Leggere questo articolo in:

Il Giappone consentirà la vaccinazione dei suini contro la PSC, peste suina classica

Il ministro dell'Agricoltura, Taku Eto, ha annunciato la revisione delle linee guida specifiche di prevenzione della PSC per consentire la vaccinazione preventiva dei suini...

Mercoledì 25 Settembre 2019 (24 giorni fa)
mi piace

Il Giappone ha confermato la comparsa della peste suina classica per la prima volta dopo 26 anni lo scorso settembre 2018 nei suini domestici.

Secondo la politica di vaccinazione in Giappone, solo dallo scorso 24 marzo di quest'anno, è consentita la vaccinazione orale mediante esche per cinghiali in aree selezionate di Gifu e Aichi. Ad oggi, la vaccinazione di animali domestici era vietata, tuttavia, il Ministro dell'Agricoltura, Taku Eto, ha annunciato venerdì scorso che rivedrà specifiche linee guida per la prevenzione delle malattie per consentire la vaccinazione preventiva dei suini commerciali e chiede ai produttori di vaccini che aumentino la produzione di vaccini.

Ad oggi, le autorità veterinarie giapponesi hanno confermato 44 focolai di suini domestici e oltre 900 casi di cinghiali.

Nei suini domestici la malattia è già stata rilevata nelle prefetture di Gifu, Aichi, Nagano, Shiga, Osaka, Mie, Fukui e Saitama, mentre nei cinghiali è stata rilevata a Gifu, Aichi, Mie, Fukui, Nagano, Toyama e Ishikawa.

Situazione attuale della peste suina classica nei cinghiali

  • A Gifu (dal 13 settembre 2018), 1.914 cinghiali (368 morti e 1.546 catturati) sono stati analizzati da RT-PCR e 841 (275 morti e 566 catturati) sono stati positivi.
  • Ad Aichi (dal 14 settembre 2018), 797 cinghiali (36 morti e 761 catturati) sono stati analizzati da RT-PCR e 65 (16 morti e 49 catturati) sono stati positivi.
  • A Nagano (dal 14 settembre 2018), 212 cinghiali (89 morti e 123 catturati) sono stati analizzati da RT-PCR e 59 (29 morti e 30 catturati) sono stati positivi.
  • A Mie (dal 14 settembre 2018), 131 Cinghiali (15 morti e 116 catturati) sono stati analizzati da RT-PCR e 4 (0 morti e 4 catturati) sono stati positivi.
  • A Fukui (dal 14 settembre 2018), 39 cinghiali (5 morti e 34 catturati) sono stati analizzati da RT-PCR e 7 (0 morti e 7 catturati) sono stati positivi.
  • A Toyama (dal 14 settembre 2018), 29 cinghiali (9 morti e 20 catturati) sono stati analizzati da RT-PCR e 4 (3 morti e 1 catturati) sono stati positivi.
  • Ishikawa, 7 cinghiali positivi su un totale di 128 catturati.
  • Nelle altre 36 prefetture (dal 14 settembre 2018), 352 cinghiali (265 morti e 87 catturati) sono stati analizzati da RT-PCR e nessuno è risultato positivo.

Lunedì 23 settembre 2019/ Redazione 333 a partire da dati dell'OIE e del Ministero dell'Agricoltura del Giappone.
http://www.oie.int
http://www.maff.go.jp

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags

Ultima ora

Bollettino settimanale di notizie del mondo dei suini

Non sei iscritto nella lista

18-Ott-201911-Ott-201904-Ott-201927-Set-2019

Fai il log in e spunta la lista

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui