Leggere questo articolo in:

Effetti della riduzione della temperatura ambientale notturna in svezzamento

Ridurre la temperatura ambientale degli svezzamenti tra le 19:00 - 07:00 h riduce efficacemente i costi dell'energia senza influenzare le performance dei suinetti.

Giovedì 20 Giugno 2013 (6 anni 2 mesi 1 giorni fa)
mi piace

Secondo il presente studio, la riduzione della temperatura ambientale nelle sale di svezzamento tra le 19:00 - 07:00 h riduce efficacemente i costi dell'energia senza influenzare le performance dei suinetti, riducendo così i costi di produzione e l'emissione dei gas ad effettto serra.

I ricercatori realizzarono 2 esperimenti con suinetti svezzati tra 16 e 22 gg di vita. Nell'esperimento 1, si utilizzarono 6 sale controllo (CON, 820 suini) e 6 con riduzione notturna della temperatura (RNT; 818 suini). La temperatura nelle sale CON fu fissata in 30 °C durante i 7 primi giorni e si riduceva di 2 °C per settimana durante il resto dell'esperimento. Gli aggiustamenti della temperatura ambiente si mantennero costanti durante tutto il giorno e la notte. Per le sale RNT l'aggiustamento della temperatura fu lo stesso di CON durante i primi 7gg, mentre alla notte del giorno 7 la temperatura fu ridotta di 6 gradi C tra le 19:00 - 07:00 h. L'uso del combustibile per il riscaldamento e l'elettricità fu misurato settimanalmente in ogni comparto. In generale, l'IMG (0,43 kg), il CMG (0,62 kg) e l'IC (0,69) furono identici tra trattamenti ed il consumo di combustibile per riscaldamento (9,658 vs 7,958 Btu • suino-1 • d-1) e l'elettricità (0,138 vs 0,125 KWH • suino-1 • d-1) non furono statisticamente differenti tra le sale CON e RNT, rispettivamente.

Nell'esperimento 2, si raccolsero dati di 9 sale CON (2122 suini) e 10 sale RNT (2176 suini). I trattamenti ed i protocolli sperimentali furono gli stessi dell'Esperimento 1, ad eccezzione del regime delle temperature RNT in cui si inizio la notte del giorno 5 e la riduzione della temperatura notturna fu di 8,3 °C. Nè il peso finale del suino (21,8 vs 21,5 kg), nè l'IMG(0,45 vs 0,44 kg), CMG (0,61 vs 0,60 kg) e IC (0,75 vs 0,75) furono differenti per i suini alloggiati nelle sale CON o RNT, rispettivamente. Al contrario il consumo di combustibile per il riscaldamento e l'elettricità si ridusse in maniera consistente nelle sale RNT (10.019 vs 7.061 Btu • suino-1 • d-1, per il consumo di combustibile per il riscaldamento e 0,026 vs 0,021 KWH • suino-1 • d-1 per l'elettricità). Questo rappresenta una riduzione del 30% sull'uso del combustibile per il riscaldamento ed una riduzione del 20% nel consumo elettrico, senza diffrenze sull'accrescimento dei suini o sulla salute.

Johnston LJ, Brumm MC, Moeller SJ, Pohl S, Shannon MC, Thaler RC; Effects of Reduced Nocturnal Temperature on Pig Performance and Energy Consumption in Swine Nursery Rooms; J Anim Sci. 2013 jas.2012-5824; published ahead of print May 8, 2013, doi:10.2527/jas.2012-5824

Abstracts

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags