Leggere questo articolo in:

Argentina: dati positivi per il settore suinicolo, aumenta l'export

Secondo gli ultimi dati del Ministero dell'Agroindustria, nei primi quattro mesi del 2019, la macellazione dei suini è aumentata del 3%, raggiungendo 2,2 milioni di capi...

Mercoledì 31 Luglio 2019 (3 mesi 22 giorni fa)
mi piace

La produzione di carne è aumentata del 5%, con 201.000 t, secondo il Ministero dell'agricoltura spagnolo nella sua newsletter dall'estero. Le dimensioni del settore devono essere prese in considerazione: nel 2018 la macellazione di animali è stata di 6,7 milioni e ci sono stati 620.000 MT, il 10% in più rispetto al 2017. Queste crescite sono state causate dal miglioramento del consumo interno e dalle esportazioni

Aumenta il consumo

Nel mercato interno, il consumo di carne suina pro capite è cresciuto di nuovo quest'anno. Nel 2018 è aumentato dell'8% e in questo primo periodo di quattro mesi del 2019 è aumentato di un altro 1% su base annua, raggiungendo i 14,37 chili. Questo aumento è importante se si considerano i 6 chili consumati 15 anni fa. Ciò deriva dall'aumento del prezzo della carne bovina durante questi mesi, che ha cambiato la dieta della popolazione.

Importante aumento dell'export di carni suine

Il grande salto si è verificato nel settore delle esportazioni. Nei primi quattro mesi del 2019 sono state esportate 7.586 tonnellate, il che si traduce in 53% in più rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Già nel 2018 si è registrato un aumento di 23.192 tonnellate, il 59% in più rispetto al 2017. Argenpork, il Consorzio di esportazione di carne suina dell'Argentina, creato nell'ottobre 2015, è il protagonista di questo slancio e attualmente è composto da 18 società. Fin dalle sue origini, le esportazioni del Consorzio sono in aumento: nel 2017, 871 tonnellate; 2018 quasi 5.000 tonnellate e in questo anno, fino ad aprile, avevano esportato 3.900 tonnellate, con l'obiettivo di raggiungere le 9.000 alla fine di quest'anno. Il momento attuale è favorevole e sono previsti investimenti delle aziende per espandere lo stock di scrofe e la produzione di più carne. Tradizionalmente il mercato principale è stato la Russia, con il 95% del volume esportato, seguito da Hong Kong e Africa. Tuttavia, l'apertura del mercato cinese alla carne suina argentina è fondamentale, data la domanda di quel paese (56 chili nel 2018 di consumo pro capite / primo consumatore di carne suina in tutto il mondo) e di conseguenza un'offerta interna insufficiente dei focolai registrati in quel paese di peste suina africana (PSA). La Cina ha approvato l'apertura del suo mercato ai tagli di carne, ma non ai sottoprodotti, che è quello che intendeva il settore, poiché la Cina è il principale consumatore di zampetti, orecchie e testa, visceri, ecc...

Giovedì 4 luglio 2019/ Boletín Noticias del Exterior-MAPA / Spagna.
https://www.mapa.gob.es

Articoli correlati

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags

Ultima ora

Bollettino settimanale di notizie del mondo dei suini

Non sei iscritto nella lista

22-Nov-201915-Nov-201908-Nov-201901-Nov-2019

Fai il log in e spunta la lista

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui