiunto un accordo politico preliminare sulla proposta della Commissione del marzo 2016, che si basa sul piano d'azione della Commissione per l'economia circolare del 2015.

Le nuove regole faciliteranno l'accesso dei fertilizzanti organici e basati sui rifiuti al mercato unico dell'UE. Introducono anche limiti per cadmio e altri contaminanti nei fertilizzanti fosfatici. Ciò contribuirà a ridurre sprechi, consumo di energia e danni ambientali, oltre a limitare i rischi per la salute umana.

Gli elementi principali delle nuove regole sono:

  • Apertura del mercato unico ai concimi organici: l'accordo sul regolamento sui fertilizzanti aprirà il mercato a fertilizzanti organici nuovi e innovativi definendo le condizioni alle quali possono accedere al mercato unico dell'UE. Il regolamento stabilirà norme comuni in materia di sicurezza, qualità ed etichettatura per tutti i fertilizzanti destinati alla libera commercializzazione nell'UE. I produttori dovranno dimostrare che i loro prodotti soddisfano questi requisiti prima di apporre il marchio CE:
  • Introduzione dei valori limite per i contaminanti tossici in alcuni concimi: i regolamenti introducono per la prima volta i limiti per i contaminanti tossici, compreso un nuovo limite di 60 mg / kg per il cadmio, che sarà riesaminato 4 anni dopo la data di applicazione. Ciò garantirà un livello elevato di protezione del suolo e ridurrà i rischi per la salute e l'ambiente, consentendo al tempo stesso ai produttori di adeguare i propri processi produttivi per rispettare i nuovi limiti. Per incoraggiare l'uso di fertilizzanti ancora più sicuri, i produttori saranno anche in grado di utilizzare un'etichetta a cadmio bassa per prodotti contenenti meno di 20 mg / kg di cadmio. Queste regole influenzeranno i fertilizzanti che scelgono di apporre il marchio CE.
  • Mantenimento dell'armonizzazione facoltativa: il regolamento offre anche la possibilità di optare per un'armonizzazione facoltativa. Un produttore che non desidera marcare CE può scegliere di rispettare gli standard nazionali e vendere il prodotto ad altri paesi dell'UE, in base al principio del riconoscimento reciproco.

Prossime tappe

L'accordo politico preliminare raggiunto dal Parlamento europeo, dal Consiglio e dalla Commissione nell'ambito dei negoziati sul "trialogue" è stato confermato recentemente dai rappresentanti degli Stati membri e deve ora essere formalmente approvato dal Parlamento europeo e dal Consiglio. Il regolamento sarà quindi direttamente applicabile in tutti gli Stati membri e diventerà vincolante nel 2022.

Contesto

Nell'ambito del piano d'azione per l'economia circolare del 2015, la Commissione ha chiesto una revisione del regolamento sui concimi dell'UE per facilitare il riconoscimento europeo dei fertilizzanti organici e basati sui rifiuti. L'uso sostenibile di fertilizzanti prodotti da rifiuti organici in agricoltura potrebbe ridurre la necessità di fertilizzanti minerali, la cui produzione ha impatti ambientali negativi e dipende dalle importazioni di fosfato, una risorsa limitata.

Secondo le norme vigenti, solo i fertilizzanti inorganici convenzionali, generalmente estratti o prodotti chimicamente, possono essere commercializzati liberamente nell'UE. I fertilizzanti innovativi a base di materiali organici non rientrano nell'ambito delle attuali normative sui fertilizzanti. Il loro accesso al mercato unico dipende quindi dal riconoscimento reciproco tra Stati membri, il che è spesso difficile a causa di norme nazionali divergenti. Questi prodotti presentano quindi uno svantaggio competitivo che ostacola l'innovazione e gli investimenti nell'economia circolare.

Si stima che se vengono riciclati più rifiuti organici, è possibile sostituire fino al 30% di fertilizzanti non organici. Attualmente l'UE importa circa 6 milioni di tonnellate di fosfati all'anno, ma potrebbe sostituire fino al 30% estraendo fanghi di depurazione, rifiuti biodegradabili, farina di carne e osso o concime.

La Commissione ha inoltre presentato di recente una nuova strategia per la bioeconomia, annunciata dal presidente Juncker e dal primo vicepresidente Timmermans nella lettera di intenti che accompagna il discorso sullo stato dell'Unione dell'Unione del presidente Juncker nel 2018, che sosterrà ulteriormente lo sviluppo di un uso sostenibile delle risorse rinnovabili e stimolare l'occupazione, la crescita e gli investimenti in una bioeconomia circolare sostenibile in Europa.

Mercoledì 12 dicembre 2018/ CE/ Unione Europea.
http://europa.eu/rapid

Articoli correlati

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags

Ultima ora

Bollettino settimanale di notizie del mondo dei suini

Non sei iscritto nella lista

18-Gen-201911-Gen-201904-Gen-201928-Dic-2018

Fai il log in e spunta la lista

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui