Leggere questo articolo in:

Utilizzo di marche auricolari come test per il controllo della biosicurezza interna...

In questo esempio, sono state applicate le marche auricolari a 1050 suinetti di un lotto di un allevamento a ciclo chiuso e accompagnati fino al macello, come test per il controllo della biosicurezza interna...

L'uso dei cosidetti "orecchini", per una banda o in modo routinario con differenti colori, è un modo semplice ed efficace di rilevare problemi negli spostamenti degli animali. In questo esempio, sono state applicate le marche auricolari a 1050 suinetti di un lotto di un allevamento a ciclo chiuso e accompagnati fino al macello. I suinetti furono svezzati a 4 settimane di età e sono rimasti 5 settimane in svezzamento e 4 in magronaggio per poi passare all'ingrasso.

Gli ultimi suinetti passarono dallo svezzamento al magronaggio con 13 settimane di età, quando tutti i suini che avevano la marca auricolare, erano già passati in ingrasso. Questa settimana, molti box avevano presenti suini con la marca (figura 1).

Disegno dellallevamento. I box contenenti i suinetti orecchinati sono in giallo
Disegno dellallevamento. I box contenenti i suinetti orecchinati sono in giallo

Figura 1. Disegno dell'allevamento con i vari reparti: svezzamento, magronaggio ed ingrasso.
I box colorati in giallo contenevano suini con la marca alla settimana 13 di età del lotto monitorato.

I motivi per cui i suini con le marche auricolare finirono in altri box sono:

  • Svezzamento dei suini più tardi di quanto atteso.
  • Spostamento dei suini in infermeria e dopo reintroduzione degli stessi nel flusso corrente.
  • Rimescolamento dei gruppi per pareggiamento.

Sono stati identificati 3 flussi principali dei suini:

  • Suini che seguivano il flusso normale.
  • Suini che ritardavano la crescita di una settimana e venivano spostati con il lotto successivo.
  • Suini che ritardavano fino a 8 settimane e furono spostati ai lotti successivi.

Se confrontiamo l'evoluzione di ognuno di questi flussi (tabella 1), vediamo che i suini trattenuti oltre una settimana erano originari di scrofe giovani, e hanno prodotto carcasse più leggere e con più lesioni o problemi al macello (figura 1).

Tabella 1. Evoluzione dei suini di ogni flusso descritto sopra all'interno dell'allevamento.

Flusso normale In ritardo di 1 settimana In ritardo di >1 settimana
Peso alla nascita, kg 1,22 1,22 1,21
Variabilità del peso alla nascita, %CV 23 23 24
Dimensione della figliata 13,4 13,7 13,3
Numero medio di parti 3,3 3,4 3,0
Peso medio alo svezzamento, kg 7,2 5,2 5,9
Variabilità di peso allo svezzamento %CV 17 21 27
Peso medio carcassa, kg 87,9 85,7 79,3
Variabilità peso della carcassa, %CV 10 11 14

Sequestri di cuori e fegati dei differenti grupp
Sequestri di cuori e fegati dei differenti grupp

Figura 2. Sequestri delle carcasse per ogni tipo di flusso.

Indipendentemente se queste differenze osservate siano la causa o la conseguenza degli spostamenti dei suini, questi spostamenti non rispettano le regole basiche della biosicurezza interna e contribuiscono alla diffuzione delle infezioni. Regole semplici che dovrebbero essere applicate per risolvere questi problemi:

  • Gestione minima dei suini e sempre in ordine di età, dai più giovani ai più vecchi.
  • I suini malati non devono essere spostati ad altre figliate o lotti: una volta in infermeria devono seguire separati.
  • I suini di un stesso lotto devono essere spostati tutti assieme alla fase successiva del ciclo produttivo.

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags