Leggere questo articolo in:

USA: Wisconsin esigerà un certificato sullo status della PRRS dei suini che entrano

Il Dipartimento dell'Agricoltura del Wisconsin esigerà a partire dal 1° marzo un permesso di importazione per i suini dove si specifica lo status della PRRS dell'allevamento d'origine.

Venerdì 22 Febbraio 2013 (5 anni 4 mesi 29 giorni fa)

Il Dipartimento dell'Agricoltura, Commercio e Protezione del Consumatore dello stato americano del Wisconsin ha annunciato che a partire dal 1° di marzo l'entrata dei suini vivi in questo stato sarà corredato da un certificato di importazione in cui sarà specificato lo status dell'allevamento d'origine per la PRRS mediante un cerificato d'ispezione veterinaria (CVI).

Secondo il Segretario dell'Agricoltura, Ben Brancel, "il valore della genetica dei suini riproduttori nel Wisconsin richiede la tutela del settore da questa malattia devastante". "Il primo passo per ottenere questa protezione è monitorare la situazione della PRRS dei suini che entrano nel nostro stato".

La PRRS è comparsa per la prima volta negli USA nel 1987 e si stima che la malattia costi all'industria suinicola degli USA oltre $ 600 milioni all'anno.

Giovedì 7 febbraio 2013/ DATCP-Wisconsin/ USA.http://datcp.wi.gov/

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags

Ultima ora

Bollettino settimanale di notizie del mondo dei suini

Non sei iscritto nella lista

20-Lug-201813-Lug-201806-Lug-201829-Giu-2018

Fai il log in e spunta la lista

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui