Leggere questo articolo in:

Effetti della restrizione dell'acqua sugli accrescimenti, sul benessere e sulla qualità delle carni e dei prosciutti

Le necessità dell'acqua possono variare considerevolmente dipendendo dallo stato fisiologico dell'animale, dall'ambiente e dalla dieta. Inoltre, valutare le necessità con un approccio basato sul consumo può non essere esatto a causa degli sprechi inevitabili...L'obiettivo di questo studio fu quello di verificare se la mancanza di acqua aggiuntiva potrebbe compromettere le caratteristiche o il comportamento dei suini "pesanti"(per i prosciutti di Parma) alimentati con alimentazione liquida.

Mercoledì 15 Giugno 2016 (3 anni 2 mesi 6 giorni fa)
mi piace

Le necessità dell'acqua possono variare considerevolmente dipendendo dallo stato fisiologico dell'animale, dall'ambiente e dalla dieta. Inoltre, valutare le necessità con un approccio basato sul consumo può non essere esatto a causa degli sprechi inevitabili. In teoria, i suini alimentati con alimentazione liquida non dovrebbero avere bisogno di una fonte aggiuntiva di acqua, dato che le loro necessità sarebbero soddisfatte attraverso l'alimentazione e questo si presuppone per il tradizionale rapporto di 3: 1 (acqua-mangime). Tuttavia, ci sono molte circostanze imprevedibili nelle quali aumentano i fabbisogni di acqua ed è in queste situazioni che i suini possono beneficiare di un apporto aggiuntivo. Pertanto, raggiungere una riduzione dell'eccesso di acqua e di conseguenza del volume totale dei liquami prodotti è essenziale per ridurre l'impatto ambientale.

L'obiettivo di questo studio fu quello di verificare se la mancanza di acqua aggiuntiva potrebbe compromettere le caratteristiche o il comportamento dei suini "pesanti"(per i prosciutti di Parma) alimentati con alimentazione liquida. Sessanta suini (peso iniziale di 78 kg) furono divisi in 2 gruppi sperimentali alimentati entrambi con una dieta liquida (rapporto acqua-mangime 3: 1). I box erano forniti di succhiotti: 1° dei gruppi aveva accesso permanente all'acqua (WD), mentre il 2° gruppo non aveva somministrazione di acqua a parte l'alimentazione liquida (DD). I suini furono alloggiati in condizioni di temperatura ed umidità controllata, ingrassati fino ad un peso di 160 kg e successivamente macellati. I prosciutti furono stagionati secondo le direttive per la produzione del Consorzio del prosciutto di Parma.

Non si osservarono differenze significative (P> 0,05) tra i gruppi sperimentali per i parametri produttivi, per i parametri comportamentali, per i parametri sanguigni o caratteristiche e qualità delle carcasse( carnosità, spessore del grasso dorsale...), carne (pH, colore, capacità di ritenzione dell'acqua, composizione degli degli acidi grassi del grasso sottocutaneo e tenerezza) e prosciutti stagionati (calo peso, proprietà sensoriali, composizione chimica e stato ossidativo). Per quanto riguarda il comportamento del bere, in generale si osservò un basso numero di visite al succhiotto per entrambi i gruppi ed i dati sembrano indicare che c'era maggior spreco di acqua nel gruppo con accesso aggiuntivo all'acqua. L'alimentazione liquida non ha evitato l'uso degli abbeveratoi oppure della loro manipolazione in entrambi i gruppi di prova.

Nannoni, E., Martelli, G., Cecchini, M., Vignola, G., Giammarco, M., Zaghini, G., & Sardi, L. (2013). Water requirements of liquid-fed heavy pigs: Effect of water restriction on growth traits, animal welfare and meat and ham quality. Livestock Science, 151(1), 21-28. http://dx.doi.org/10.1016/j.livsci.2012.10.005

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags