Leggere questo articolo in:

Stati Uniti, principale fornitore di semi di soia in Europa

Le importazioni di semi di soia dagli Stati Uniti verso l'Unione europea sono aumentate del 121% durante l'anno in corso (da luglio 2018 a metà aprile 2019), rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.

Giovedì 25 Aprile 2019 (29 giorni fa)
mi piace

Gli Stati Uniti, con una quota del 72% delle importazioni di soia UE, sono attualmente il principale fornitore europeo. Al contrario, l'Europa è la principale destinazione per le esportazioni statunitensi di semi di soia, con il 22%, seguita dalla Cina (18%) e dal Messico (9%).

L'aumento degli scambi in numerosi settori e prodotti, compresi i semi di soia, era uno degli obiettivi della dichiarazione congiunta, concordata tra i presidenti Juncker e Trump il 25 luglio 2018. La Commissione europea sta monitorando il suo impegno e ha periodicamente pubblicato dati sulle importazioni nell'UE di semi di soia dagli Stati Uniti. Oggi viene pubblicato il quinto rapporto aggiornato sul commercio di soia con gli Stati Uniti.

  • Rispetto alle prime 42 settimane della campagna di commercializzazione 2017/2018 (da luglio a metà aprile), nell'attuale stagione le importazioni comunitarie di semi di soia dagli Stati Uniti sono aumentate del 121%, attestandosi a 8 244 594 tonnellate.
  • Per quanto riguarda le importazioni totali di semi di soia nell'UE, quelle dagli Stati Uniti. ora rappresentano il 72%, rispetto al 36% nello stesso periodo dell'anno precedente. Pertanto, questo pone gli Stati Uniti ben prima del Brasile (21%), il secondo maggiore fornitore dell'UE, seguito da Ucraina (2,3%), Canada (1,8%) e Paraguay (0,7%).

Nel gennaio 2019, la Commissione ha concluso che i semi di soia americana sono atti per soddisfare i requisiti tecnici da utilizzare nei biocarburanti nell'UE, una decisione che crea le condizioni affinché tali esportazioni aumentino ulteriormente espandendo le loro opportunità di mercato in Europa.

Gli Stati Uniti sono anche la fonte più importante delle importazioni agroalimentari dell'UE in generale. Gli ultimi dati mostrano che, tra febbraio 2018 e gennaio 2019, il valore delle importazioni agroalimentari dagli Stati Uniti sono aumentate del 14%. Ciò rappresenta un aumento di valore di 1,5 miliardi di €, dovuto principalmente all'aumento delle importazioni di semi di soia, panelli di soia e altri prodotti.

Contesto

L'UE importa circa 14 milioni di tonnellate di semi di soia all'anno come fonte di proteine per l'alimentazione animale, in particolare pollame e suini e bovini, nonché per la produzione di latte. Grazie ai suoi prezzi competitivi, i semi di soia dagli Stati Uniti sono un'opzione di grande interesse per gli importatori e gli utenti europei da utilizzare come mangimi.

Martedì 16 aprile 2019/ CE/ Unione Europea.
http://europa.eu/rapid

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags

Ultima ora

Bollettino settimanale di notizie del mondo dei suini

Non sei iscritto nella lista

24-Mag-201917-Mag-201910-Mag-201903-Mag-2019

Fai il log in e spunta la lista

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui