Leggere questo articolo in:

OIE: cambiamento globale nell'uso di antibiotici negli animali, vedi Report in pdf

Le cifre pubblicate in un nuovo rapporto dell'Organizzazione mondiale per la salute degli animali (OIE) mostrano un'evoluzione positiva a livello mondiale nella regolamentazione e nel monitoraggio dell'uso di antimicrobici negli animali.

Martedì 26 Febbraio 2019 (1 mesi 24 giorni fa)
mi piace

L'OIE ha sviluppato un sistema volontario di raccolta dei dati in cui tutti i paesi possono partecipare. Il Report presenta i risultati generali della terza raccolta annuale di dati e fornisce un'analisi globale e regionale dal 2015 al 2017. In totale, un record di 155 paesi vi ha partecipato, dimostrando una maggiore comprensione e la priorità di questo problema su scala internazionale .

Il rapporto mostra che l'uso di antimicrobici come promotori della crescita è diminuito da 60 a 45 paesi dall'ultima raccolta di dati. Tuttavia, gli antimicrobici chiave, classificati dall'OMS come "antimicrobici di importanza critica", come la colistina, continuano a essere usati frequentemente in diverse regioni per questo scopo. A causa di questa pratica, molti dei farmaci che consideriamo efficaci attualmente sono in pericolo, sia per gli animali che per le persone.

Il rapporto mostra un'evoluzione positiva, con 72 paesi che non hanno un quadro normativo sull'uso dei promotori della crescita, che rappresenta una diminuzione rispetto alla prima relazione, che indicava che 110 paesi non ce l'avevano. Questa diminuzione suggerisce notevoli progressi nell'attuazione dei regolamenti sull'uso di agenti antimicrobici.

Per molti paesi, il processo di definizione dei sistemi di raccolta dei dati a livello nazionale è importante quanto i dati stessi. Inoltre, questa lista mostra la loro volontà di collaborare. Grazie al processo di raccolta dei dati a livello nazionale, diversi ostacoli alla raccolta di dati sulla qualità potrebbero essere compresi e identificati:

  • Struttura e applicazione inadeguata di quadri normativi per l'uso di antimicrobici;
  • Assenza di strumenti e risorse umane adeguate per facilitare la raccolta e l'analisi dei dati; e
  • Mancanza di coordinamento e collaborazione tra le autorità nazionali e il settore privato.

Il fatto che ogni anno più paesi forniscano non solo dati qualitativi ma anche quantitativi, come le quantità di agenti antimicrobici utilizzati, è incoraggiante. Il terzo rapporto registra un aumento del 32% dei dati quantitativi da quando è iniziata la raccolta dei dati.

Venerdì 14 febbraio 2019/ OIE.
http://www.oie.int

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags

Ultima ora

Bollettino settimanale di notizie del mondo dei suini

Non sei iscritto nella lista

12-Apr-201905-Apr-201929-Mar-201922-Mar-2019

Fai il log in e spunta la lista

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui