Leggere questo articolo in:

FAO: Commercio internazionale e turismo causa della diffusione transfrontaliera delle malattie dei suini

Mentre la globalizzazione aumenta l'interconnessione tra nazioni, economie e industrie, l'introduzione di malattie continuerà a rappresentare una grave minaccia per il settore zootecnico...

Giovedì 21 Marzo 2019 (1 mesi 2 giorni fa)
mi piace

Il settore suinicolo mondiale, a causa delle sue dimensioni e della dicotomia tra il tipo di produzione e il livello di biosicurezza è particolarmente vulnerabile alla trasmissione di malattie animali transfrontaliere come la peste suina africana e classica, l'afta epizootica o la sindrome riproduttiva e respiratoria suina. Tutto ciò rappresenta una costante minaccia per la salute dei suini, principalmente a causa del commercio internazionale formale e informale.

Ispirato alla metodologia di valutazione del rischio, la FAO ha classificato e fornito una panoramica dei diversi percorsi di introduzione e esposizione alle malattie suine, illustrati con molti esempi. Le rotte di introduzione possono essere classificate come commercio internazionale formale (animali e prodotti vivi), commercio internazionale informale (animali e prodotti vivi) e introduzione attraverso i fomiti. Il commercio formale di suini e prodotti a base di carne suina è regolato da leggi e misure che proteggono le popolazioni animali da malattie esotiche. Molto più difficile da controllare è la trasmissione transfrontaliera della malattia suina che ha origine attraverso il commercio informale, che comporta il contrabbando illegale, ma anche il trasferimento informale attraverso la frontiera di animali e prodotti per uso personale o all'interno di catene di mercato informali. I prodotti a base di carne sono quelli più comunemente coinvolti nella propagazione transfrontaliera, seguiti da fomiti di diversi tipi e suini vivi, il cui contrabbando è più difficile.

Le valutazioni del rischio possono aiutare nell'individuazione dell'introduzione del patogeno e dei percorsi di esposizione. Tuttavia, le informazioni quantitative sui percorsi informali per l'introduzione di malattie sono ancora molto scarse e spesso incomplete, il che rende difficile stimare le reali dimensioni dei rischi. Tuttavia, questa conoscenza è considerata essenziale per stabilire programmi di sensibilizzazione, prevenzione e sorveglianza basati sul rischio che corrisponde alla realtà. Questo è particolarmente rilevante in questi giorni, in quanto la PSA si è diffuso in nuove regioni e paesi negli ultimi mesi.

I risultati sono stati pubblicati su BMC Veterinary Research (Beltran-Alcrudo et al., 2019).

Venerdì 8 marzo 2019/ FAO.
http://www.fao.org

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags

Ultima ora

Bollettino settimanale di notizie del mondo dei suini

Non sei iscritto nella lista

19-Apr-201912-Apr-201905-Apr-201929-Mar-2019

Fai il log in e spunta la lista

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui