Leggere questo articolo in:

Bilancio UE: la politica agricola comune (PAC) oltre il 2020, dotazione di 365 miliardi di €...

Per il prossimo bilancio UE a lungo termine (2021-2027), la Commissione propone di modernizzare e semplificare la politica agricola comune (PAC).

Lunedì 11 Giugno 2018 (1 anni 6 mesi 2 giorni fa)
mi piace

Con una dotazione di 365 miliardi di euro, queste proposte assicurano che la PAC resti una politica lungimirante, a sostegno degli agricoltori e delle comunità rurali, che guidi lo sviluppo sostenibile dell'agricoltura dell'UE e rispecchi le ambizioni dell'UE in protezione dell'ambiente e lotta ai cambiamenti climatici. Le proposte odierne offrono agli Stati membri maggiore flessibilità e responsabilità per scegliere come e dove investire gli importi corrispondenti della PAC al fine di raggiungere gli ambiziosi obiettivi fissati a livello di UE, nel senso di conseguire un settore dell'agricoltura intelligente, resiliente, sostenibile e competitiva, garantendo nel contempo un sostegno al reddito degli agricoltori che sia equo e diretto.

Le caratteristiche principali delle proposte della Commissione per una PAC modernizzata e semplificata sono le seguenti:

1. Una nuova forma di lavorare: Gli Stati membri avranno maggiore flessibilità su come utilizzare i loro stanziamenti di finanziamento, con la possibilità di progettare programmi personalizzati che rispondano più efficacemente alle preoccupazioni degli agricoltori e delle comunità rurali più ampie. Gli Stati membri avranno anche la possibilità di trasferire dai pagamenti diretti allo sviluppo rurale, e viceversa, fino al 15% delle loro dotazioni della PAC per garantire il finanziamento delle loro priorità e misure. La parità di condizioni tra gli Stati membri sarà conseguita nel modo seguente:

  • Verranno adottati piani strategici per l'intero periodo, che specificano in che modo ciascuno Stato membro intende conseguire i nove obiettivi economici, ambientali e sociali a livello dell'UE, utilizzando sia i pagamenti diretti che lo sviluppo rurale. La Commissione approverà ciascun piano per garantire la coerenza e la protezione del mercato unico.
  • La Commissione seguirà da vicino le prestazioni di ciascun paese e progredirà verso gli obiettivi concordati.

2. Un trattamento più equo attraverso un miglior orientamento degli aiuti:

I pagamenti diretti continueranno ad essere una parte fondamentale della politica, garantendo stabilità e prevedibilità per gli agricoltori. Verrà data priorità al sostegno delle piccole e medie aziende agricole, che costituiscono la maggior parte del settore agricolo dell'UE, e per aiutare i giovani agricoltori. La Commissione continua a impegnarsi a conseguire una distribuzione più equa dei pagamenti diretti tra Stati membri attraverso la convergenza esterna.

Inoltre:

  • I pagamenti diretti agli agricoltori saranno ridotti da 60 000 € e saranno limitati nel caso di pagamenti superiori a 100 000 € per azienda. I costi del lavoro saranno pienamente presi in considerazione. L'obiettivo è garantire una distribuzione più equa dei pagamenti.
  • Le aziende agricole di piccole e medie dimensioni riceveranno un livello più elevato di aiuti per ettaro.
  • I paesi dovranno riservare almeno il 2% della loro dotazione per i pagamenti diretti e dedicare l'importo così ottenuto per aiutare l'insediamento dei giovani agricoltori. Questo sostegno sarà integrato da aiuti finanziari per lo sviluppo rurale e varie misure per facilitare l'accesso alla terra ed ai trasferimenti di terra.

3. Ambizioni più elevate in materia di ambiente ed azioni per il clima: Cambiamenti climatici, risorse naturali, biodiversità, habitat e paesaggi, tutto ciò viene affrontato negli obiettivi a livello UE che vengono proposti oggi. Il sostegno al reddito degli agricoltori è già collegato all'applicazione di pratiche rispettose dell'ambiente e del clima e la nuova PAC richiederà agli agricoltori di raggiungere un livello più elevato di ambizione attraverso misure obbligatorie e basate su incentivi :

  • I pagamenti diretti saranno condizionati all'adempimento di alcuni requisiti rafforzati in materia di ambiente e clima.
  • Ciascuno Stato membro dovrà offrire regimi ecologici per aiutare gli agricoltori a superare i requisiti obbligatori, finanziando tali regimi con una percentuale delle loro dotazioni nazionali per i pagamenti diretti.
  • Almeno il 30% di ogni dotazione nazionale per lo sviluppo rurale sarà dedicato alle misure ambientali e climatiche.
  • Si prevede che il 40% del bilancio totale della PAC contribuirà all'azione per il clima.
  • Oltre alla possibilità di trasferire il 15% tra i pilastri, gli Stati membri avranno anche la possibilità di trasferire un ulteriore 15% dal pilastro 1 al pilastro 2 per le spese relative alle misure climatiche e ambientali (senza cofinanziamento nazionale).

4. Maggior uso delle conoscenze e dell'innovazione: La PAC modernizzata sfrutterà tutte le tecnologie e le innovazioni più recenti, aiutando così gli agricoltori nelle campagne e le amministrazioni pubbliche, in particolare attraverso i seguenti elementi:

  • un bilancio di 10 miliardi di € dal programma di ricerca Horizon dell'UE riservato a progetti di ricerca e innovazione nel settore alimentare, agricolo, dello sviluppo rurale e della bio-economia;
  • promuovere l'uso da parte degli Stati membri di big data e nuove tecnologie a fini di monitoraggio e controllo (ad esempio, la verifica mediante dati satellitari delle dimensioni delle aziende agricole ai fini delle richieste di pagamento diretto), riducendo così significativamente la necessità di effettuare controlli in loco;
  • l'accelerazione del processo di digitalizzazione della vita rurale, ad esempio attraverso l'espansione dell'accesso a banda larga nelle regioni rurali, migliorando così la qualità della vita in queste regioni e contribuendo maggiormente a migliorare la competitività della produzione agricola europea .

Prossime tappe

È essenziale raggiungere un rapido accordo sul bilancio generale a lungo termine dell'UE e le sue proposte settoriali per garantire che i fondi dell'UE inizino a fornire i risultati sul campo quanto prima e che gli agricoltori abbiano la necessaria certezza e prevedibilità per essere in grado di prendere decisioni sulle proprie attività e investimenti.

Ritardi simili a quelli sperimentati all'inizio dell'attuale periodo di bilancio 2014-2020 potrebbero significare che gli agricoltori e le amministrazioni nazionali non beneficeranno della riduzione della burocrazia, della maggiore flessibilità e dei risultati più efficaci che la nuova PAC porterà . Un possibile ritardo nell'approvazione del bilancio futuro potrebbe anche ritardare l'avvio di migliaia di possibili nuovi progetti in tutta l'UE per sostenere gli agricoltori e le comunità rurali, in relazione a questioni che vanno dal rafforzamento della protezione ambientale all'attrazione di nuovi agricoltori.

Il raggiungimento nel 2019 di un accordo sul prossimo bilancio a lungo termine consentirebbe una transizione graduale tra l'attuale bilancio a lungo termine (2014-2020) e quello nuovo, garantendo così la prevedibilità e la continuità dei finanziamenti a vantaggio di tutti.

Venerdì 1° di giugno 2018/ CE/ Unione Europea.
http://europa.eu/rapid

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags

Ultima ora

Bollettino settimanale di notizie del mondo dei suini

Non sei iscritto nella lista

06-Dic-201929-Nov-201922-Nov-201915-Nov-2019

Fai il log in e spunta la lista

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui