Leggere questo articolo in:

Riassunti dell'ESPHM 2019: Sanità e Gestione di Precisione

Antonio Palomo ci offre il riassunto delle presentazioni sulla sanità e sulla gestione di precisione presentate all'ESPHM 2019...

Gestione della sanità suina 4.0

Big data in pig epidemiology (John Berezowski – Bern University):

Chiamiamo i Big Data un enorme volume di dati (strutture e non strutturati) che sono difficili da elaborare utilizzando i database tradizionali e tecniche di software attuali. (4V´s = volume, veridicità, velocità e varietà). I dati provengono da numerose fonti (data.gov.uk, us.data.gov, portale europeo dei dati ...). Nel gennaio 2018, i dati digitali in tutto il mondo sono contati in miliardi: popolazione, internet, utenti, social network, dispositivi mobili (www.statista.com). Si stima che nei prossimi 25 anni i dispositivi connessi a Internet saranno moltiplicati per tre (l'"Internet delle cose"). I dubbi sorgono quando ci chiediamo se gli algoritmi possano diagnosticare meglio di noi stessi. In agricoltura ci sono 414 pubblicazioni scientifiche che rappresentano l'1% di tutti i settori.

Il processo dei Big Data inizia selezionando i dati, pre-elaborandoli, trasformandoli, modulandoli e valutandoli-interpretandoli (ad es. Netflix, programmi di previsione degli ordini presso McDonald's).

Ci viene raccontato un progetto di Big Data nel settore suinicolo svizzero (2,5 milioni di suini macellati e 6.500 allevamenti), che è altamente decentralizzato e frammentato, con un gran numero di piccoli attori indipendenti. Vi partecipano 5 istituti e centri di ricerca (5 ricercatori principali). Il programma raccoglie dati di 7 anni da centri di produzione, governo, veterinari e macelli con una garanzia di riservatezza in un formato di ricerca transdisciplinare (epidemiologia, informatica, sanità, informazioni geografiche e climatiche ...) che, tra il 2011-17 , accumula circa 3 milioni di rapporti. L'80% del lavoro nei Big data riguarda la "pulizia" dei dati, l'elaborazione e l'interpretazione dei dati.
Questo può permetterci di correlare efficacemente molte variabili e le loro correlazioni.

Le lezioni apprese sono essenziali per la collaborazione interdisciplinare (produttore, veterinario, trasporti, macello ...), la comunicazione è fondamentale prima di iniziare e durante il processo, mentre è essenziale lavorare fianco a fianco con i diversi attori. “Big data is about people”

Smart data in health management (Daniel Berckmans - M3-Biores KU Leuven):

Ogni anno vengono macellati 65.000 milioni di animali e la domanda globale di prodotti di origine animale aumenterà del 75% nel 2050. La salute degli animali è il punto critico tra animali e alimenti all'interno della catena alimentare. Il benessere degli animali è al centro della produzione animale per garantirne l'efficienza, nonché le questioni ambientali e tutto ciò che è importante per la società. È di grande importanza economica valutare la conoscenza.

Il Precision Livestock Farming (PLF) è essenziale per migliorare la gestione dei sistemi automatici in tempo reale che monitorano il benessere, la salute, l'alimentazione e i parametri produttivi. Un esempio è il monitoraggio delle infezioni mediante analisi dell'indice di tosse (riduzione dei consumi vs lo stress respiratorio) per le quali utilizzano sensori acustici, sensori di temperatura ... Un altro esempio sono i sistemi di monitoraggio del consumo di acqua per immagini in cui il numero di visite agli abbeveratoi, tempo di permanenza, ore di visite ... Espone inoltre un sistema di rilevazione di aggressioni tra suinetti mediante telecamere cinetiche, un sistema di stima del peso in tempo reale (Fancom) e un sistema di rilevazione dello stato mentale a animali in tempo reale (benessere degli animali - Brave new world – Real-Time frustration monitoring – BioRICS Stress level monitoring).

La trasmissione dei dati richiede più energia rispetto ai calcoli in tempo reale oltre a poter differenziare le informazioni rilevanti. Questi sono alcuni dei punti da considerare tra l'utilizzo di Big data o Smart data. Il PLF offre ai produttori la possibilità di sapere quali animali necessitano della loro attenzione ed interventi (maggiore interazione tra animali e persone), il che significa che la produzione animale è più sostenibile. L'implementazione mondiale del PLF richiede una seria collaborazione tra industria, ricercatori, allevatori e macelli.

Development and initial evaluation of an integrated system utilizing low power bluetooth beacons, sensors and a cloud-based platform to concurrently measure near-real time movement of pigs, semen, feed, supplies, assets and personnel throughout a large pig production network in the United States (Dale Polson – Boehringer Ingelheim):

Siamo nella quarta rivoluzione industriale dei sistemi automatici Smart, collegati al cloud, sistemi intelligenti - CPS (Cyber-Physical Systems). Nella produzione animale questi CPS sono equivalenti ai PLF (Precision livestock Farming).

Il corpo delle piattaforme PLF include il controllo preciso dei diversi rischi con tutte le tecnologie coinvolte. Usano il sistema pTRACK con un pannello di controllo che analizza in ogni sito produttivo i diversi rischi sanitari, derivati da fattori come i movimenti di persone, animali, veicoli (lavoratori, mangimi, suinetti, ingrasso, dirottamento, rinnovo ...).

"La balena" è un'installazione realizzata con 5 tonnellate di rifiuti di plastica raccolti sulle spiagge delle Hawaii che si possono vedere di fronte al Tivoli Vredenburg, a Utrech.
"La balena" è un'installazione realizzata con 5 tonnellate di rifiuti di plastica raccolti sulle spiagge delle Hawaii che si possono vedere di fronte al Tivoli Vredenburg, a Utrech.

Gestione della sanità suina ed economia

Applications of population-based methods for PRRS monitoring and surveillance in breeding herds undergoing virus elimination (Daniel Torrents - Hipra):

L'obiettivo è disporre di un metodo analitico che ci consenta di analizzare la prevalenza - persistenza del virus PRRS nei nostri allevamenti per classificarli come stabili, non stabili o indenni. Abbiamo iniziato a testare 30 suinetti al momento dello svezzamento durante 4 analisi mensili consecutive che, essendo negative, ci hanno fatto pensare che il virus non fosse in allevamento con una prevalenza del 10% e del 95% di confidenza. Ma la bassa prevalenza e l'eliminazione del virus in allevamento possono essere presenti. Le tecniche diagnostiche si sono evolute dal 2007 ad oggi in modo tale che l'analisi dei sieri rispetto ai fluidi orali è stata ridotta, oltre a variare il numero di campioni per pool, riducendo le dimensioni del pool quando la prevalenza diminuisce ... Raccomandare di eseguire controlli settimanali dei fluidi nei suinetti allo svezzamento e, se escono 6-8 PCR negative consecutive, possiamo pensare che il virus non circoli. Il pool di fluidi è una buona opzione per i suinetti di 3-5 giorni di vita e una pratica adatta per i pool settimanali.

Differences between Dutch and Belgian pig farmers with respect to their biosecurity level and antimicrobial usage within the i-4-1-Health Project (Nele Caekebeke -Ghent University):

Si stima che nel 2050 10 milioni di persone moriranno nel mondo a causa della resistenza antimicrobica oltre ai 8,2 milioni a causa del cancro. Nel loro Progetto I-4-1 hanno selezionato 30 allevamenti (allevamenti di scrofe con suinetti) che hanno studiato per 1,5 anni analizzando la loro gestione, il piano vaccinale, i dati produttivi e le analisi di laboratorio. La dimensione dell'azienda agricola in Belgio era di 437 scrofe (95-1550) e 567 nei Paesi Bassi (315-1600), con dimensioni del campione simili per numero di suinetti e suini da ingrasso. In termini di misure di biosicurezza, sia le misure esterne che interne erano più elevate rispettivamente in Olanda 73 e 71% rispetto a <50% in Belgio. Le principali differenze riguardavano i controlli preventivi contro parassiti, uccelli, insetti, igienizzazione dell'acqua potabile, vuoti sanitari nell'ingrasso, mescolamento di animali, lavaggio delle scrofe all'entrata nelle sale parto ...

Analizzano il valore IT (trattamento dell'incidenza) che corrisponde agli animali trattati ogni 200 nelle tre fasi della produzione (suinetti lattanti, suinetti svezzati e suini all'ingrasso). TI è 10,10 - 43,78 e 6,58 in Belgio vs 1,22 -12,02 -2,4 nei Paesi Bassi. Tetracicline, polimixine e penicilline sono gli antibiotici più comunemente usati in generale, con una significativa riduzione nei Paesi Bassi rispetto al Belgio.

Measuring the respiratory pathogen burden in growing pigs to estimate the impact of disease (Rachel Stika – Iowa State University):

Il complesso respiratorio suino comprende PRRSv, Virus dell'Influenza, Mycoplasma hyopneumoniae e PCV. L'obiettivo è essere in grado di misurare e caratterizzare i patogeni coinvolti in un problema respiratorio raccogliendo fluidi orali bisettimanali analizzando con la PCR suinetti di 1-4, 5-8, 9-16 e più di 17 settimane, incrociandoli con i dati produttivi. In caso di influenza ci sono differenze nette di beneficio per suino tra € 8,27 e € 15,68 / suino, in caso del Mycoplasma hyopnemoniae da € 3 a € 12, col PCV2 di € 13 e in PRRSv di € 16,31, basati sul differenziale di mortalità, peggiore incremento medio giornaliero e margine di profitto rispetto al prezzo di vendita. In casi misti di virus influenzale con PRRSv, Mhyo e PCV le perdite sono aumentate, aumentando nei casi di Mhyo + FLU + PRRS + PCV. Esistono molti fattori che influenzano la gravità delle condizioni sia semplici che combinate, evidenziando come fattore aggravante principale l'alta densità (la mortalità con densità + 10/20% aumenta drasticamente).

Modelling the effect of respiratory disease on production performance of farrow-to-finish pig herds (María Rodrigues da Costa – Teagasc – Ireland):

Le patologie respiratorie hanno un grande effetto negativo sulla produttività, che non è completamente quantificata e di solito è molto variabile. Hanno condotto uno studio su allevamenti in Irlanda (56 con circa 50.000 scrofe a ciclo chiuso che rappresentano 1/3 della popolazione del paese). In questo progetto sono stati raccolti dati riguardanti il ​​programma di vaccinazione, la sierologia nei suini da ingrasso (32 per allevamento) e il macello (media di 162 campioni per allevamento: hanno analizzato le lesioni polmonari come le pleurite, polmonite e ascessi, nonché pericardite e altre lesioni) . Il Teagasc e-Profit Monitor include i dati produttivi delle fasi di ingrasso (consumo medio giornaliero, incremento medio giornaliero, indice di conversione, età alla macellazione, mortalità nei suinetti svezzati e ingrasso).

Il 39% degli allevamenti viene vaccinato con l'influenza, il 43% per PRRS, il 77% per Mhyo, il 9% per APP e il 94,6% per PCV2, oltre al 7,1% per rinite. Gli allevamenti sono positivi per FLU 78,6%, PRRS 58,9% e 78,6% Mhyo. La dimensione media degli allevamenti è di 789 scrofe (da 109 a 2498) e il peso medio di macellazione è di 104 kg. Il consumo medio giornaliero è maggiormente influenzato negli allevamenti positivi a Mycoplasma hyopneumoniae e PRRSv, con ripercussioni sull'incremento medio giornaliero e sull'Indice di conversione negli allevamenti positivi al PRRSv. L'incremento medio giornaliero è penalizzato nei suinetti dallo svezzamento all'ingrasso di 18,6 g / giorno quando presentano lesioni polmonari nei lobi craniali e di 31 g / giorno in allevamenti positivi al PRRSv.

https://doi.org/10.1093/jas/skz163

Colostrum intake in pigs: analysis of the varying factors in 10 commercial farms (Catherine Belloc – INRA – IDT):

Con le attuali scrofe iperprolifiche, il peso alla nascita è diminuito mentre la loro eterogeneità è aumentata ed anche la mortalità prima dello svezzamento. Pertanto, l'assunzione di colostro è fondamentale per ingerire energia e fattori di immunità. Hanno selezionato 10 allevamenti in base alla loro elevata prolificità e con diversi tassi di mortalità nei suinetti in lattazione (basso <11,5 - medio e alto> 15,5). Hanno pesato I suinetti alla nascita, a 24 ore e allo svezzamento, prelevando campioni di sangue per analizzare i livelli di IgG. In totale ci sono 1000 suinetti (927 nati vivi, 73 nati morti e 9 mummificati). Il peso medio alla nascita è di 1,3 kg (0,470-2,290). L'aumento di peso nelle prime 24 ore è stato di 88 ± 79 grammi (- 164 e + 370). L'assunzione media stimata di colostro era di 270 g (202 g / kg di peso corporeo). A un peso maggiore alla nascita, vi era un peso maggiore a 24 ore e un peso maggiore alla fine dell'allattamento, non vi è alcuna correlazione tra peso a 24 ore e dimensioni della figliata. La mortalità nei suinetti lattanti è <10% se il peso aumenta dopo 24 ore di 50 grammi, il che significa che maggiore è l'assunzione di colostro, minore è la mortalità. I fabbisogni dei suinetti più piccoli sono più elevati perché hanno meno riserve corporee e maggiori esigenze di termoregolazione (maggiore rapporto superficie corporea / peso). I livelli di IgG sono influenzati negativamente da una maggiore dimensione della figliata, un minor peso alla nascita e da pareggiamenti tra figliate precoci. Esiste una correlazione tra trasferimento dell'immunità (<20 mg / ml = 39% vs 6%> 20 mg / ml) e la mortalità, nonché con aumento di peso. Concludono che l'aumento di peso a 24 ore dalla nascita è un indicatore rilevante dell'assunzione di colostro, che i piccoli suinetti hanno esigenze particolari e che l'ambiente della sala parto può e deve continuare a migliorare.

Sessione dei residenti ECPHM

The successful eradication of Mycoplasma hyopneumoniae from Norwegian pig herds – 10 years later (Stine Margrethe Gulliksen):

Il batterio Mycoplasma hyopneumoniae era molto comune negli allevamenti norvegesi fino a quando, nel 1994, la direzione del Norwegian Pig Health Service decise di attuare un piano nazionale di eradicazione basato sulla prevalenza sierologica. Il programma prevedeva uno depopolamento parziale di tutte gli allevamenti positivi, sia a ciclo aperto che a ciclo chiuso, e uno depopolamento totale degli ingrassi positivi, rifornendosi con solo suini negativi. Tra il 1994 e il 2009 (15 anni), 138.635 suini di 3.215 allevamenti sono stati testati sierologicamente sulla base della presenza di anticorpi, di cui il 4% dei singoli campioni e il 12,4% degli allevamenti erano positivi all'inizio. Nel 2009 tutte gli allevamenti sono stati dichiarati indenni da Mhyo, che lo sono fino ad oggi (un totale di 35.202 campioni di sangue sono stati analizzati tra il 2009-17). La strategia di controllo si basa su numerosi fattori come il controllo delle importazioni di animali vivi negativi, la corretta struttura commerciale degli allevamenti di suini, allevamenti di dimensioni relativamente piccole, la bassa densità di produzione in tutto il paese e infine uno sforzo eccezionale da parte degli allevatori, macelli, lavoratori e veterinari.

Under the shadow of African Swine Fever: a collection of cases in piglets with haemorrhages (Lucía Dieste-Pérez):

Di fronte al sospetto di quadri clinici compatibili con la PSA, è importante definire correttamente la clinica e le lesioni, come sono le emorragie massicce, la diatesi emorragica, la trombocitopenia purpurea, le petecchie in numerosi organi e tessuti, le infiltrazioni di linfonodi e contenuto di sangue nell'intestino. Dobbiamo fare la diagnosi differenziale nei confronti delle setticemie da Streptococcus dysgalactiae ssp. Equisimilis, Escherichia coli, Streptococcus suis, Staphyococcus aureus, Staphylococcus hyicus o la combinazione di alcuni di essi. Il dubbio sorge quando alcuni di questi batteri sono isolati, quindi non è chiaro se sono la prima causa di emorragie o agiscono come agenti secondari, essendo necessario per raggiungere la diagnosi definitiva del primo agente responsabile.

Impact of washing and disinfection of mammary glands on sow and piglet health and performance (Alexandra Schoos):

Come misura di biosicurezza in molti allevamenti in Belgio, le scrofe gravide vengono pulite prima di entrare nella sala parto. In uno studio su 45 scrofe con tre gruppi (non lavate, lavate solo con acqua calda ed altre lavate con le mammelle disinfettate con una soluzione di iodio) hanno misurato il carico di contaminazione batterica a livello della pelle delle mammelle in sala parto Non hanno trovato differenze nella mortalità dei suinetti, nell'incremento medio giornaliero e nei parametri di salute (diarrea, medicazioni) in nessuno dei tre trattamenti, concludendo che sono necessari ulteriori studi in allevamenti con standard igienici diversi e stato di salute diverso.

Edema Disease vaccination as a tool for reducing antibiotic use after weaning in a Shigatoxin 2e positive farm (Susana Mesonero-Escuredo):

Con 1.824 suinetti svezzati in un allevamento con uno storico di Malattia degli Edemi, hanno formato due gruppi di suinetti, di cui nel primo, con 480 suinetti, mangiano un mangime con colistina, amoxicillina e ossido di zinco, e il secondo, con 1.344 suinetti hanno un mangime con amoxicillina e ossido di zinco. Questo secondo gruppo è diviso in due di 672 suinetti ciascuno, di cui il primo viene vaccinato a 7 giorni di età con Ecoporc SHIGA e il secondo non viene vaccinato, portandoli a 63 giorni di vita in base all'età dello svezzamento di 28 giorni. Sia il consumo medio giornaliero che l'incremento medio giornaliero e l'indice di conversione non hanno avuto differenze significative.

Case of listeriosis in fattening pigs with hemorrahagic diarrhea and sudden death (Lukas Schwarz – University of Vienna):

Normalmente troviamo listeriosi nei processi settici dei suinetti sottoscrofa. Nelle scrofe provoca aborti e, raramente, encefalite nei suinetti in allattamento. Nei suini da ingrasso si descrivono enterite emorragica e setticemia causate da Listeria monocytogenes. La mortalità in quest'ultima sezione ha raggiunto il 7,8% nei suini tra 40 e 100 kg di peso vivo. La lesione più caratteristica è stata una grave tifocolite fibrinonecrotica diffusa che si è risolta positivamente trattando i suini con amoxicillina. In questo caso la Listeria era stata isolata nell'insilato di mais usato come alimento prodotto in condizioni non corrette, che era anche contaminato con 3000 ppb di deossinivalenolo.

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?Se hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags