Giornata della Suinicoltura: Intervista col Dott. Guadagnini.

Gli studi condotti e le prove in campo dimostrano che con l’aumento del benessere animale il farmaco diventa sempre meno importante.

Sabato 19 Ottobre 2019 (1 mesi 17 giorni fa)
mi piace

expo L’intervista col Dott. Guadagnini

Dottor Guadagnini, quanto è sentito oggi negli allevamenti suinicoli italiani il tema dell’antibioticoresistenza?

“La consapevolezza di questo grande tema da parte dei produttori sta crescendo. Lo avverto quotidianamente nelle mie visite in porcilaia. Non è un processo semplice perché si tratta di scardinare convinzioni radicate nel tempo, come quella di pensare che una patologia virale si cura con l’antibiotico. Una convinzione ovviamente errata ma diffusa, che nel tempo per gli allevatori ha trasformato questo farmaco in un compagno insostituibile sempre e comunque e che oggi, invece, attraverso un’opera di sensibilizzazione e informazione, deve essere visto come soluzione a determinati problemi sanitari, non tutti, con un utilizzo razionale e responsabile”.

Su quali ambiti si sta maggiormente lavorando per aiutare gli allevatori a modificare la gestione dell’antibiotico in porcilaia?

“L’uso più consapevole dell’antibiotico deve basarsi su prove diagnostiche, quindi analisi cliniche, indirizzate a individuare l’agente patogeno e la sua sensibilità in vitro al farmaco che il veterinario aziendale dovrà poi decidere di somministrare ai suini. In questo percorso non rientra solamente la ricerca di una scelta che deve rivelarsi vincente a livello economico, si tratta soprattutto di una valutazione gestionale che l’allevatore può adottare con l’aiuto e il contributo di un bravo veterinario aziendale”.

Quanto sta incidendo l’adozione della ricetta elettronica nella gestione più razionale del farmaco?

“Molto, perché dà rigore al sistema. Oggi infatti, attraverso la ricetta elettronica, possiamo sapere esattamente quanti farmaci sono entrati in azienda, favorendo di conseguenza una maggiore garanzia di trasparenza anche e soprattutto a vantaggio del consumatore. A questo si aggiunge il non secondario aspetto legato alla praticità e all’azzeramento di materiale cartaceo che, quando si passerà alla registrazione digitale dei trattamenti specifici per ogni categoria, sarà completa e totale”.gua

Esistono delle stime economiche sui costi/benefici derivanti da una gestione più responsabile dell’antibiotico in allevamento?

“Ne ho elaborata personalmente una e sarò molto lieto di presentarla durante la Giornata della Suinicoltura anche per un confronto diretto con gli allevatori e i vari operatori del settore”.

Gestione corretta del farmaco e benessere animale sono a suo giudizio due facce della stessa medaglia?

“Assolutamente sì. Gli studi condotti e le prove in campo dimostrano che con l’aumento del benessere animale il farmaco diventa sempre meno importante. Sono queste le sfide che il settore suinicolo ha davanti: migliorare la condizione degli animali allevati e ridurre l’utilizzo del farmaco. È un nuovo modo di allevare che, come dicevo prima, coinvolge l’intera gestione aziendale in un’ottica di miglioramento produttivo più che quantitativo, all’interno del quale l’impiego dei vaccini non può essere secondario, perché occorrerà sempre più lavorare in prevenzione e meno in interventi terapeutici. Questo è il futuro”.

Expoconsulting - ottobre 2019

Notizie delle aziende

GONG: il box parto che non ti aspettavi!18-Ott-2019 1 mesi 18 giorni fa

Notizie di Sanità

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags