Leggere questo articolo in:

Esplorando i vantaggi della vaccinazione a "tappeto"nei confronti del PCV-2 nelle scrofe

I pesi medi dei suinetti al momento del parto nei 3 gruppi di scrofe vaccinate erano statisticamente superiori a quelli delle scrofe non vaccinate...

La vaccinazione nelle scrofe contro il Circovirus suino di tipo 2 (PCV-2) ha dimostrato di essere una misura profilattica efficace mirata a combattere le malattie associate a questa infezione che colpiscono la loro prole, essendo abbondante la bibliografia sull'argomento. Tuttavia, ci sono pochi studi pubblicati che descrivono i benefici della vaccinazione nella scrofa stessa come conseguenza della prevenzione della malattia riproduttiva associata al PCV-2. Allo stesso modo, la vaccinazione "a tappeto"delle scrofe contro questo agente è una strategia che può essere interessante nelle condizioni di campo, anche se non esiste una bibliografia che descriva i suoi effetti. Il fatto che i problemi riproduttivi associati al PCV-2 dipendano dal momento dell'infezione del feto durante la gravidanza (tabella 1), si sottolinea la rilevanza dello stato immunitario della scrofa durante questo periodo. In questo scenario, è stato condotto uno studio per esplorare i benefici della vaccinazione "a tappeto" della scrofa contro il PCV2 sui suoi parametri riproduttivi e sullo stato infettivo e immunologico della sua progenie.

Tab 1. Problemi riproduttivi associati al PCV-2 in funzione del momento dell'infezione del feto durante la gestazione (adattato da Madson and Opriessnig, 2011).

Momento dell'infezione del feto durante la gestazione Conseguenze sui parametri riproduttivi
1-35 giorni Morte embrionale
Ritorni in calore regolari
Pseudogravidanza
Figliate di piccole dimensioni
35-70 giorni Feti mummificati
Aborti
70-115 giorni Feti mummificati
Nati morti
Nati deboli
Parti ritardati
Aborti

Lo studio è stato condotto in un allevamento convenzionale di 1.200 scrofe situato in Spagna, positivo nei confronti del Mycoplasma hyopneumoniae, positivo stabile nei confronti del virus della Sindrome respiratoria e riproduttiva dei suini (PRRS) e negativo alla Malattia di Aujeszky. In allevamento non vi era lo storico della vaccinazione contro il PCV-2 nella rimonta, né nelle scrofe. L'infezione da PCV-2 era presente in allevamento, rilevata nel siero delle scrofe e nei cordoni ombelicali. Nello studio sono state coinvolte 288 scrofe che vennero distribuite in 4 gruppi sperimentali con scrofe con N° di parti equilibrati, livelli anticorpali nei confronti del PCV2 e settimana di inseminazione : 73 scrofe vennero vaccinate prima dell'inseminazione artificiale (pre-IA) con 1ml i.m. di un vaccino commerciale del PCV2, 72 scrofe vennero vaccinate a metà gravidanza, 73 vennero vaccinate alla fine della gravidanza e 70 ricevettero una soluzione salina con azione di controllo negativo dello studio.

Vennero registrati i parametri riproduttivi e vennero prelevati campioni di sangue dai cordoni ombelicali al parto per l'individuazione del PCV-2 nel siero e successivamente vennero prelevati campioni di sangue su 5 suinetti per scrofa allo svezzamento con l'intento di misurare i livelli di anticorpi nei confronti del PCV-2.

Tab 2. Riassunto dei parametri riproduttivi.

Gruppo % Mumm Peso suinetto alla nascita (media±deviazione standard) % cordoni ombelicali positivi al PCV2
V pre-IA 1.1% 1.63±0.39 Kg 4%
V metà gestazione 1.3% 1.67±0.38 Kg 11%
V fine della gestazione 1.8% 1.65±0.39 Kg 12%
NV 2.2% 1.59±0.37 Kg 24%
Gruppo Nati morti
V pre-IA o metà gestazione 4.3%
V fine della gestazione o NV 5.5%

V: Vaccino; NV: Gruppo non vaccinato

I risultati (tab. 2) ottenuti mostrano che:

  • I pesi medi dei suinetti al parto nei 3 gruppi di scrofe vaccinate erano statisticamente superiori a quelli delle scrofe non vaccinate.
  • La % dei mummificati tendeva ad essere inferiore nelle scrofe vaccinate pre-IA rispetto alle scrofe non vaccinate.
  • La % di suinetti nati morti tendeva ad essere inferiore nelle scrofe vaccinate pre-IA o a metà gravidanza rispetto alle scrofe vaccinate a fine gravidanza o non vaccinate.
  • Quanto più vicino al parto ha avuto luogo la vaccinazione della scrofe, maggiore era la % dei cordoni ombelicali positivi al PCV-2, ottenendo il gruppo delle scrofe non vaccinate la maggior % dei cordono ombelicali positivi. Questa % era statisticamente inferiore tra il gruppo vaccinato pre-IA rispetto al gruppo non vaccinato e tendeva ad essere inferiore nel gruppo vaccinato a matà gravidanza rispetto al gruppo non vaccinato. Questo risultato ci suggerisce che la vaccinazione potrebbe ridurre la trasmissione trans-placentare dell'infezione da PCV-2 dalla scrofa ai feti. Inoltre, questo effetto è superiore quanto più precoce avviene la vaccinazione in gestazione.
  • Per ultimo, i livelli anticorpali nei confronti del PCV-2 nei suinetti allo svezzamento, provenienti da scrofe vaccinate, erano superiori a quelli delle scrofe non vaccinate. Questo risultato associato a quelli precedenti sono di speciale rilevanza per i suinetti in svezzamento, dato che la vaccinazione delle scrofe riduce nella loro prole la pressione infettante da parte del PCV-2 all'età molto precoce ( lattazione), così come aumenta la loro immunità passiva.

Questi risultati indicano che la vaccinazione contro il PCV-2 nelle scrofe è uno strumento potenzialmente in grado di migliorare i loro parametri riproduttivi, oltre a ridurre la trasmissione transplacentare dell'infezione da PCV-2 ai feti e aumentare la trasmissione di anticorpi materni contro il PCV-2 alla loro progenie.

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags