Leggere questo articolo in:

UE: resistenza agli antimicrobici, senza segni di decelerazione

"Il rapporto suona, ancora una volta, sugli allarmi, stiamo entrando in un mondo in cui le infezioni sempre più comuni diventano difficili, o anche a volte impossibili, da trattare".

Giovedì 7 Marzo 2019 (2 mesi 15 giorni fa)
mi piace

I dati pubblicati dal Centro europeo per la prevenzione e controllo delle malattie (ECDC) e l'Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) rivelano che gli antimicrobici usati per curare le malattie che possono essere trasmesse tra animali ed esseri umani, come il Campylobacter e salmonellosi, stanno diventando meno efficaci.

Vytenis Andriukaitis, commissario europeo per la Salute e la sicurezza alimentare, ha dichiarato: "Il rapporto suona, ancora una volta, gli allarmi. Questo dimostra che stiamo entrando in un mondo in cui le infezioni sempre più comuni diventano difficili o talvolta addirittura impossibile, per il trattamento. Tuttavia, le politiche nazionali ambiziose in alcuni paesi che limitano l'uso di antimicrobici hanno portato ad una diminuzione della resistenza antimicrobica ".

Secondo il rapporto, che si riferisce ai dati 2017, la resistenza ai fluorochinoloni (ad esempio, ciprofloxacina) è così alta in Campylobacter in alcuni paesi questi antimicrobici non agiscono più per il trattamento di gravi casi di campilobatteriosi.

La maggior parte dei paesi ha riferito che la salmonella negli esseri umani è sempre più resistente ai fluorochinoloni. Il multidrug resistance (resistenza a tre o più antimicrobici) è elevata in Salmonella nell'uomo (28,3%) ed animali, in particolare S. typhimurium.

Per il Campylobacter sono state trovate percentuali di batteri altamente resistenti a ciprofloxacina e tetracicline. Tuttavia, la resistenza critica antimicrobica combinata era da bassa a molto bassa in Salmonella e Campylobacter nell'uomo e negli animali, e l'indicatore animali E.coli.

"Ora è il momento di cambiare il corso della resistenza antimicrobica, se vogliamo che gli antibiotici funzionino," ha dichiarato Mike Catchpole, Chief Scientist dell'ECDC. "È particolarmente preoccupante quando si parla di resistenza combinata: anche proporzioni basse significano che molte migliaia di pazienti in tutta l'UE hanno opzioni terapeutiche limitate per le infezioni gravi".

Marta Hugas, Principal scientific dell'EFSA ha dichiarato: "Abbiamo visto che quando gli Stati membri hanno attuato politiche rigorose, la resistenza antimicrobica negli animali è diminuita. Le relazioni annuali delle agenzie europee e nazionali includono esempi degni di nota. Questo dovrebbe essere di ispirazione per altri paesi ".

Esplora i dati: Resistenza antimicrobica in Europa

Mercoledì 27 febbraio 2019/ EFSA/ Unione Europea.
http://www.efsa.europa.eu

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags

Ultima ora

Bollettino settimanale di notizie del mondo dei suini

Non sei iscritto nella lista

17-Mag-201910-Mag-201903-Mag-201926-Apr-2019

Fai il log in e spunta la lista

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui