Martí Cortey

Martí Cortey
2dan.145.ibetlolozamora1994

CReSA – IRTA. Spagna

Laureato in Biologia (1997) presso l'Università di Girona, dove ha cominciato la sua carriera in genetica delle popolazioni ed evoluzione molecolare. Ha realizzato un Master (2000) ed il Dottorato (2005) presso l'Unità di Genetica. Durante questo periodo, ha acquisito ampie conoscenze sulla genetica delle popolazioni, filogenesi, evoluzione molecolare e bioinformatica e sopratutto profonde conoscenze tecnologiche sulle generazioni dei dati dei sequenziamenti, microsatelliti e locus delle proteine. 

Durante il suo primo post-dottorato presso il CReSA (Barcellona, Spagna), ha applicato la sua esperienza in genetica delle popolazioni ed evoluzione nel campo veterinario. Le analisi sviluppate per studiare le relazioni evolutive dei vertebrati, sono state anche usate per studiare l'evoluzione dei virus e la distribuzione dei ceppi. Ha concentrato le sue ricerche nell'applicazione di queste metodologie di analisi nel Circovirus Suino tipo 2, uno dei patogeni più importanti nei suini a livello mondiale. Nel 2010, si e trasferito al National Veterinary Institute (SVA, Uppsala, Svezia), applicando le sue conoscenze sulla variabilità genetica dei virus per lo sviluppo di nuovi strumenti diagnostici basati sulla tecnologia PCR che può avere applicazioni dirette in veterinaria. Nel 2012, fu premiato con una borsa di studio dell'Infectiopôle Sud Foundation per approfondire le proprie conoscenze bioinformatiche in un programma post-dottorato presso la Unit of Molecular Virology, Emergence and Viral Co-evolution (UMR CNRS 7268, Marsiglia, Francia). E' stato responsabile del progetto e dell'automazione dei protocolli per rilevare virus sconosciuti utilizzando la tecnologia di sequenziazione di nuova generazione. Nel 2013, ha cominciato a lavorare nelle strutture di Biosicurezza Livello 3 del Pirbright Institute (Pirbright, Regno Unito) per studiare la persistenza del virus dell'afta epizootica nel bufalo africano. Attualmente, è ricercatore dell'IRTA-CReSA (Bellaterra, Spagna). Usando un approccio multidisciplinare, lavora per migliorare l'immunità protettiva nei confronti del virus della Sindrome Respiratoria e Riproduttiva Suina, con il fine di migliorare la competitività del settore suinicolo spagnolo.

Ha una ampia conoscenza in virologia, genetica delle popolazioni, evoluzioni molecolari e bioinformatica, ed una conoscenza tecnologica profonda sulla sequenziazione di Sanger e di nuova generazione, che ha molte applicazioni in veterinaria, studiando l'evoluzione dei virus, la patogenicità e la dstribuzione dei ceppi. Ha participato attivamente a 10 progetti nazionali e 6 internazionali di I+D+i finanziati in concorsi competitivi; ha pubblicato più di 50 articoli scientifici e capitoli di libri ed oltre 40 comunicazioni orali e poster in congressi nazionali ed internazionali. Inoltre è Membro dell'International Committee on Taxonomy of Viruses e della Sociedad de Biología Catalana.

Curriculum attualizzato: 09-Apr-2016

Articoli

La sfida della classificazione tassonomica intraspecifica del PCV2

Suino di 3 mesi con MS-PCV2. Si nota la marcata colonna vertebrale

Tutti i vaccini disponibili sul mercato europeo e nordamericnao sono basati sul genotipo PCV2a, mentre i genotipi più prevalenti sono PCV2b e PCV2d. Nonostante sia già dimostrato un livello significativo di protezione crociata tra i 3 genotipi, sarebbe interessante valutare l'equivalenza dell'efficacia vaccinale nei confronti di tutti i genotipi...

... continua a leggere (+)