Leggere questo articolo in:

Nuove strategie per eliminare la "listeria" da alcuni insaccati

Il Dipartimento di Bromatologia dell'Università di Córdoba conclude un progetto di ricerca attraverso il quale sono riusciti a migliorare la sicurezza alimentare di questi prodotti.

Martedì 9 Ottobre 2018 (11 mesi 6 giorni fa)
mi piace

Il batterio Listeria monocytogenes, presente in una varietà di cibi crudi e lavorati, provoca la listeriosi, una malattia che ha finito per diventare un problema di salute pubblica e, anche se meno frequente nell'uomo, colpisce soprattutto le persone anziane o con sistema immunitario indebolito, donne in gravidanza e neonati.

Ora, un gruppo di ricerca del Dipartimento di Scienze degli Alimenti presso l'Università di Cordoba è riuscito a stringere il cappio su questo patogeno attraverso un progetto di ricerca finanziato dall'ex Ministero dell'Economia e della Conoscenza (MINECO) appena concluso e con il quale sono riusciti a sviluppare nuove strategie per eliminare questi batteri dagli insaccati crudi stagionati.

Come dice il gruppo di ricerca, l'obiettivo principale del progetto è stato attuare strategie per la linea di produzione senza modificare il processo tecnologico o le caratteristiche organolettiche del prodotto, che è attualmente "una barriera commerciale per l'esportazione di vari insaccati spagnoli ".

I lavori sono stati sviluppati attraverso due sotto-progetti. La prima, guidata dalla Estación Tecnológica de la Carne di Guijuelo, coinvolgendo l'applicazione di tecnologie emergenti (alte pressioni idrostatiche- APH e acqua elettrolizzata) per eliminare il patogeno negli insaccati crudi stagionati e le loro fonti di inquinamento. Il secondo, si è concentrato sulla valutazione quantitativa del rischio di contaminazione, sopravvivenza e inattivazione dei batteri in questi prodotti a base di carne.

Questa iniziativa è stata guidata dall'Istituto Agrario Tecnologico di Castilla y León (ITACYL) attraverso la Stazione tecnologia della carne di Guijuelo, in collaborazione con il Centro Tecnológico Agroalimentario (Ctic Cita) e il Dipartimento di Bromatología y Tecnología de los Alimentos dell'Università di Córdoba.

Il progetto ha contato sulla collaborazione di aziende del settore della carne a livello nazionale che hanno contribuito all'informazione tramite questionari, che ha permesso l'ottenimento di dati su scala industriale. Dai dati sperimentali ottenuti sono stati sviluppati e validati diversi modelli matematici che consentono alle aziende del settore uno strumento per ottimizzare l'efficacia dei trattamenti APH (alte pressioni idrostatiche e elettrolisi dell'acqua) prodotti e l'uso di acqua elettrolizzata nella disinfezione delle superfici.

Sulla base delle informazioni ottenute, è stata effettuata una valutazione quantitativa del rischio di sopravvivenza del patogeno su questi tipi di prodotti. Questi modelli saranno disponibili per il settore attraverso lo strumento di microbiologia predittiva MicroHibro.

Venerdì 5 ottobre 2018/ UCO/ Spagna.
http://www.uco.es

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags

Ultima ora

Bollettino settimanale di notizie del mondo dei suini

Non sei iscritto nella lista

13-Set-201906-Set-201930-Ago-201923-Ago-2019

Fai il log in e spunta la lista

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui