Leggere questo articolo in:

La fibra nella dieta delle scrofe è importante per le performance al parto e per la produzione di colostro

La fibra della dieta migliora la produzione di colostro delle scrofe e riduce la durata del parto. Ma ... quanti grammi di fibre sono raccomandati durante l'ultima settimana prima del parto?...

Lunedì 19 Agosto 2019 (2 mesi 27 giorni fa)
3 mi piace

Negli ultimi 5 anni sono stati compiuti notevoli progressi per capire come dovremmo nutrire le scrofe nel periparto in modo più ottimale e la fibra alimentare sembra essere utile per la produttività delle scrofe per molte ragioni. Si raccomanda attualmente di fornire giornalmente da 500 a 600 grammi di fibra alle scrofe durante l'ultima settimana prima del parto.

L'assunzione di colostro da parte dei suinetti è fondamentale per garantire la loro sopravvivenza e nutrire la scrofa, per consentire un'elevata produzione di colostro, è un modo per migliorare la sopravvivenza neonatale e contemporaneamente ridurre il lavoro richiesto. Fino ad ora, la convinzione generale era che il colostro veniva prodotto ed era disponibile per il consumo, dopo la nascita del primo suinetto. Contrariamente a questa idea, un recente studio condotto presso l'Università di Aarhus, in Danimarca, ha rivelato che il lattosio ed i lipidi presenti nel colostro vengono prodotti, di fatto, durante l'allattamento, alla stessa maniera con cui viene prodotto il latte una volta iniziata la lattazione (Feyera et al., 2019). Sebbene la domanda di energia sia inferiore rispetto alla produzione del latte, il nostro studio ha rivelato che per questo processo sono necessari almeno 1,5 kg di mangime, oltre ai 2 kg necessari per il mantenimento. Le fibre alimentari generalmente riducono la concentrazione energetica degli alimenti, ma possono migliorare l'assunzione di colostro nei suinetti e la produzione di colostro delle scrofe, quando vengono fornite alle scrofe gestanti (Theil et al., 2014), così come è mostrato nella figura 1. La modalità di azione della fibra sembra essere correlato con un maggior accumulo di grassi nel cuscinetto di grasso della ghiandola mammaria, che è un prerequisito per la crescita del tessuto parenchimale mammario ( ghiandola che produce latte). Effetti benefici sono stati osservati quando è stato incluso nella dieta: fibra di polpa di barbabietola o residui di pectina anche se, per motivi sconosciuti, la fibra della polpa di patate non ha stimolato la produzione di colostro, sebbene la sua solubilità sia tanto elevata quanto la polpa di barbabietola.

Figura 1: Un apporto sufficiente di colostro è cruciale per i suinetti neonati per rimanere in vita e alcune fonti di fibre (ad esempio polpa di barbabietola e pectina) possono stimolare la produzione di colostro da parte della scrofa. In questo studio l'assunzione di colostro è stato misurato mediante isotopi.
Figura 1: Un apporto sufficiente di colostro è cruciale per i suinetti neonati per rimanere in vita e alcune fonti di fibre (ad esempio polpa di barbabietola e pectina) possono stimolare la produzione di colostro da parte della scrofa. In questo studio l'assunzione di colostro è stato misurato mediante isotopi.

Il processo del parto è importante per la sopravvivenza dei suinetti ed un adeguato apporto di energia alle scrofe è fondamentale per ridurre la durata del parto e la % di natimorti (Feyera et al., 2018), mostrato in Figura 2. Si raccomandano tre pasti giornalieri per garantire che le scrofe non si esauriscano durante il processo del parto, ma l'aggiunta di fibre alla dieta nelle ultime due settimane prima del parto, può ridurre la frequenza dei suinetti nati morti (Feyera et al., 2017) negli allevamenti in cui non è possibile alimentare più di due volte. Il motivo è che la fibra fermenta nell'ultimo tratto dell'intestino e questo garantisce un assorbimento di energia più costante attraverso il tratto gastrointestinale e contribuisce ad un livello più stabile di glucosio nel sangue, sebbene le scrofe non mangino durante il travaglio del parto.

Figura 2: La durata del parto si prolunga se le scrofe si esauriscono. Normalmente, il glucosio plasmatico rimane costante a 4,5 (intervallo da 4 a 5) mmol / L, ma poco dopo l'alimentazione supera questo livello e diverse ore dopo l'alimentazione, la glicemia può essere compromessa se il deposito di glicogeno nel fegato è esaurito.
Figura 2: La durata del parto si prolunga se le scrofe si esauriscono. Normalmente, il glucosio plasmatico rimane costante a 4,5 (intervallo da 4 a 5) mmol / L, ma poco dopo l'alimentazione supera questo livello e diverse ore dopo l'alimentazione, la glicemia può essere compromessa se il deposito di glicogeno nel fegato è esaurito.

La stitichezza delle scrofe è un aspetto problematico, perché le feci nel colon possono bloccare fisicamente il canale del parto e impedire ai suinetti di nascere abbastanza in fretta da sopravvivere. È interessante notare che la fibra è anche utile per questo fatto, perché promuove la motilità intestinale e previene la costipazione. Quest'ultima è responsabile della capacità di ritenzione idrica della fibra (Zhou et al., 2018a), che rende le feci più morbide e minimizza il rischio di costipazione.

Anche la salute delle scrofe, in prossimità del parto, sembra essere migliore per le scrofe che ricevono fibre, sebbene ciò si basi più sui commenti degli allevatori che su prove scientifiche. La ridotta necessità di assistenza al parto, quando viene fornita la fibra, può aiutare a spiegare come può migliorare la salute della scrofa, perché l'assistenza al parto è sempre associata ad un aumentato rischio di infezioni. Le caratteristiche della fibra differiscono in base agli ingredienti dell'alimento da cui proviene. Una fonte di fibra comunemente usata nei suini è la polpa di barbabietola, che è altamente fermentescibile nelle scrofe. La fermentiscibilità è una caratteristica importante delle fonti di fibre, in particolare per ridurre la durata del parto ed i suinetti nati morti. L'aggiunta di enzimi in grado di degradare i polisaccaridi non amidacei può essere un modo per migliorare la digeribilità dell'energia alimentare (Zhou et al., 2018b) e quindi consentire una dieta con particelle più grossolane, che è essenziale per evitare ulcere allo stomaco

Alimentare le scrofe in maniera ottimale, in prossimità del parto, consiste nel sapere i fabbisogni energetici delle scrofe e somministrare sufficiente quantità di energia per permettere la produzione del colostro ed un rapido parto. Tuttavia, l'alimentazione ad libitum delle scrofe prima del parto non sembra essere la soluzione, poiché ciò può aumentare il contenuto intestinale nell'intestino crasso e impedire fisicamente la nascita dei suinetti. Attualmente, raccomandiamo di fornire da 500 a 600 grammi di fibre nella dieta delle scrofe ogni giorno durante l'ultima settimana prima del parto. Questo può essere fatto alimentando le scrofe con 3,2 kg di una dieta standard per scrofe, con pari quantità di orzo e frumento e aggiungendo il 2% di polpa di barbabietola, dal momento in cui le scrofe entrano in sala parto fino al parto. La fibra, ad esempio la polpa di barbabietola, può essere fornita come supplemento, poiché non è necessario fornire fibra più di una volta al giorno. Attualmente stiamo conducendo una sperimentazione dose-risposta per comprendere meglio il livello ottimale di fibra nella dieta che dovrebbe essere fornita alle scrofe prima del parto.

Attualmente la quantità di energia che le scrofe spendono per la costruzione del nido immediatamente prima del parto è sconosciuta, ma è chiaro che comprendere il fabbisogno energetico delle scrofe durante il parto è molto importante per evitare l'eccessiva mortalità dei suinetti. I nostri studi hanno rivelato che le scrofe possono esaurire la loro energia durante il parto e le curve di alimentazione raccomandate in passato (restrizione completa o severa dell'alimentazione) non sembrano essere adeguate, poiché possono compromettere la durata del parto, il tasso di nati morti e la produzione del colostro.

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags