David Solà-Oriol

David Solà-Oriol
10monteiro 75j.alsaifismilebjVeryItalianPigevinyeta

UAB. Spagna

Nato nel 1977 a Vic (Osona), Barcellona, Spagna. Ha completato la sua formazione in Ingegneria Tecnico-agricola specializzandosi in Industria Agricola ed Alimentare nell'anno 2001 alla Scuola Politecnica dell'Università di Vic. Successivamente, continuò i suoi studi in Ingegneria Agraria nel ramo della produzione animale presso la Scuola Tecnica Superiore di Ingegneria Agraria a Lleida che completò nel 2003. Dopo aver realizzato un piano di formazione in produzione animale, nel 2005, ottenne il master in Produzione Animale presso la Facoltà di Veterinaria dell' "Universitat Autònoma de Barcelona" (UAB). Allo stesso tempo, dal 2003 fino al 2007 lavorò nell'IRTA, dove sviluppò un progetto con IRTA-Lucta per studiare i diversi aspetti che influenzano l'accettabilità del mangime e le preferenze dei diversi ingredienti da parte dei suini. Questo lavoro fu la base della sua tesi di dottorato in Nutrizione Animale che presentò alla Facoltà di Veterinaria della UAB nel 2008.

Dopo aver terminato il dottorato, iniziò come ricercatore e tecnico del "Servei de Nutrició d’Animals Monogastrics" (SNAM) della UAB. Dal 2009 ad ora sta lavorando come ricercatore in nutrizione animale nei non ruminanti (suini ed avicoli) nel "Servei de Nutrició i Benestar Animal" (SNiBA) del "Departament de Ciència Animal i dels Aliments de la Facultad de Veterinaria" della UAB, ​​dove ha sviluppato diversi progetti di fondazioni private e pubbliche tra l'università e le diverse imprese.

Campo di ricerca: la percezione sensoriale ed il suo ruolo nella regolazione dell'ingestione di alimento, tenendo in considerazione le interazioni tra il mangime, intestino (come effetto post-ingestione) ed il cervello, lo stato dell'alimentazione la restrizione dei nutrients, gli ormoni  intestinali ed i recettori del gusto. Da un'altra parte, la sua principale area di ricerca è la nutrizione e le performance del suino, principalmente nelle scrofe lattanti e nei suini svezzati.

Metodologie di ricerca / strategie: preferenze su alimentazione, digestione, assorbimento dei  nutrients ed ormoni intestinali.

Curriculum attualizzato: 25-Set-2013

Articoli

Togliere le medicazioni dai mangimi in svezzamento: che impatto può avere sui suinetti?...

Mortalità al giorno 14 distribuita in percentil

Dal divieto di uso di antibiotici come promotori di crescita nella UE il 1° gennanio 2006 (EC 1881/2003), il settore suinicolo sta cercando alternative per ridurre i cali di performance post-svezzamento. La maggior parte degli allevatori hanno trovano nello ZnO il rifugio per non pagare il danno produttivo e la perdita di animali in svezzamento, però stanno sorgendo dubbi e perplessità e si stanno cercando valide alternative...

... continua a leggere (+)