Leggere questo articolo in:

Progetto del Dr. Morrison di "Monitoraggio della Sanità Suina"

Il Dr. Robert Morrison creó il "Progetto di Monitoraggio della Sanità Suina" nel 2011 e, dopo la sua tragica scomparsa, nel maggio del 2017, si cambió il nome del Programma...

Venerdì 22 Dicembre 2017 (4 mesi fa)

Il Dr. Robert Morrison era un veterinario di suini e professore presso la Facoltà di Veterinaria dell'Università del Minnesota (UMN). Il suo principale lavoro era dirigere ricerche e categorizzare la produzione e lo stato santario. Bob è stato anche un noto ricercatore, tutor di tantissimi studenti ed una persona molto attiva nel mondo suinicolo, credeva fortemente nella ricerca pratica di rilievo così come nella collaborazione. Sotto queste premesse ha creato il Progetto di Monitoraggio dello Stato Sanitario (SHMP) nel 2011.

Secondo il Dr. Morrison, il progetto è nato durante il Simposio NA-PRRS a Chicago. Propose che i veterinari degli allevamenti suinicoli condividessero le informazioni sugli episodi di PRRS per poter costruire una tabella di frequenza dell'incidenza e prevalenza della PRRS nei suini. Proprio ora è stato elaborato il 1° rapporto frutto di questo sforzo collaborativo, essendo il seme dell'attuale SHMP. Da allora, questo rapporto viene emesso settimanalmente ed è diventato un punto di riferimento per la situazione odierna della PRRS negli USA.

Dopo la tragica perdita del Dr. Morrison a maggio 2017, il nome del Programma è stato cambiato. Oggi è conosciuto come Progetto Dr. Morrison di Monitoraggio di Sanità Suina (MSHMP). Recentemente, il Dr. Cesar Corzo, il nuovo Direttore della Leman Conference dell'UMN è stato nominato responsabile del Progetto.

Obiettivi del progetto

il MSHMP è un programma volontario diretto dall'UMN e sovvenzionato dal Centro di Informazione in Sanità Suina dove veterinari ed allevatori condividono lo status sanitario dei propri allevamenti. Il programma si concentra principalmente su due malattie: la Sindrome Rispiratoria e Riproduttiva Suina (PRRS) e la Diarrea Epidemica Suina (PED). Il progetto raccogli anche dati di 4 laboratori di diagnosi veterinaria (Iowa, Kansas, Minnesota e South Dakota) sulle malattie rilevanti in suinicoltura come il Senecavirus A e malattie associate al sistema nervoso centrale. Il progetto include oggi 22 aziende, 5 cliniche veterinarie e 4 programmi di controllo regionali che tutti assieme rappresentano circa 3 milioni di scrofe, circa il 50% della popolazione di scrofe negli USA secondo l'USDA. Tutti questi partecipanti sono disposti a condividere i propri dati per il bene comune.

Il MSHMP ha 2 obiettivi principali, uno a breve periodo e un'altro a lungo termine. L'obiettivo a lungo termine di questo progetto è preparare la suinicoltura per rispondere a comparsa di malattie esotiche (FAD) o un patogeno emergente. Quindi, questo obiettivo è quello di offrire al settore strumenti per rispondere in modo adeguato in presenza di una nuova malattia. Questi strumenti includono metodi per tracciare i suini, visualizzare i loro dati e standardizzare la diffusione della malattia. Tutto questo non sarebbe possibile senza una comunicazione attiva: per tanto, per promuovere la partecipazione volontaria e di qualità, il progetto ha un secondo obiettivo che comprende nell'offrire un valore rapido mediante differenti progetti con i partecipanti: per esempio, aiutando gli allevatori e veterinari con la ricerca degli episodi, analisi di sequenziamento per la PRRS, identificando ceppi emergenti ed elaborazione di rapporti settimanali riassuntivi dei casi clinici a partire dalle informazioni raccolte.

Il rapporto setitmanale è uno dei risultati immediati più importanti del MSHMP dove incidenza e prevalenza delle principali malattie, PRRS e PED, vengono monitorati nell'anno fiscale e si confrontano con anni precedenti. Nel caso della PRRS, veterinari ed allevatori informano settimanalmente i cambiamenti di status delle scrofaie e vari di questi sistemi seguono i protocolli dell'AASV per la classificazione dello status (Holtkamp, 2013). Riassumendo, la classificazione va dal 1 al 4, con: 1) allevamento positivo con eliminazione attiva, 2) allevamento positivo stabile, con svezzamento di suinetti per 4 volte di seguito con esito negativo alla PCR intervallo di 90 giorni, 3) allevamento provvisoriamente negativo, svezza suinetti negativi e la cui rimonta rimane sieronegativa e 4) allevamenti negativi in cui c'è stata sostituzione di tutte le scrofe che erano risultate esposte al virus. Nella categoria 2, esistono 2 subcategorie che sono correlate ad allevamenti che continuano ad esporre la rimonta, sia tramite vaccinazioni (2vx) o per inoculaizone del virus aziendale vivo (2fvi). Nel caso della PED, veterinari ed allevatori classificano ugualmente i propri allevamenti seguendo una categorizzazione similare.

Figura 1. Incidenza accumulata di PRRS negli ultimi 9 anni. Linea rossa - incidenza accumulata di quest'anno.
Figura 1. Incidenza accumulata di PRRS negli ultimi 9 anni. Linea rossa - incidenza accumulata di quest'anno.

Figura 2.Prevalenza aggregata di allevamenti che seguono i protocolli AASV.
Figura 2.Prevalenza aggregata di allevamenti che seguono i protocolli AASV.

Cosa guadagna l'allevatore dal MSHMP ?

Oltre ai principali obiettivi del progetto MSHMP già descritti, esistono altre caratteristiche uniche che lo convertono in uno strumento utile per gli allevatori e per l'industria suinicola in generale. Per esempio, è un'importante base dati che rappresenta una risorsa per permettere di ricercare gli episodi regionali ed altre indagini specifiche che non potrebbero esserci altrimenti. Queste informazioni permettono ai ricercatori di offrire dati preliminari per orientare studi futuri o aree di interesse per il settore suinicolo. Permette inoltre di orientare l'industria rispetto a quando è necessario adeguarsi sulle misure di biosicurezza per la prevenzione della PRRS, p.es. i periodi di maggior rischio di PRRS. La figura 3 rappresenta la dinamica ripetitiva della PRRS nel territorio americano (Tousignant, 2015).

Figura 3. Numero di casi di PRRS per settimana (punti verdi) e curva ammorbidita dall'incidenza (linea blu). Le date dei riquadri indicano quando la curva di incidenza incrocia la soglia epidemica (linea rossa). Il numero di allevamenti partecipanti sono riassunti ad ogni stagione nella parte superiore della tabella. EWMA sta per Media Mobile con Ponderazione Esponenziale 
Figura 3. Numero di casi di PRRS per settimana (punti verdi) e curva ammorbidita dall'incidenza (linea blu). Le date dei riquadri indicano quando la curva di incidenza incrocia la soglia epidemica (linea rossa). Il numero di allevamenti partecipanti sono riassunti ad ogni stagione nella parte superiore della tabella. EWMA sta per Media Mobile con Ponderazione Esponenziale 

Il MSHMP offre l'opportunità per dare una risposta alla suinicoltura sui patogeni esotici o a malattie emergenti, per esempio,l'MSHMP ha aiutato moltissimo durante gli episodi di PED negli USA comunicando in tempo reale i differenti partecipanti o facilitando l'interscambio delle informazioni disponibili.

Inoltre, il progetto è associato ad altri che implicano la condivisione dei dati e di informazioni. Questa sinergia aiuta il progetto a dare ancora più risorse agli allevatori e veterinari, aiutandoli a comprendere le caratteristiche epidemiologiche di una malattia, così come realizzare i controlli e prendere decisioni dal punto di vista delle misure preventive.

Conclusione

Il MSHMP è un programma volontario unico nel quale si crea un insieme di dati, grazie alla volontà di allevatori e veterinari nel condividere informazioni. Il progetto ha dimostrato di essere molto valido per il settore suinicolo dalla sua creazione nel 2011 e da allora il numero di partecipanti si è raddoppiato. Tuttavia, si continua a lavorare per avere sempre più valore dal progetto ed offrire al settore suinicolo informazioni utili e nuovi strumenti che aiutino nei confronti di future minacce.

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags