Leggere questo articolo in:

Si possono applicare i principi della produzione all'aperto in un allevamento intensivo? Strutture e management (II/II)

La seconda parte di questo articolo, ci dice che cosa possiamo imparare dall'istinto di fare il "nido" da parte della scrofa, dall'ingestione di pre-starter da parte dei suinetti, dal rapporto con l'operatore e dalla formazione di gruppi nei sistemi "all'aperto" da utilizzare nei nostri allevamenti chiusi...

Venerdì 29 Marzo 2019 (8 mesi 13 giorni fa)
mi piace

Correnti d'aria e l'istinto di fare il "nido"

Il letto di paglia all'interno della casetta da parto è l'elemento più cruciale per il controllo della mortalità. Il letto dovrebbe essere abbastanza alto da escludere correnti d'aria, essere abbastanza piatto da non impedire il movimento dei suinetti, asciugare per prevenire il raffreddamento e la paglia non dovrebbe essere troppo lunga perché i suinetti non si ingarbuglino. La scrofa deve avere sufficiente paglia di buona qualità per creare un nido. Se la casetta non è ben chiusa, la scrofa non può fare un buon letto perché non trova un riparo dalle correnti d'aria.

Casetta per i parti con nido
Casetta per i parti con nido

Ci sono due fasi nella costruzione del nido: nella prima fase la scrofa scava un buco e nel secondo lo copre con materiali morbidi. L'inizio della seconda fase è determinato dalla disponibilità di materiale appropriato e quanto più materiale disponibile, prima che questa fase finisca (Wischner et al, 2009).

Suinetti che allattano.
Suinetti che allattano.

Studi fatti con l'osservazione, hanno dimostrato che una scrofa che non è stata in grado di fare un nido per la sua soddisfazione prima del parto, continuerà a provare a farlo durante il parto, con conseguenti 16 cambiamenti posturali durante il travaglio rispetto a 5 delle scrofe che hanno il letto fatto a proprio piacimento. Le scrofe che hanno ricevuto 2 kg di paglia al giorno dal giorno 113 della gestazione, hanno trascorso più tempo a nidificare se fossero state alloggiate in box, rispetto a quelle che stavano in gabbia. Anche le scrofe in gabbia venivano lasciate coricare nella gabbia per sdraiarsi dopo aver partorito, più spesso rispetto alle scrofe nei box (Andersen et al, 2014). Scrofe alloggiate in gabbie aperte e con accesso a materiale per fare il nido, hanno livelli elevati di ossitocina e prolattina 3 giorni prima del parto, rispetto alle scrofe in gabbia o in gabbia aperta con segatura (Yun et al., 2014) e le scrofe in box o in gabbia aperta, hanno parti più brevi con minor intervallo tra i suinetti, rispetto alle scrofe in gabbia (Gu et al, 2011).

Scrofe irrequiete

Al momento del parto e nei giorni successivi, è importante che le scrofe siano calme. I box dei parti sono di solito visitati una volta per mettere il mangime e forse ancora una volta solo in quelli che hanno scrofe che hanno appena partorito o che stanno per partorire presto. Non è insolito in un allevamento intensivo che le sale parto siano un luogo di passaggio, un'area di magazzino o una zona che viene spesso visitata durante i parti per sorvegliare, a volte in fretta e tra le varie attività. Questo può essere controproducente dal momento che la scrofa ha bisogno di tranquillità e privacy. Lo stress è un antagonista degli ormoni che favoriscono il parto e abbassano la produzione del latte (negli esseri umani è documentato l'aumento dei tagli cesarei perché il parto è più medicalizzato (Johanson et al, 2002).

Ingestione del mangime pre-starter

In natura, i suinetti imparano a nutrirsi osservando la loro madre. Con gli alimentatori sollevati nelle gabbie e i piattini separati per i suinetti, i suinetti non vedono ciò che la loro madre mangia fino a quando non sono abbastanza grandi da saltare dentro la mangiatoia della scrofa. In "outdoor", le scrofe di solito si nutrono in tramogge o barili che consentono ai suinetti di accedere mentre la scrofa mangia, poiché sono abbastanza grandi da lasciare la casetta... È interessante sapere che esistono già test con tramogge per gabbia che consentono alla scrofa di mangiare da un lato e allo stesso tempo di consentire l'accesso ai suinetti dall'altro...

Suinetti attorno alla mangiatoia
Suinetti attorno alla mangiatoia

Relazione con l'operaio

Se ci avviciniamo con tranquillità a un gruppo di scrofe all'aperto non è insolito che, dopo una prima reazione di cautela, vengano da noi per interagire e poi seguirci attraverso il recinto. Quando non ci sono corridoi, solide recinzioni o gabbie, è praticamente impossibile che una scrofa da 200 kg faccia qualcosa che non vuole. Pertanto, la relazione che si sviluppa tra animale e persona è completamente diversa. Il rinforzo positivo viene utilizzato con premi di cibo per spostare gli animali da un luogo all'altro e non è conveniente affrettarli, perché se si spaventano e possono fuggire, possono distruggere il recinto elettrico sul loro percorso, nel peggiore dei casi a partire da una fuga precipitosa...

Per ridurre la risposta di paura nei suini, è necessaria una gestione positiva e regolare. Occorrono mesi di comportamento positivo per contrastare un'esperienza negativa (Coleman et al, 2000).

La relazione che si sviluppa tra animale e persona è completamente diversa.
La relazione che si sviluppa tra animale e persona è completamente diversa.

Formazione dei gruppi di gestazione e zone di fuga

Le scrofe gravide sono alloggiate a 25 scrofe per ettaro e di solito si cerca di lavorare con gruppi di massimo 25-30 per recinto. I gruppi di solito si formano allo svezzamento cercando di non modificarli fino al parto e sicuramente non prima delle 8 settimane di gestazione. Vengono raggruppate per dimensione e numero di parto, tenendo il più a lungo possibile le nullipare e le scrofe di 2° parto separate. I gruppi più grandi ed i gruppi dinamici non sembrano funzionare altrettanto bene ed i gruppi non sembrano così tranquilli e fissi. I recinti estesi consentono una vasta area di fuga che, sebbene non elimina l'aggressività tra le scrofe, riduce la gravità delle lesioni. Nei sistemi intensivi di gestazione in gruppo, lo spazio è limitato e di solito è strettamente conforme ai requisiti legali. È chiaro che non è possibile fornire aree di fuga così grandi, ma bisogna progettare lo spazio in modo che ci siano posti per più scrofe sottomesse che si "nascondano" ed evitare sempre i vicoli ciechi dove le scrofe possano essere intrappolate tra un muro ed un scrofa dominante...

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags