Leggere questo articolo in:

Effetti della restrizione alimentare sulle performance e sul metabolismo dei nutrienti nei suini coinfettati con M. hyo e SIV

In generale, questi risultati indicano che la modificazione delle pratiche alimentari potrebbero aiutare a preparare gli animali a superare meglio una infezione da influenza.

Giovedì 11 Dicembre 2014 (4 anni 11 mesi 8 giorni fa)
mi piace

Considerando l'importante correlazione tra lo stato nutrizionale e le infiammazioni, il tipo di alimentazione e le strategie nutrizionali, si può affermare che questi aspetti possono essere efficaci per migliorare la capacità dei suini nel far fronte alle malattie. Gli obiettivi di questo studio furono investigare sugli effetti della restrizione alimentare sulla capacità dei suini a resistere e tollerare una coinfezione da Mycoplasma hyopneumoniae (Mhp) ed il virus dell'influenza suina europea H1N1, così come le conseguenze per il metabolismo dei nutrienti, in particolare degli aminoacidi.

Per fare questo, 2 gruppi di suini esenti da patogeni specifici furono inoculati con Mhp e H1N1 con 21gg di differenza. Un gruppo fu alimentato ad libitum mentre l'altro gruppo fu sottoposto ad un periodo di 2 settimane di restrizione alimentare del 40%, cominciando una settimana prima dell'infezione da H1N1. Si inclusero nello studio 2 gruppi di controllo. 3gg dopo l'infezione con il virus dell'influenza H1N1, si offrirono 200 gr di mangime ai suini che avevano digiunato durante la notte e durante 4 h si prelevarono campioni di sangue in serie per misurare le concentrazione dei nutrienti nel plasma. Durante tutto lo studio, non si osservarono segni clinici e non si rilevarono patogeni nei tamponi nasali e nei tessuti polmonari.

I suini sottoposti a restrizione alimentare presentarono una ipertermia più breve ed un aumento del peso medio positivo durante i 3 gg dopo l'infezione con il SIV H1N1, mentre i soggetti alimentati ad libitum persero peso. L'infezione e la restrizione alimentare ridussero le concentrazioni postprandiali di glucosio, il che indica variazioni nel metabolismo del glucosio. Nei suini coinfettati, le concentrazioni plasmatiche postprandiali degli aminoacidi essenziali come l'istidina, arginina e treonina furono minori, il che suggerisce un maggior uso degli aminoacidi ai fini metabolici associati con la risposta immunitaria.

In generale, questi risultati indicano che la modificazione delle pratiche alimentari potrebbero aiutare a preparare gli animali a superare meglio una infezione da influenza.

Le Floc’h N, Deblanc C, Cariolet R, Gautier-Bouchardon AV, Merlot E, et al. (2014) Effect of Feed Restriction on Performance and Postprandial Nutrient Metabolism in Pigs Co-Infected with Mycoplasma hyopneumoniae and Swine Influenza Virus. PLoS ONE 9(8): e104605. doi:10.1371/journal.pone.0104605

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags