Leggere questo articolo in:

Il consumo di antibiotici nel Regno Unito si è dimezzato in quattro anni

L'uso di antibiotici nei suini ha mostrato una riduzione significativa rispetto agli anni precedenti...

Martedì 12 Novembre 2019 (1 mesi 2 giorni fa)
mi piace

Nel 2018, nel Regno Unito sono state vendute 226 tonnellate di ingredienti antibiotici attivi per tutte le specie animali, in calo del 9% dal 2017 e in calo del 49% dal 2014. Vendite corrette per popolazione nel 2018 era di 29,5 mg / kg, in calo del 9% dal 2017 e del 53% dal 2014.

Alcune categorie di antibiotici sono classificate dall'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) come antibiotici di importanza fondamentale per l'uso umano, molte delle quali sono designate come "antibiotici di massima priorità di importanza critica" ( HP-CIA).

Le vendite di HP-CIA destinate all'allevamento nel 2018 sono crollate di 0,4 tonnellate (18%) rispetto a un livello già basso nel 2017; una diminuzione di 3,1 tonnellate (66%) dal 2014. In termini di mg / kg, le vendite di HP-CIA sono passate da 0,26 mg / kg nel 2017 a 0,21 mg / kg (19% ) nel 2018. Nel complesso, le tetracicline rimangono la categoria di antibiotici più venduta (38%), seguita da beta-lattamici (27%) e trimetoprim / sulfonamidi (10%). Le vendite di HP-CIA di tutte le specie animali rappresentavano una piccola percentuale (0,7%) delle vendite totali di antibiotici.

L'uso di antibiotici nei suini ha mostrato una riduzione significativa rispetto agli anni precedenti. Il termine "uso" si riferisce alla quantità di antibiotici acquistati, prescritti e / o somministrati per settore. I dati sono stati raccolti e forniti al VMD dall'industria animale volontariamente. I dati riguardavano l'89% dei suini britannici.

Nel settore suinicolo sono state utilizzate 76 tonnellate di principio attivo antibiotico; il totale per unità di 110 mg / kg mostra una diminuzione del 16% rispetto al 2017 (in calo del 40% dal 2016 e del 60% dal 2015).L'uso degli antibiotici critici con la massima priorità nei suini è diminuito del 39% rispetto al 2017 con 41 kg di principio attivo e 0,06 mg / kg per unità.

In tutti gli animali da allevamento, un'alta percentuale di tutti gli isolati di Salmonella testati (76% del totale di 4.414 isolati) erano sensibili a tutti gli antibiotici testati; i risultati indicano una tendenza al rialzo di questa proporzione sensibile. La resistenza alla cefalosporina di terza generazione è stata rilevata in due isolati di pollo, ma non in isolati di tacchino, suino, bovini e ovini.

Nei suini, c'era una resistenza dello 0% alle cefalosporine di terza e quarta generazione e dello 0% ai fluorochinoloni.

La resistenza dell'E. coli ai fluorochinoloni e le cefalosporine di terza generazione nel bestiame erano bassi (≤ 4%), ad eccezione dei bovini. La resistenza alla colistina è stata rilevata in un isolato di suino, ma non in altre importanti specie animali da produzione alimentare.

Martedì 29 ottobre 2019/ VDM / Regno Unito.
https://assets.publishing.service.gov.uk

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags

Ultima ora

Bollettino settimanale di notizie del mondo dei suini

Non sei iscritto nella lista

13-Dic-201906-Dic-201929-Nov-201922-Nov-2019

Fai il log in e spunta la lista

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui