Leggere questo articolo in:

Trovati mangimi contaminati da aflatossine in Olanda e Germania

Le Autorità tedesche ed olandesi hanno informato della presenza nei mangimi di mais contaminato da aflatossine proveniente dalla Serbia e Romania.

Venerdì 15 Marzo 2013 (4 anni 7 mesi 4 giorni fa)

Le Autorità competenti di Bassa Sassonia e Renania del Nord-Westfalia hanno informato il Ministero dell'Agricoltura della Germania sul rilevamento di livelli elevati di aflatossine nel mais destinato alla produzione di mangimi proveniente dalla Serbia. Questi mangimi sono stati utilizzati in 3.500 allevamenti della Bassa Sassonia ed inoltre sono stati distribuiti anche in allevamenti di altri landers come lo Schleswig-Holstein, Mecklemburgo-Pomerania Occidentale, Brandenburgo, Sajonia, Sajonia-Anhalt così come in Olanda.

Nel frattempo, l'Autorità per la Sicurezza Alimentare dell'Olanda (NVWA) ha informato anch'essa della presenza di mangimi con la presenza di questo mais contaminato da aflatossine proveniente da Serbia e Romania, in vari allevamenti di suini, mentre si sta indagando per determinare se questi mangimi sono arrivati anche in allevamenti di vacche da latte.

Marzo 2013
BMELV/ Germania. http://www.bmelv.de
VWA/ Olamda. http://www.vwa.nl/

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags

Ultima ora

Bollettino settimanale di notizie del mondo dei suini

Non sei iscritto nella lista

13-Ott-201706-Ott-201729-Set-201722-Set-2017

Fai il log in e spunta la lista

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui