Leggere questo articolo in:

PSA in Belgio: il settore suinicolo riconosciuto come settore in crisi

Il ministro federale dell'agricoltura, Denis Ducarme, ha riconosciuto la filiera suinicola, finanziariamente colpita dalla comparsa di un'epidemia di peste suina africana nel sud della provincia del Lussemburgo.

Mercoledì 27 Febbraio 2019 (4 mesi 23 giorni fa)
mi piace

Secondo la RTBF, il ministro federale dell'Agricoltura, Denis Ducarme, ha riconosciuto la filiera suinicola, finanziariamente colpita dalla comparsa dei focolai di peste suina africana (PSA).

I lavoratori autonomi interessati saranno in grado di ottenere, secondo il loro caso: una riduzione dei contributi sociali temporanei; un'esenzione dai contributi di sicurezza sociale o un differimento di un anno dei contributi di sicurezza sociale per i quattro trimestri del 2019. Queste misure si applicheranno per i quattro trimestri del 2019.

Denis Ducarme ha inoltre firmato, in accordo con Afsca e le autorità europee, un decreto ministeriale che alleggerisce le norme sul trasporto dei suini, che ridurranno i costi affrontati dagli allevatori e alleggeriranno il loro flusso di cassa...

Venerdì 8 febbraio 2019/ RTBF/ Belgio.
https://www.rtbf.be

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags

Ultima ora

Bollettino settimanale di notizie del mondo dei suini

Non sei iscritto nella lista

19-Lug-201912-Lug-201905-Lug-201928-Giu-2019

Fai il log in e spunta la lista

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui