Leggere questo articolo in:

UE: sono previsti maggiori livelli di export delle carni suine, analisi dell'attuale situazione e prospettive 2020

L'aumento della domanda di carni suine da parte della Cina, a causa della diffusione della peste suina africana, aumenterà le esportazioni dell'UE (+ 20%) e l'aumento dei prezzi nel 2019. Tuttavia, la produzione rimarrà stabile nel 2019, limitato da un censimento di riproduttori ridotti e restrizioni ambientali. La crescita della produzione dovrebbe riprendersi nel 2020 (+ 1,5%) man mano che la domanda cinese continua...

Venerdì 11 Ottobre 2019 (9 giorni fa)
mi piace

La PSA aumenta la domanda di importazione da parte della Cina

La peste suina africana (PSA) continua a diffondersi in Cina e in altri paesi del sud-est asiatico. Ad agosto, è arrivata in Myanmar e a settembre nelle Filippine e nella Corea del Sud, quest'ultima il terzo partner commerciale dell'UE per i prodotti suinicoli (quota del 9% nel 2018), mentre le Filippine sono al quarto (7% la partecipazione). La malattia continua anche a diffondersi in Vietnam, le cui importazioni di carne suina dall'UE sono aumentate del 36% (quota 2%) tra gennaio-luglio 2019.

Le cifre cinesi mostrano una riduzione di un terzo del patrimonio suinicolo, a partire da luglio 2019. Tuttavia, gli esperti stimano che potrebbe raggiungere il 50%, creando un divario di offerta che raddoppia gli attuali livelli del commercio mondiale. I prezzi dei suini vivi in ​​Cina sono aumentati in modo significativo solo da agosto, poiché la carne era disponibile grazie alle macellazioni d'inizio dell'anno. Le importazioni cinesi di carne suina sono già aumentate in modo significativo nel 2019, ma è previsto un ulteriore aumento fino alla fine del 2019 e durante il 2020. La Cina richiede più carne suina da tutti i suoi principali partner commerciali. Gli Stati Uniti e il Canada hanno superato gli alti livelli di esportazione del 2016, nonostante le attuali restrizioni commerciali. Al contrario, le importazioni di frattaglie rimangono a livelli simili a quelli degli anni precedenti.

Le esportazioni di carni suine dell'UE aumentano, però sono limitate dall'offerta

La PSA è ancora contenuta nell'UE. A luglio, la Slovacchia è diventata il decimo stato membro colpito dalla malattia. Gli altri nove Stati membri sono: Belgio, Bulgaria, Estonia, Ungheria, Italia (Sardegna), Lettonia, Lituania, Polonia e Romania. La Serbia ha anche dichiarato focolai a luglio.

Tra gennaio e luglio 2019, le esportazioni di carne suina dell'UE (carni suine + frattaglie) in Cina sono cresciute del 45% su base annua (quota 44%), trainate dall'aumento delle spedizioni di carne suina (+ 73%). Anche le esportazioni di carni suine sono aumentate in Giappone (2 ° partner commerciale dell'UE, + 8%), mentre sono scese ad altri importanti partner commerciali: Corea del Sud (-11%), Filippine (-5%) e Stati Uniti (-17%). Le esportazioni totali di carne suina dell'UE nel periodo sono cresciute del 19% (+ 9% per le frattaglie). Entro la fine del 2019, le esportazioni di carne suina dall'UE dovrebbero superare del 20% i valori dell'anno scorso, limitati da un'offerta limitata. La crescita delle esportazioni dovrebbe continuare nel 2020 con l'aumento dell'offerta.

Praticamente tutte le esportazioni di carne suina dell'UE verso la Cina sono spedite da sette stati membri (vedi grafico). La quota delle esportazioni verso la Cina da parte di questi principali stati esportatori varia tra il 30% e il 65% delle loro esportazioni totali.

Export europeo di carni suine verso la Cina
Export europeo di carni suine verso la Cina

I prezzi elevati spingeranno la crescita della produzione nel 2020

L'indagine sul patrimonio suinicolo di dicembre 2018 ha mostrato una significativa riduzione del censimento degli allevatori dell'UE (-3% all'anno) e l'ultima indagine (maggio-giugno 2019) mostra ancora una tendenza a moderare il declino nei paesi che hanno fornito dati (-0,6%). Tuttavia, la produzione di carne suina dovrebbe aumentare leggermente nel 2019 (+ 0,4%), grazie ai continui incrementi di efficienza. Nel 2020 è prevista un'ulteriore crescita (+ 1,5%). Tuttavia, la sua grandezza dipenderà da come gli Stati membri reagiranno ai prezzi elevati. Alcuni paesi continueranno a ridurre la produzione a causa di preoccupazioni sociali, l'applicazione di restrizioni ambientali e il rischio di PSA. Altri (ad esempio la Spagna) stanno già aumentando l'offerta per sfruttare l'opportunità in Asia.

Prezzi delle carni suine a livelli record nella UE

I prezzi delle carni suine sono in aumento da metà marzo e sono attualmente i più alti da settembre 2013, trainati dall'aumento delle esportazioni cinesi. I prezzi dovrebbero comunque aumentare man mano che la domanda dall'Asia continua a crescere. Il prezzo del suinetto dell'UE ha mostrato aumenti non stagionali in agosto e ha iniziato a diminuire solo a settembre. Il consumo apparente pro capite dovrebbe scendere a 31,8 kg nel 2019 (0,5 kg in meno rispetto alla media dei due anni precedenti) poiché i prezzi elevati favoriscono altre carni, in particolare il pollame.

Venerdì 5 ottobre 2019/ DG Agri/ Unione Europea.
https://ec.europa.eu

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags

Ultima ora

Bollettino settimanale di notizie del mondo dei suini

Non sei iscritto nella lista

18-Ott-201911-Ott-201904-Ott-201927-Set-2019

Fai il log in e spunta la lista

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui