Leggere questo articolo in:

UE: Crescita del consumo globale di alimenti e cambiamento delle preferenze dei consumatori

La crescita dei redditi ed i cambiamenti nelle preferenze dei consumatori hanno portato ad un aumento del consumo di prodotti di valore più elevato (come carne e latticini) nelle economie emergenti...

Mercoledì 2 Ottobre 2019 (18 giorni fa)
mi piace

A causa di due importanti sviluppi negli ultimi due decenni in tutto il mondo - crescita del reddito e cambiamento delle preferenze dei consumatori - il consumo di cibo è cresciuto più rapidamente della popolazione mondiale. Questi sviluppi hanno portato ad un aumento del consumo di prodotti di valore più elevato (come carne e latticini) nelle economie emergenti. Allo stesso tempo, le crescenti preoccupazioni sociali e ambientali nelle economie sviluppate hanno influenzato le preferenze dei consumatori, portando ad esempio a un calo del consumo di carne rossa. Questa è una delle principali conclusioni del rapporto di mercato ‘Offerta e domanda mondiale di derrate alimentari, tendenza dei consumatori e sfide commerciali’, pubblicato recentemente dalla Commissione.

L'UE è di gran lunga il maggiore consumatore di carni suine, come carne preferita, con un consumo superiore a 40 kg per abitante. Il Nord America segue con meno di 30 kg pro capite. Il suino è anche la carne di prima scelta in Asia, dove si prevede che raggiungerà i 15 kg pro capite entro il 2020. In Africa, d'altro canto, il suino non viene consumato in modo tradizionale.

Meno dell'8% della produzione globale viene scambiata, più dell'80% delle esportazioni provengono dal Nord America e dall'UE. Il consumo in entrambe le regioni è leggermente diminuito con l'aumentare della produzione, portando ad un aumento delle eccedenze. Questi hanno raggiunto il 30% di utilizzo in Nord America e il 12% nell'UE.

In Sud America, il suo surplus è sceso a meno del 10% nell'attuale decennio, principalmente a causa dell'aumento dei consumi interni. Grazie a un significativo aumento della produzione negli ultimi anni, il deficit del Mar Nero (e più in particolare della Russia) è diminuito. L'effetto della peste suina africana (PSA) non è preso in considerazione nelle prospettive OCSE-FAO pubblicate nel 2019. L'epidemia di peste suina africana in Asia ha provocato un significativo declino della produzione (e del consumo). ), nonché un aumento delle importazioni nella regione e in particolare in Cina. Tuttavia, anche senza queste circostanze, la tendenza a lungo termine ha indicato un deficit crescente. L'aggiornamento dei sistemi di produzione (dall'agricoltura tradizionale alla produzione su larga scala) non ha avuto luogo abbastanza rapidamente da soddisfare la domanda. La PSA probabilmente accelererà questo adattamento.

Per quanto riguarda il frumento, l'UE è il secondo utilizzatore al mondo con circa 250 kg pro capite, dopo la regione del Mar Nero. Il consumo dell'UE è costantemente aumentato nel tempo, principalmente a causa dello sviluppo del settore zootecnico a causa dell'uso di grano nei mangimi. Quattro regioni forniscono grano al mondo: l'UE, la regione del Mar Nero, il Nord America e l'Oceania. L'UE è un grande esportatore di grano, rappresentando il 20% del suo utilizzo.

Il Nord America è di gran lunga il più grande utilizzatore di mais, raggiungendo quasi 900 kg per abitante, che è significativamente superiore al suo uso in Sud America (240 kg per abitante) e nell'UE, 140 kg per abitante. Il sostanziale aumento globale del mais è legato all'espansione della produzione animale e, più recentemente, alla produzione di etanolo a base di mais. Con quasi il 15% della produzione mondiale di mais commercializzata, i principali fornitori sono il Sud e il Nord America, seguiti dalla regione del Mar Nero. Al contrario, l'UE è il maggiore importatore di mais, con quasi 25 milioni di tonnellate di mais importate nel 2018/2019.

Per quanto riguarda la soia, è una coltura principalmente prodotta e commercializzata dalle Americhe. Rappresentano l'82% della produzione. A livello globale, i due terzi della disponibilità viene trasformata in farina di estrazione per il consumo umano. L'UE è il principale mercato di destinazione della farina di soia, che rappresenta il 30% del commercio mondiale. Tuttavia, le esigenze di importazione dell'UE stanno diminuendo a causa dell'uso di fonti alternative come cereali e legumi, più recentemente.

Martedì 10 settembre 2019/ DG Agri/ Unione Europea.
https://ec.europa.eu/

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags

Ultima ora

Bollettino settimanale di notizie del mondo dei suini

Non sei iscritto nella lista

18-Ott-201911-Ott-201904-Ott-201927-Set-2019

Fai il log in e spunta la lista

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui