Prevalenza di Toxoplasma gondii in Carcasse di Suini Pesanti allevati in modo intensivo nel Nord Italia

Uno studio ha valutato la presenza di Toxoplasma gondii ed ha caratterizzato geneticamente i ceppi isolati nelle carcasse di suini all’ingrasso di allevamenti industriali prelevando campioni di sangue, diaframma e cuore da 375 carcasse di suini macellati per la produzione di prosciutto di Parma.

Martedì 25 Aprile 2017 (2 anni 6 mesi 25 giorni fa)
mi piace

Uno studio ha valutato la presenza di Toxoplasma gondii e ne ha caratterizzato geneticamente gli isolati nelle carcasse di suini all’ingrasso di allevamenti industriali prelevando campioni di sangue, diaframma e cuore da 375 carcasse di suini macellati per la produzione di prosciutto di Parma. I suini erano stati allevati in allevamenti approvati (n = 75) localizzati nella cosiddetta Food Valley italiana. Si esaminava il siero per la ricerca di IgG verso T. gondii mediante test di agglutinazione modificato (MAT). I campioni cardiaci e diaframmatici delle carcasse sieropositive venivano processati per la ricerca del DNA di T. gondii (locus B1) mediante RT-PCR e test HRM (High resolution melting).

Si riscontravano anticorpi anti-Toxoplasma nel 2,1% delle carcasse suine, con titoli da 1:10 a 1:320. Il DNA di T. gondii veniva identificato in tutte le carcasse sieropositive (8) e in 11 (3 campioni cardiaci e 6 campioni diaframmatici) di 16 campioni, ovvero in campioni cardiaci di 2 soggetti, tessuto diaframmatico di 3 soggetti e entrambi i tessuti muscolari di 3 soggetti.

Si determinava il genotipo di Toxoplasma in 7 carcasse su 8: il tipo III era identificato in 4 carcasse, il tipo II in 2 e il tipo sia III sia II in 1 carcassa.

I rilievi sierologici e l’identificazione molecolare di T. gondii suggeriscono che i prodotti ottenuti dai suini di allevamenti industriali possono essere potenziali fonti di Toxoplasma per l’uomo. Le misure preventive in allevamento associate al monitoraggio delle carcasse al macello non dovrebbero mai essere trascurati per prevenire l’introduzione di T. gondii nella catena alimentare e garantire la sicurezza di questi prodotti per il consumatore, concludono gli autori.

 

Papini R, di Ciccio P, Marangi M, Ghidini S, Zanardi E, Vergara A, Giangaspero A, Nardoni S, Rocchigiani G, Mancianti F, Ianieri.“Occurrence of Toxoplasma gondii in Carcasses of Pigs Reared in Intensive Systems in Northern Italy.”“Occurrence of Toxoplasma gondii in Carcasses of Pigs Reared in Intensive Systems in Northern Italy.”A2. J Food Prot. 2017 Feb 16:515-522.

Abstracts

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags