Leggere questo articolo in:

USA: export carni suine di aprile al di sotto dei livelli del 2018, analisi dei flussi

Le esportazioni di carni suine sono state pari a 216.757 Mt ad aprile, in calo del 6% rispetto a un anno fa, per un valore di $ 535,2 milioni (-8%). Anche le esportazioni da gennaio ad aprile sono diminuite del 6% rispetto allo scorso anno (817.025 tonnellate) e il loro valore è sceso del 12% a poco più di $ 2 miliardi.

Giovedì 20 Giugno 2019 (5 mesi 24 giorni fa)
mi piace

Secondo l'USMEF, il 20 maggio, il diritto di ritorsione del 20% sulla maggior parte delle carni suine statunitensi che entrano in Messico è stato rimosso, con Stati Uniti, Messico e Canada che hanno raggiunto un accordo sulle tariffe. acciaio e alluminio. Ovviamente era troppo tardi per aumentare le esportazioni di carne suina da aprile al Messico, che sono diminuite del 30% in volume (54,971 tonnellate) e del 29% in valore, per raggiungere $ 94,5 milioni. Da gennaio ad aprile, le esportazioni verso il Messico sono diminuite del 18% in volume (232.391 tonnellate) e del 29% in valore ($ 356,5 milioni).

Il presidente Trump ha proposto una tariffa del 5% su tutte le merci importate dal Messico, a meno che non vengano prese ulteriori misure per combattere l'immigrazione clandestina al confine tra Stati Uniti e Messico. L'imposta entrerebbe in vigore il 10 giugno e aumenterà al 25% dal 1 ° ottobre, ma i negoziati sono in corso e il Messico non ha ancora annunciato misure di ritorsione.

Anche la carne suina statunitense presenta uno svantaggio significativo in Cina, dove le imposte di ritorsione sono ancora in vigore e i concorrenti si stanno preparando a colmare il deficit di carni suine in Cina a causa della peste suina africana. Le esportazioni da gennaio ad aprile verso la Cina e Hong Kong sono state del 16% (128.200 tonnellate) inferiori rispetto allo scorso anno e del 32% ($ 242 milioni).

Il principale mercato in termini di valore, il Giappone, non ha imposto nuove tariffe alle carni suine statunitensi, ma i suoi principali concorrenti (carni suine europee, canadesi e messicane) hanno ottenuto una deroga fiscale nel 2019. L'export di carni suine dagli Stati Uniti in Giappone tra gennaio e aprile è diminuito del 7% rispetto allo scorso anno in volume (123.166 tonnellate) e diminuito del 9% (493,3 milioni di dollari), mentre la quota delle importazioni dagli USA al Giappone sono passate dal 36% dello scorso anno al 32%. Le importazioni giapponesi di carne suina stagionata sono diminuite di quasi $ 40 milioni, il più grande calo.

Alcuni dei fatti importanti per il suino americano da gennaio ad aprile :

  • La forte performance del mercato principale, la Colombia, nonché l'eccellente crescita di Cile e Perù, hanno permesso alle esportazioni del Sud America di superare il volume record dello scorso anno del 57% (57.005 tonnellate) e 42% ($ 136,9 milioni) in valore. In Colombia, dove USMEF ha contribuito a incrementare la domanda di carne suina statunitense attraverso campagne promozionali, seminari di formazione e maggiori sforzi per superare gli ostacoli tecnici, le esportazioni sono aumentate del 25% rispetto l'anno precedente ha raggiunto 37.283 tonnellate per un valore di 79,6 milioni di dollari (+ 17%). L'anno scorso, nonostante l'aumento della produzione interna, il mercato colombiano ha importato oltre US $ 215 milioni di carne suina statunitense, più del doppio del valore esportato nel 2016.
  • Le esportazioni in America Centrale, che hanno registrato anche un anno record nel 2018, sono aumentate dell'11% in volume (29.321 tonnellate) e dell'8% in valore ($ 68,3 milioni), trainate da Guatemala, Panama e Costa Rica.
  • Le esportazioni di aprile verso l'Australia sono state le maggiori nel 2019, portando il volume da gennaio ad aprile a 37.979 tonnellate (+ 37% rispetto al ritmo record dello scorso anno) per un valore di $ 98,6 milioni (+ 21%). Anche le esportazioni verso la Nuova Zelanda hanno registrato un ottimo andamento nel 2019, con un incremento del 53% in volume (3.390 tonnellate) e del 36% in valore ($ 10,1 milioni). L'Oceania è una regione importante per i prosciutti americani utilizzati per l'ulteriore lavorazione, che è particolarmente importante in un momento in cui le esportazioni di prosciutto in Messico e in Cina sono state soggette a pressioni fiscali.
  • Nonostante le restrizioni sulla ractopamina a Taiwan, le esportazioni sono aumentate dell'80% in volume (8.819 tonnellate) e del 55% in valore ($ 19,3 milioni). Le esportazioni verso Taiwan sono diminuite nel 2016 ma si sono riprese negli ultimi due anni e mezzo.

Venerdì 7 giugno 2019/ USMEF/ USA.
https://www.usmef.org

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags

Ultima ora

Bollettino settimanale di notizie del mondo dei suini

Non sei iscritto nella lista

13-Dic-201906-Dic-201929-Nov-201922-Nov-2019

Fai il log in e spunta la lista

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui