Cina-Italia: affari da 50 milioni di euro per le carni suine italiane e prodotti derivati

Nel 2018 la Cina si è confermata il principale mercato di destinazione del comparto suino, assorbendo il 34,4% del totale delle esportazioni UE...

Venerdì 5 Aprile 2019 (2 mesi 10 giorni fa)
mi piace

La trattativa è durata oltre 15 anni e ha richiesto lo svolgimento di numerose missioni in Cina da parte dei più alti livelli tecnici e istituzionali del nostro Paese per incontrare i vertici delle Autorità sanitarie cinesi, di visite in Italia di delegazioni di ispettori del Ministero dell’Agricoltura, delle Agenzie di Quarantena e delle Dogane cinesi e l’invio di copiosi fascicoli tecnico-sanitari da parte del Ministero della Salute.

Il Ministero della Salute, negli uffici del Segretariato Generale e delle due Direzioni di Sicurezza Alimentare e Sanità Animale, il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari, Forestali e del Turismo, il Ministero dello Sviluppo Economico e il Ministero degli Affari Esteri, la Commissione europea e ICE-Agenzia hanno lavorato per questo successo. Finora alla Cina ci andavano solo prosciutti crudi e cotti.

L’apertura della Cina alle nostre esportazioni di carni suine, grassi e frattaglie potrebbe generare già nella fase iniziale un fatturato export pari a 50 milioni di euro. Nel 2018 la Cina si è confermata il principale mercato di destinazione del comparto suino, assorbendo il 34,4% del totale delle esportazioni UE,il Giappone occupa la seconda posizione fra i mercati di destinazione e assorbe l’11,6%.

Analizzando la composizione delle esportazioni del settore suino europeo verso la Cina, si rileva che:

  • il 47,3% del totale esportato è rappresentato dalle carni suine refrigerate o congelate;
  • lo 0,1% dai prodotti a base di carne;
  • il 51,5% dalle frattaglie;
  • il 1,1% da grasso e lardo.

I principali Paesi europei esportatori verso la Cina sono Germania, Spagna, Danimarca, Paesi Bassi, Francia e Irlanda. Per quanto riguarda i prodotti italiani, in Cina è possibile esportare dal 2007 i prosciutti crudi stagionati 313 giorni e dal 2013 i prodotti cotti (mortadelle, prosciutto cotto). Manca ancora l'autorizzazione all'exporto di tutti i prodotti di salumeria italiana.

Sabato 23 marzo 2019/Italia/ http://www.assica.it/

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags

Ultima ora

Bollettino settimanale di notizie del mondo dei suini

Non sei iscritto nella lista

14-Giu-201907-Giu-201931-Mag-201924-Mag-2019

Fai il log in e spunta la lista

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui