Leggere questo articolo in:

FAO: indice dei prezzi degli alimenti sale del 6%, spinto dai cereali e dallo zucchero

L'indice che misura le variazioni mensili dei prezzi internazionali del paniere dei prodotti di base, è rimasto ad una media di 213 punti a luglio, 12 punti sopra il livello di giugno.

Lunedì 3 Settembre 2012 (5 anni 3 mesi 12 giorni fa)

L'indice della FAO per gli alimenti è aumentato del 6% a luglio, dopo 3 mesi di calo.

L'indice che misura i cambi mensili dei prezzi internazionali del paniere dei prodotti di base, è di 213 punti a luglio, 12 punti sopra l'indice di giugno. Tuttavia, l'indice è molto inferiore al massimo di 238 raggiunto a febbraio 2011.

Il forte rialzo dell'indice è stato spinto sopratutto dall'aumento dei cereali e dello zucchero. I prezzi internazionali della carne e dei prodotti lattei hanno avuto lievi variazioni.

L'indice FAO dei prezzi dei cereali ha avuto una media di 260 punti, 38 al di sopra (17%) rispetto a giugno. Questo livello si trova 14 punti al di sotto del massimo storico di 274 punti registrati in aprile 2008.

Danni per la siccità

I gravi danni e le incerte previsioni delle coltivazioni di mais negli USA a causa della siccità ha fatto salire il prezzo del mais di quasi il 23%.

Le quotazioni internazionali del frumento sono salite del 19%, con un peggioramento delle previsioni della produzione russa e le aspettative di una forte domanda per il frumento del settore zootecnico dovuto alle diminuzione di consumo di mais.

Al contrario , i prezzi internazionali del riso non hanno avuto cambi a luglio, con indici di prezzi della FAO per tutti i tipi di riso stabili a 238 punti, un punto in più rispetto a giugno.

Il mese di luglio ha mostrato un forte incremento dell'indice FAO per lo zucchero, che è salito del 12%, con una media di 324 punti, dovuto alle forti piogge in Brasile, maggior esportatore mondiale di zucchero. Hanno contribuito ugualmente il ritardo dei monsoni in India e le pioggie in Australia.

Carni in ribasso

Al contrario, l'indice FAO dei prezzi della carne ha avuto una media di 168 punti a luglio, 3 punti in meno rispetto a giugno, con la terza caduta consecutiva. I quattro maggiori settori carnei hanno subito la debolezza del mercato, sopratutto il suinicolo, che ha visto calare i prezzi del 3,6%.

I prezzi dei prodotti lattei hanno avuto una media di 173 punti a luglio, senza cambi da giugno, dopo 5 mesi consecutivi di cali.

Giovedì, 9 agosto 2012/ FAO. http://www.fao.org

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags

Ultima ora

Bollettino settimanale di notizie del mondo dei suini

Non sei iscritto nella lista

15-Dic-201708-Dic-201701-Dic-201724-Nov-2017

Fai il log in e spunta la lista

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui