Leggere questo articolo in:

Zoppie e nutrizione

Questo articolo esamina l'effetto dei componenti delle diete sull'osso e sull'osteocondrosi, la principale causa delle zoppie e la causa dell'eliminazione delle giovani riproduttrici. Pertanto, concetti importanti da considerare nelle diete per l'allevamento delle scrofette.

Lunedì 8 Aprile 2019 (4 mesi 10 giorni fa)
mi piace

L'osteocondrosi (OC) è una condizione degenerativa e non infettiva delle articolazioni che ha una componente ereditaria. La patogenesi inizia con la condronecrosi ischemica che progredisce verso un'ossificazione anomala e possibili fratture della cartilagine articolare. Si potrebbe ritenere che vi sia un'opportunità di miglioramento nella causa iniziale (80% di prevalenza tra 8 e 12 settimane di età) o in progressione (con recupero del 60-70% a 25 settimane di età). Tuttavia, l'eziologia non è chiara (Olstad et al., 2015) e potrebbe includere traumatismi o fragilità del collagene (Laverty and Girard, 2013; Finnøy et al., 2017). Inoltre, la selezione genetica dovrebbe essere applicata per ridurre la prevalenza della OC, anche se inizialmente potrebbe essere difficile, poiché il potenziale di crescita in carnosità è geneticamente associato alla OC (Aasmundstad et al., 2013). D'altra parte, altri fattori che potrebbero influenzare la progressione della malattia sono poco conosciuti.

Visione macroscopica dell'articolazione del ginocchio con una grave lesione da osteocondrosi nel condilo laterale del femore.
Visione macroscopica dell'articolazione del ginocchio con una grave lesione da osteocondrosi nel condilo laterale del femore.

Vista della stessa lesione mediante tomografia computerizzata. Grave lesione da osteocondrosi con carenza di ossificazione nella regione subarticolare del condilo femorale laterale.
Vista della stessa lesione mediante tomografia computerizzata. Grave lesione da osteocondrosi con carenza di ossificazione nella regione subarticolare del condilo femorale laterale.

L'uso alimentare di minerali, oligoelementi o alcun componenti funzionali (es. vitamine) possono modificare la composizione e la struttura ossea (Riet et al., 2013). Tuttavia, la loro importanza nei processi patologici è controversa. Per lo sviluppo delle ossa, il calcio (Ca) ed il fosforo (P) sono molto importanti. Nella dieta, è necessario un rapporto minimo di C: P digeribile (1: 1) e varia in base al livello di P; ad es. 1,25: 1 se P sta alle raccomandazioni (peso da 50 a 80 kg) NRC (2012). Inoltre, le raccomandazioni di Ca per massimizzare la mineralizzazione sono maggiori rispetto alla crescita (<1.35: 1; Lagos et al., 2018). Sotto carenza di P, il tasso di crescita e la mineralizzazione ossea sono ridotti, tuttavia, senza effetti sulla OC.

Lo zolfo è un minerale necessario per la resistenza della cartilagine che partecipa al legame proteoglicano-acido ialuronico (Myllyharju, 2014), inoltre, viene associato ad effetti terapeutici nelle lesioni articolari (Ouattara et al., 2016). Nelle scrofette, la supplementazione di metionina (1,1: 1 metionina: lisina) come fonte di zolfo altamente disponibile è stata associata con una riduzione della OC (Frantz et al., 2008). Così pure è per il magnesio, Counotte e col. (2014) ha riportato di miglioramenti nell'OC in puledri integrati con 4 g / d tra 5-12 mesi di età.

Gli oliogoelementi (OE) sono anch'essi elementi essenziali, tuttavia esistono notevoli differenze tra le esigenze di crescita e le raccomandazioni pratiche. In effetti, alcuni suggeriscono maggiori esigenze di sviluppo di ossa e unghielli rispetto alla crescita (ad es. tacchini, Ferket et al., 2009, e suini, Barneveld e Vandepeer, 2008). Tuttavia, sono necessarie ulteriori prove pratiche. Lo zinco (Zn) interagisce con vari componenti della matrice ossea extracellulare (ad es. Osteoblasti, metalloproteinasi e fattori di crescita). Quindi, l'aumento dello Zn nella dieta aumenta il contenuto di ceneri e la resistenza ossea in modo lineare (Veum et al., 2009). Allo stesso modo, il silicio massimizza la formazione di collagene. Supplementando i suini (1.000 mg di silicio / kg di mangime) sono stati osservati riduzioni di OC (Frantz et al., 2008). In caso contrario, anche se il manganese partecipa nella sintesi dei proteoglicani non ha influenza sulla OC. Il rame (Cu), è apparentemente più importante e catalizza la Cu-lisil ossidasi fornendo resistenza al collagene. La supplementazione combinata di Cu (250 mg / kg) e Mn (100 mg / kg) ha migliorato le proprietà biomeccaniche della cartilagine e ridotta l'OC (Frantz et al., 2008). Al contrario, Tóth et al. (2016) hanno utilizzato fonti di MT inorganiche + organiche (150 + 50 g / kg Zn, 50 + 20 mg / kg di Cu, e 16.5 + 10 mg / kg Mn) senza osservare effetti evidenti sulla OC in tenera età (12 settimane; 100 % di prevalenza di OC) o tardiva (24 settimane, 1,5% di prevalenza di OC). Pertanto, tutti i livelli di riferimento nei loro trattamenti sembravano sufficienti a ridurre la progressione dell'OC. D'altra parte, una supplementazione simile di OE ha ridotto l'incidenza di zoppie ed una migliore qualità dell'osso (Fabà et al., 2018; 2019). Questi risultati contrastanti suggeriscono altre ipotesi più pratiche: il potenziale dei OE può interagire con il rischio intrinseco o meccanico di soffrire di OC? o, in caso contrario, ci sono interazioni tra minerali o altri componenti della dieta (ad es. antimicrobici, ZnO, fitati, ecc.) che possono causare carenze temporanee e influenzare l'OC? Infatti, l'eccesso di Zn può spostare la metallotioneina di Cu e l'enzima lisil ossidasi dipendente dal Cu), con conseguente produzione anormale di cartilagine ed ossa. Domanda che è fondamentale nella fase di pre-starter in concomitanza con la comparsa di OC. Tuttavia, tali interazioni richiedono livelli terapeutici o superiori di ZnO (Hill et al., 1983).

Altre carenze, come le vitamine (es. B folacina) possono presentare conseguenze negative nello sviluppo delle ossa. La carenza più importante è per la vitamina D che riduce la disponibilità di Ca e P, influisce sul metabolismo osseo e anche su altre funzioni fisiologiche (Clarke, 2008). Tuttavia, i supplementi di vitamina A, B, C, D ed E non influenzano sull'OC (Nakano et al., 1987, Ytrehus et al., 2007).

Alti livelli di zuccheri aumentano i picchi di insulina ed il fattore di crescita dell'insulina. Questi effetti possono compromettere l'attività condrocitica, sebbene siano ad ampio spettro e non abbiano dimostrato di aumentare l'OC nei suini. Altre integrazioni come glucosamina solfato o glicosaminoglicani (es. Condroitin solfato), o acidi grassi n-3 sono state proposte per migliorare la formazione di proteoglicani e cartilagine, sebbene non siano stati osservati effetti sull'OC nelle scrofette (Neil e col., 2005; Frantz et al., 2008).

È chiaro che le carenze nutrizionali riducono la qualità ossea e possono influenzare l'OC. Ma il conflitto tra i risultati mette in discussione il potenziale dei supplementi nutrizionali sulla OC. Sono necessarie ulteriori ricerche per comprenderne la patogenesi e la progressione, in particolare includendo le interazioni a livello pratico con la velocità di crescita, la genetica e la gestione.

Articoli

Xilanasi19-Apr-2019 3 mesi 30 giorni fa

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags