Leggere questo articolo in:

La UE leader del commercio mondiale dei prodotti agroalimentari, pdf

L'UE conferma per un altro anno la sua posizione di maggiore esportatore mondiale di prodotti agroalimentari, poiché le sue esportazioni sono ammontate a 138 miliardi di euro nel 2018.

Martedì 17 Settembre 2019 (1 mesi 3 giorni fa)
mi piace

I prodotti agricoli rappresentano un'eccellente percentuale del 7% del valore delle merci totali dell'UE esportate nel 2018, al quarto posto dopo macchinari, altri manufatti e prodotti chimici. Le industrie e i servizi legati all'agricoltura e all'alimentazione creano insieme quasi 44 milioni di posti di lavoro nell'UE. La catena di produzione e trasformazione alimentare rappresenta il 7,5% dell'occupazione e il 3,7% del valore aggiunto totale nell'UE.

Le cinque principali destinazioni dei prodotti agroalimentari dell'UE rimangono gli Stati Uniti, la Cina, la Svizzera, il Giappone e la Russia, che rappresentano il 40% delle esportazioni dell'UE. Oltre a negoziare accordi commerciali che offrono nuove opportunità agli agricoltori dell'UE, la Commissione europea aiuta gli esportatori dell'Unione a entrare in nuovi mercati e ad approfittare delle opportunità commerciali attraverso attività promozionali, come le missioni di alto livello. dal commissario Hogan. Nel 2018 e 2019, il commissario Hogan, accompagnato dai produttori dell'UE, ha viaggiato in Cina, Giappone e Emirati Arabi Uniti.

Vini e vermouth continuano a dominare il paniere di prodotti esportati, con gli alcolici al secondo posto, seguiti da alimenti per l'infanzia e varie preparazioni alimentari, cioccolato, pasta e pasticceria.

Per quanto riguarda le importazioni, la relazione indica che l'UE è diventata il secondo maggiore importatore di prodotti agroalimentari, per un valore di 116 miliardi di euro di importazioni, in modo che la bilancia commerciale dell'UE in questo settore produca un saldo positivo al netto di 22 miliardi di euro.

L'UE importa principalmente tre tipi di prodotti: prodotti che non sono fabbricati nell'UE o che lo fanno solo in piccola parte, come frutta tropicale, caffè e frutta fresca o secca, che rappresentavano il 23,4% del importazioni nel 2018; prodotti destinati all'alimentazione animale, come panelli e soia, che rappresentavano il 10,8% delle importazioni; e prodotti usati come ingredienti per ulteriori lavorazioni, come l'olio di palma.

Le importazioni dagli Stati Uniti hanno registrato l'incremento più rapido nel 2018, con un aumento del 10%, il che rende questo paese il principale fornitore di prodotti agroalimentari nell'UE.

La relazione completa contiene anche una sintesi dei risultati commerciali dei principali partner dell'UE (Stati Uniti, Cina, Brasile, Giappone e Russia) e dei loro flussi commerciali con l'UE, nonché un capitolo sugli scambi e la cooperazione con i paesi meno abbienti avanzato (PMA).

agri-food trade Agri-food trade in 2018

Venerdì 6 settembre 2019/ DG Agri/ Unione Europea.
https://ec.europa.eu/agriculture

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags

Ultima ora

Bollettino settimanale di notizie del mondo dei suini

Non sei iscritto nella lista

18-Ott-201911-Ott-201904-Ott-201927-Set-2019

Fai il log in e spunta la lista

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui