Leggere questo articolo in:

L'UE chiede all'OMC misure per rispondere all'embargo russo sulle carni suine

L'Unione europea propone di sospendere i sussidi a un livello annuale pari a 1.390 milioni di euro (il valore totale delle esportazioni pertinenti nel 2013) più un tasso di incremento annuale del 15%...

Venerdì 12 Gennaio 2018 (6 mesi 6 giorni fa)

Il 19 dicembre, l'Unione europea ha presentato al Presidente dell'organo di composizione delle controversie (DSB) dell'Organizzazione mondiale del commercio (OMC) un ricorso nel caso della Federazione russa - Misure riguardanti l'importazione di suini vivi, carne suina e altri prodotti suini dall'Unione europea (DS475).

La Federazione russa e l'Unione europea hanno convenuto che il termine ragionevole entro il quale la Federazione russa deve attuare le raccomandazioni e le decisioni del DSB sarebbe scaduta il 6 dicembre 2017. Secondo il parere dell'Unione europea, la Federazione russa non ha rispettato le raccomandazioni e le decisioni del DSB alla scadenza del ragionevole periodo di tempo. Nel caso in cui le raccomandazioni e le decisioni del DSB non siano rispettate entro il prudenziale, l'articolo 22 della DSU consente l'indennizzo o la sospensione di concessioni o altri obblighi.

Alla riunione straordinaria del DSB dell'OMC tenutasi il 3 gennaio, l'UE ha dichiarato di aver chiesto la sospensione delle concessioni per preservare i propri diritti in questa procedura di risoluzione delle controversie. Se la Russia avesse accettato un accordo di sequenziamento proposto dall'UE, questo passo non sarebbe stato necessario in questa fase, ha affermato l'UE.

Nel suo ricorso presentato il 19 dicembre, l'Unione Europea ha richiesto l'autorizzazione del DSB per sospendere le concessioni e altri obblighi relativi al settore dei beni nel quadro di uno o più dei seguenti accordi:
1. l'Accordo generale sulle tariffe doganali e il commercio del 1994;
2. l'accordo MSF; e
3. l'accordo sull'agricoltura.

Il livello annuale della sospensione proposta equivale al livello di annullamento o di riduzione dei benefici che ne derivano per l'Unione europea, che deriva dal fatto che la Federazione russa non ha reso le misure conformi alle raccomandazioni e alle decisioni del DSB. Su questa base, l'Unione europea propone di sospendere i sussidi a un livello annuale pari a 1.390 milioni di euro (il valore totale delle esportazioni pertinenti nel 2013) più un tasso di incremento annuale del 15%.

Alla luce di queste misure, la Russia ha ribadito il suo forte disaccordo con le accuse dell'UE secondo cui la Russia non avrebbe rispettato le raccomandazioni e le decisioni del DSB entro il periodo prudenziale stabilito. Di conseguenza, la Russia ha ribadito la sua obiezione alla richiesta di sospensione delle concessioni o degli obblighi dell'UE, nonché al valore proposto.

Nel corso della riunione del terzo giorno, il DSB ha preso atto delle dichiarazioni e la questione è stata sottoposta all'arbitrato.

Mercoledì 3 gennaio 2018/ WTO.
https://www.wto.org

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags

Ultima ora

Bollettino settimanale di notizie del mondo dei suini

Non sei iscritto nella lista

13-Lug-201806-Lug-201829-Giu-201822-Giu-2018

Fai il log in e spunta la lista

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui