OGM: la UE dà ragione alla coltivazione in Italia

Ossia, l'Italia non può bloccare la coltivazione di piante geneticamente modificate ammesse in tutta Europa.

Mercoledì 12 Settembre 2012 (4 anni 11 mesi 11 giorni fa)

La Corte di Giustizia europea ha sentenziato a favore della filiale italiana della multinazionale Pioneer Hi-Bred.
L'azienda aveva intentato un procedimento legale contro il Ministero dell'Agricoltura, dopo che quest'ultimo le aveva negato l'autorizzazione alla coltivazione della varietà di mais transgenico Mon 810.
La sentenza, emessa il 6 settembre, dice che l'assenza di leggi regionali che regolino la coesistenza di varietà non geneticamente modificate e ogm, motivo della mancata autorizzazione alla semina del mais Mon 810, non è un motivo sufficiente per non attenersi alle disposizioni dell'Unione Europea.

Ossia, l'Italia non può bloccare la coltivazione di piante geneticamente modificate ammesse in tutta Europa per una sua lacuna legislativa. D'altra parte, la sentenza non apre le porte del Bel Paese ai campi transgenici. L'ultima parola spetta ora al Consiglio di Stato.

Martedì, 11 settembre 2012/ANMVI.http:www.anmvioggi.it

Ultima ora

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags

Ultima ora

Bollettino settimanale di notizie del mondo dei suini

Non sei iscritto nella lista

18-Ago-201711-Ago-201704-Ago-201728-Lug-2017

Fai il log in e spunta la lista

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui