Leggere questo articolo in:

Stati Uniti: calo nell'uso di antimicrobici negli animali destinati alla produzione di alimenti

Le vendite e la distribuzione di antimicrobici di importanza medica destinati ad essere utilizzati negli animali da produzione alimentare sono diminuite del 33%.

Lunedì 14 Gennaio 2019 (4 mesi 10 giorni fa)
mi piace

La relazione 2017 sugli antimicrobici venduti o distribuiti per l'uso negli animali destinati alla produzione di alimenti mostra che le vendite e la distribuzione sul mercato interno di tutti gli antimicrobici importanti dal punto di vista medico sono diminuite del 43% dal 2015 (anno con picchi di vendita / distribuzione) e 28% dal primo anno in cui sono state emesse relazioni al riguardo (2009). Sebbene i dati di vendita non riflettano l'uso effettivo degli antimicrobici, la riduzione del volume delle vendite osservata nel 2016 e 2017 è un importante indicatore del fatto che gli sforzi in corso stanno avendo un impatto significativo.

Le osservazioni chiave del rapporto includono:

  • Vendita e distribuzione domestica di antimicrobici di importanza medica approvati per l'uso negli animali da produzione alimentare:
    Diminuzione del 33% tra il 2016 e il 2017.
    Diminuzione del 43% rispetto al 2015 (anno con il picco delle vendite).
    Diminuzione del 28% dal 2009 (il primo anno di vendite riportato).
    Le tetracicline, che rappresentano il maggior volume di queste vendite nazionali (3.535.701 kg nel 2017), sono diminuite del 40% tra il 2016 e il 2017
  • Dalla vendita e distribuzione nazionale di antimicrobici di importanza medica approvati per l'uso negli animali che producono cibo:
    Le tetracicline rappresentavano il 64%, le penicilline il 12%, i macrolidi l'8%, i sulfamidici il 5%, gli aminoglicosidi il 5%, i lincosamidi il 3% e le cefalosporine e gli orochinoloni contro l'influenza inferiore all'1% .
    Circa il 42% era destinato ad essere utilizzato nei bovini, il 36% per l'uso nei suini, il 12% nei tacchini, il 5% nei polli e il 5% nelle altre specie.
    Si stima che l'80% delle cefalosporine, il 72% dei sulfamidici, il 48% degli aminoglicosidi e il 44% delle tetracicline siano stati utilizzati nei bovini e l'84% dei lincosamidi e il 40% dei macrolidi erano destinati all'uso nei suini. L'1% delle penicilline era destinato all'uso nei tacchini.

Martedì 18 dicembre 2018/ FDA/ Stati Uniti.
https://www.fda.gov

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags

Ultima ora

Bollettino settimanale di notizie del mondo dei suini

Non sei iscritto nella lista

24-Mag-201917-Mag-201910-Mag-201903-Mag-2019

Fai il log in e spunta la lista

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui