Leggere questo articolo in:

Il Brasile intensifica le misure per impedire l'ingresso della PSA

Il Ministero ha intensificato le informazioni per i viaggiatori negli aeroporti e nei porti di frontiera per impedire l'ingresso della PSA nel paese...

Mercoledì 10 Luglio 2019 (4 mesi 12 giorni fa)
mi piace

Il ministero dell'Agricoltura, dell'allevamento e degli approvvigionamenti alimentari del Brasile ha aumentato la sorveglianza della peste suina africana (PSA) attraverso la distribuzione di materiale informativo sulla malattia. L'obiettivo è impedire che il virus entri nel paese. In Brasile, la PSA è stata eradicata il 5 dicembre 1984.

Secondo il Sistema di agricoltura e sorveglianza internazionale (Vigiagro), 88 banners sono state distribuite negli aeroporti e nei porti di frontiera per avvisare i viaggiatori in portoghese e inglese.

Inoltre, gli aeroporti emettono anche avvisi acustici per avvisare i passeggeri. Chi ha visitato allevamenti, giardini zoologici, fiere agricole, zone rurali o altri luoghi con suini o cinghiali o che portano prodotti a base di carni suine dovrebbe cercare il banco Vigiagro prima di lasciare l'area di sbarco...

Martedì 25 giugno 2019/ MAPA7 Brasile.
http://www.agricultura.gov.br

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags

Ultima ora

Bollettino settimanale di notizie del mondo dei suini

Non sei iscritto nella lista

22-Nov-201915-Nov-201908-Nov-201901-Nov-2019

Fai il log in e spunta la lista

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui