Leggere questo articolo in:

Cambiamenti nella prescrizione di antimicrobici nell'UE: dubbi e risposte (II)

L'attuale classificazione degli antibiotici è definitiva? Un veterinario può avere problemi se, in base a una diagnosi ed ai suoi criteri, sta usando un antibiotico del gruppo B? Quali misure prenderà l'amministrazione per promuovere un miglioramento della salute dei suini?...

Di fronte alle varie iniziative volte a ridurre l'uso di antibiotici in corso di attuazione nell'Unione Europea (UE), cerchiamo di rispondere ad alcuni dubbi...

Nella zootecnia intensiva, l'attenzione al trattamento ed alla prevenzione è, in molti casi, rivolta alla popolazione e non all'individuo. Spesso, il veterinario agisce sulla base del fatto che l'uso dell'antimicrobico oggi, negli animali di peso e età inferiori, previene l'uso del medicinale domani e in quantità molto maggiore, poiché gli animali avranno un peso maggiore. Questo uso sarà proibito in futuro?

La legislazione stabilisce chiaramente che gli antibiotici non devono essere usati per soppiantare l'assenza di igiene, biosicurezza o buona gestione degli animali. Questa strategia di trattamento degli "animali nel futuro" non solo non ha basi scientifiche, ma è anche una delle pratiche più dannose quando si tratta di promuovere lo sviluppo della resistenza. Gli antibiotici sono strumenti terapeutici per il trattamento delle malattie infettive.

Se trattiamo animali di "poco peso" non stiamo trattando una malattia, ma stiamo fornendo una buona gestione. Ciò di cui abbiamo bisogno è una buona analisi delle cause e una buona gestione di questi animali, che eviteranno il trattamento in futuro.

Il veterinario utilizza molti strumenti per fare una diagnosi (osservazione clinica, necroscopie, ecc...) e, di conseguenza, per prescrivere un trattamento. L'uso di antibiogrammi è obbligatorio? Quando o in quali condizioni sarà richiesto un antibiogramma?

Il veterinario, come professionista, è in grado di fare una prima diagnosi clinica e stabilire un trattamento. Tuttavia, ciò che è diverso ora è che ci sono alcuni gruppi di antibiotici che dobbiamo preservare da usare solo nella salute umana e altri che, sebbene condividiamo, dobbiamo usare con molta cautela a causa dell'impatto che hanno sulla salute pubblica. Sono strumenti della cosiddetta "ultima risorsa" e abbiamo bisogno di dati per confermare che sono l'unica possibilità che abbiamo. Per garantire ciò, abbiamo bisogno di una diagnosi e di un profilo di sensibilità legati al trattamento che confermi l'idoneità / necessità del loro utilizzo. In alcuni di questi è già necessario (gruppo B) poiché le informazioni sul prodotto includono tale requisito come necessario prima del loro uso. D'altro canto, la nuova legislazione è in fase di sviluppo, ma tutto indica che questo requisito sarà esteso prima dell'uso di determinati antibiotici o del loro uso nella profilassi / metafilassi.

Uno dei temi che ha generato più confusione negli ultimi mesi è la classificazione degli antibiotici in quattro categorie: A-Proibiti, B-limitati, C-precauzionali e D-prudenza. È attualmente un elenco definitivo o ci sono ancora quelli proposti per la revisione? Quando si prevede che il loro uso sia obbligatorio? Oggi, un veterinario può avere qualche tipo di problema se, con in mano una diagnosi ed a sua discrezione, sta usando un antibiotico del gruppo B?

La categorizzazione è una raccomandazione attualmente in fase di revisione che tiene conto dei numerosi commenti ricevuti. La definitiva dovrebbe essere adottata nel gennaio 2020. È in corso di elaborazione una legislazione che identificherà gli antimicrobici che saranno riservati esclusivamente all'uso umano e quelli che saranno riservati all'uso veterinario a determinate condizioni.

Oggi, le informazioni sul prodotto dei gruppi inclusi nella categoria B (chinoloni, cefalosporine di 3a e 4a generazione e colistina) includono l'obbligo di non usarli come prima scelta e che il loro uso dovrebbe essere basato sull'identificazione dell'agente patogeno e della sua sensibilità. Se ciò non è possibile a causa dell'urgenza del trattamento, la terapia dovrebbe basarsi su informazioni epidemiologiche e conoscenze sulla suscettibilità a livello di allevamento o a livello locale / regionale. Pertanto, avere una diagnosi e un profilo di sensibilità è un requisito obbligatorio in questi casi specifici e altamente raccomandato nel resto.

Se un antibiotico è considerato di particolare importanza nell'uomo, non sarebbe meglio ritirarlo direttamente dal mercato?

Le diverse decisioni saranno prese passo dopo passo e sempre sulla base di un'analisi dei rischi. Ma dobbiamo tenere presente che nella medicina veterinaria abbiamo anche bisogno di antibiotici per curare gli animali, per il benessere degli animali e per la salute pubblica, avendo l'obbligo di garantire che produciamo alimenti sani. È evidente che la comunicazione obbligatoria delle prescrizioni in vigore da gennaio fornirà informazioni utili all'amministrazione del reale utilizzo degli antimicrobici in zootecnia ed una possibilità di prendere decisioni basate su ciò che stiamo identificando.

La produzione intensiva di suini è una realtà. Molte allevamenti sono positivi per un gran numero di malattie. La situazione è aggravata nelle aree ad alta densità suina. Invertire questa situazione non sarà facile o veloce. Come renderlo compatibile questo con una riduzione dell'uso di antimicrobici? Quali misure prenderà l'amministrazione per promuovere un miglioramento della salute dei suini?

Nel caso della Spagna, è stato creato un piano strategico e d'azione per ridurre il rischio di selezione e diffusione della resistenza agli antibiotici. Tra i progressi più importanti nel campo della salute animale vi è l '"Accordo per la Riduzione Volontaria del Consumo di Colistina nel Settore dell'Allevamento del Suino", in cui le 54 società affiliate hanno ottenuto una riduzione dell'uso della colistina del 97% dal 2015 al 2018. Per raggiungere questo obiettivo, il settore suinicolo ha compiuto grandi sforzi per migliorare la produzione. Fondamentalmente, il settore suinicolo ha lavorato al miglioramento della nutrizione, al miglioramento del piano di prevenzione vaccinale, ai cambiamenti nella gestione e, naturalmente, a un grande miglioramento della biosicurezza e dell'igiene negli allevamenti.

Gli attuali obiettivi sono: ridurre il consumo totale di antibiotici, ma, soprattutto, ridurre la necessità di utilizzarli. In Spagna, nell'ambito del Piano nazionale contro la resistenza agli antibiotici (PRAN), è stato creato un gruppo di lavoro sulla biosicurezza e l'igiene per lavorare direttamente con allevatori, trasportatori, lavoratori d'allevamento, ecc... al fine di migliorare la biosicurezza e l'igiene negli allevamenti attraverso, tra le altre cose, corsi di formazione.

Senza dubbio, tutto è volto ad ottenere un cambiamento nell'atteggiamento che ci porta a fare le cose in modo diverso.

Articoli correlati

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?Se hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags