Leggere questo articolo in:

Dieta per suini in finissaggio basata su sottoprodotti o su cereali a diverse concentrazioni di EN

Un'elevata inclusione di sottoprodotti nelle diete di finissaggio riduce i costi dei mangimi, ma influisce sulle prestazioni e sulle caratteristiche delle carcasse...

Giovedì 8 Novembre 2018 (12 giorni fa)
1 mi piace

I sottoprodotti alternativi come i maize distillers dried grain with solubles (MDDGS) o la farina di colza (RSM) sono utilizzati nella formulazione di diete per suini con l'obiettivo di ridurre i costi, tuttavia, il loro uso è soggetto ai parametri delle prestazioni.

Lo scopo del presente studio era di studiare gli effetti sulla crescita, sulla digeribilità dei nutrienti e sulle caratteristiche della carcassa, derivanti dall'inclusione di una combinazione di RSM e MDDGS a due diverse concentrazioni di energia netta (EN) nelle diete per suini in finissaggio. Sono stati utilizzati 160 suini (80 maschi castrati e 80 femmine) con un peso iniziale di 47,5 kg, che sono stati distribuiti in quattro trattamenti: (T1) dieta a base di cereali formulata per fornire 9,3MJ EN / kg; (T2) dieta a base di cereali formulata per fornire 9,9 MJ EN / kg; (T3) una dieta a base di sottoprodotti (350 g / kg di MDDGS e 210 g / kg di RSM) formulata per fornire 9,3 MJ EN / kg; e (T4) la stessa dieta con sottoprodotti formulata per fornire 9,9 MJ EN / kg. Tutte le diete sono state formulate per contenere livelli simili di lisina digeribile ileale standardizzata (8,5 g / kg). Il contenuto di EN è stato aumentato includendo l'olio di soia nella dieta.

I suini con una dieta a base di cereali avevano un IMG più alto, un consumo maggiore e un tasso di conversione più basso. Hanno anche mostrato un più alto coefficiente di apparente digeribilità ileale (CDIA) ed un più alto coefficiente di apparente digeribilità nell'intero tratto (CDATT) per l'azoto (N) e l'energia grezza (EB), rispetto ai suini a cui è stata offerta la dieta basata su sottoprodotti. Le diete con la più alta concentrazione di energia hanno aumentato il CDATT della sostanza secca (DM), dell'EB e dell'energia digeribile (DE) rispetto alle diete a minore concentrazione di energia. I suini a cui era stata offerta la dieta a base di cereali avevano una carcassa più pesante, un maggiore IMG della carcassa e una maggiore resa in carcassa rispetto a quelli che consumavano la dieta a base di sottoprodotti.

Nonostante la riduzione dei costi, l'inclusione di elevate quantità di sottoprodotti nella dieta riduce la digeribilità delle sostanze nutritive e l'efficienza dell'energia netta della carcassa, Inoltre, i suini con la dieta a base di cereali hanno mostrato un IMG ed un consumo più elevato. Le diete con una maggiore concentrazione di energia riducono il consumo, ma migliorano la conversione.

Clarke, L.C., Duffy, S.K., Rajauria, G. and O’Doherty, J.V. 2018. Growth performance, nutrient digestibility and carcass characteristics of finisher pigs offered either a by-product or cereal based diet at two different concentrations of net energy. Animal Feed Science and Technology. https://doi.org/10.1016/j.anifeedsci.2018.06.002

Articoli correlati

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags