Leggere questo articolo in:

FAO indice dei prezzi per la carne: continua il trend di aumenti modesti

Sono saliti i prezzi della carne suina, carne bovina e di pecora, mentre per il pollame è rimasto stabile.

Lunedì 19 Giugno 2017 (8 giorni fa)

L'indice dei prezzi della carne FAO a maggio si attesta a una media di 171,7 punti, vale a dire 2,5 punti (1,5%) in più rispetto al mese di aprile, seguendo il trend degli aumenti dei prezzi modesti osservati dall'inizio dell'anno. Sono saliti i prezzi della carne suina, carne bovina e di pecora, mentre le carni di pollame sono rimaste stabili. I prezzi della carne suina è aumentata a causa della forte domanda, mentre i prezzi della carne bovina hanno registrato un aumento a causa della disponibilità limitata delle esportazioni provenienti dall'Oceania. Allo stesso tempo, i prezzi della carne di pecora sono aumentati per il terzo mese consecutivo, sostenuto da scorte limitate per l'esportazione.

L'indice dei prezzi alimentari della FAO si trovava a maggio 2017 ad una media di 172,6 punti, vale a dire, 3,7 punti (2,2%) in più rispetto ad aprile e di circa 16 punti (un 10%) al di sopra del suo livello di maggio 2016. Il recupero del valore dell'indice è arrivata dopo tre mesi consecutivi di calo. Con l'eccezione dello zucchero, a maggio sono aumentati tutti gli altri indici di prezzo dei prodotti utilizzati nel calcolo dell'indice dei prezzi della FAO cibo.

L'indice dei prezzi FAO cereali ha registrato a maggio una media di 148,1 punti, vale a dire 2 punti (1,4%) in più rispetto ad aprile, ma ancora 4,4 punti (2,9 %) inferiore al suo valore di maggio 2016. Le condizioni atmosferiche e una più intensa attività supportato i prezzi del frumento commerciale per l'esportazione, mentre la forte domanda per il riso Indica una maggiore qualità ha stimolato l'aumento dei prezzi del riso internazionale per il sesto mese consecutivo. Le scorte mondiali di grandi dimensioni hanno impedito aumenti significativi per il prezzo del mais per l'esportazione.

L'indice dei prezzi degli oli vegetali FAO a maggio si attesta a una media di 168,7 punti, registrando un aumento mensile di 7,6 punti (4,7%), dopo tre mesi consecutivi di calo. L'inversione di maggio a causa principalmente dell'aumento dei prezzi di olio di palma e di soia. Mentre i prezzi di olio di palma sono stati rafforzati a causa della crescente domanda globale di importazioni, che ha reso le riserve mondiali basse; i prezzi di olio di soia sono aumentate a causa delle aspettative di forza persistente dei consumi, in particolare negli Stati Uniti. In entrambi i mercati, una domanda eccezionalmente forte ha compensato la pressione causata dal previsto miglioramento dei prezzi delle forniture globali.

FAO food commodity prices

Giovedì 8 giugno 2017/ FAO.
http://www.fao.org

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3

Pubblica un nuovo commento

captcharicaricare

tags

Ultima ora

Bollettino settimanale di notizie del mondo dei suini

Non sei iscritto nella lista

23-Giu-201716-Giu-201709-Giu-201702-Giu-2017

Fai il log in e spunta la lista

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui